enero 26, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Storica Miss America: Emma Broyles è la prima coreano-americana e la prima dell’Alaska a vincere il titolo di Miss America

Anchorage, Alaska – La neo-incoronata Miss America ha fatto la storia, diventando la prima coreano-americana e la prima dell’Alaska a detenere quel titolo nei 100 anni di storia della competizione.

«Non avrei mai immaginato di essere Miss America tra un milione di anni, figuriamoci Miss Alaska», ha detto raggiante Emma Broyles all’Associated Press venerdì durante una chiamata Zoom dal Connecticut. 12 ore fa.

In effetti, era sicura che si sbagliassero. Le ultime due concorrenti sono Miss Alabama e Lauren Bradford, e Broyles ha detto che pensava che Bradford sarebbe diventata la splendida Miss America.

Poi hanno detto Alaska e io ho detto: ‘Assolutamente no. sei sicuro? Vuoi controllare di nuovo quella carta? Ha detto prima di calmarsi e ha iniziato a piangere lacrime di gioia.

«Non potevo crederci», ha detto Broyles. «Sono così grato a tutti coloro che a casa mi hanno supportato per così tanto tempo e sono così felice di essere riuscito a riportare il titolo di Miss America in Alaska per la prima volta nella storia».

Il primo programma di Miss America iniziò nel 1921 come concorso di bellezza ad Atlantic City, nel New Jersey.

Tuttavia, Broyles è solo la 94a Miss America.

La competizione, che si è evoluta dall’attenzione all’aspetto per concentrarsi sulla leadership, sul talento e sulle capacità comunicative, non si è tenuta l’anno scorso a causa della pandemia e non si è tenuta per diversi anni tra la fine degli anni ’20 e l’inizio degli anni ’30.

Broyles, 20 anni, ha detto che i suoi nonni sono immigrati dalla Corea ad Anchorage circa 50 anni fa, prima che sua madre nascesse.

READ  Paul Bettany parla dell'esperienza di ottenere sceneggiature per Johnny Depp - The Hollywood Reporter

«Sebbene mia madre sia completamente coreana, è nata e cresciuta ad Anchorage, in Alaska», ha detto Broyles.

L’organizzazione Miss America «crede che Emma sia la prima coreano-americana a vincere il titolo», ha detto il portavoce Matt Sislock in un messaggio di testo all’Associated Press.

Sua madre è un’insegnante di educazione speciale alla Service High School di Anchorage, la stessa scuola frequentata da Broyles.

Broyles ha scelto Special Olympics per la sua iniziativa di impatto sociale. Oltre alla posizione di sua madre, suo fratello maggiore Brendan soffre di sindrome di Down e gareggia in eventi sportivi con le Olimpiadi speciali dell’Alaska.

«Ho visto in prima persona l’impatto delle Olimpiadi Speciali sulle famiglie delle persone con disabilità intellettiva. So quanto siano importanti le Olimpiadi Speciali per la nostra comunità qui ad Anchorage e qui in Alaska, così come per le comunità in tutto il paese e in tutto il mondo.»

Broyles ha detto che non vede l’ora di lavorare con Special Olympics per promuovere l’inclusione, l’empatia e l’apertura attraverso lo sport.

“Avere questa piattaforma per parlare del perché l’inclusione è così importante in un momento come questo in cui il nostro Paese è così diviso e per parlare del perché è importante essere empatici, perché è importante essere empatici e perché è importante mantieni una mentalità aperta e la volontà di ascoltare coloro che non sono come te o forse hanno opinioni diverse da te, penso che questo sia il momento di cui abbiamo bisogno più che mai.

La vittoria di Broyles nel titolo di Miss America non è stato il primo ostacolo che una donna dell’Alaska ha superato quest’anno. La scorsa estate, l’adolescente Lydia Jacoby di Seward, in Alaska, è uscita dal nulla per vincere i 100 metri rana femminili alle Olimpiadi di Tokyo. È diventata la prima Alaska a qualificarsi per le Olimpiadi nel nuoto, per non parlare della vittoria di una medaglia d’oro.

READ  Harry Styles aiuta i fan a parlare con sua madre alla festa di Milwaukee

«Penso che sia incredibilmente meraviglioso per le donne dell’Alaska rappresentare l’Alaska, rappresentare così bene il nostro paese natale e ottenere il riconoscimento che penso che meritiamo», ha detto Broyles.

Insieme al suo soprannome, Broyles ha guadagnato poco più di $ 100.000 in borse di studio universitarie, che descrive come una «somma di denaro che cambia la vita».

Attualmente è una studentessa dell’Arizona State University che studia scienze biomediche e performance vocale e ha affermato che i soldi della borsa di studio le consentiranno di frequentare la scuola di medicina.

L’anno prossimo, la Miss America Organization ha dichiarato in una dichiarazione che l’anno prossimo viaggerà per circa 20.000 miglia ogni mese per essere un modello e un sostenitore delle giovani donne.

I piani futuri di Broyles includono diventare un dermatologo e tornare in Alaska per esercitare la sua professione.

«C’è qualcosa di speciale in Anchorage, ed è per questo che so che voglio trascorrere il resto della mia vita ad Anchorage, nonostante questo piccolo divario che mi sto prendendo», ha detto.

Copyright © 2021 di Associated Press. Tutti i diritti riservati.