septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Stazione spaziale internazionale: il capo spaziale russo afferma che “il divorzio non è possibile” dagli Stati Uniti

“Questa è una famiglia, dove non è possibile divorziare all’interno della stazione”, ha detto Dmitry Rogozin alla CNN nella sua prima intervista con i media occidentali da quando è diventato direttore generale di Roscosmos.

“O lavoriamo insieme e poi le sanzioni dovrebbero essere revocate immediatamente, o non lavoreremo insieme” e la Russia pubblicherà la propria stazione satellitare, ha detto Rogozin a giugno, secondo i media statali russi, TASS.

Ora sembra che Rogozin smentisca di aver fatto tali minacce davanti alla camera bassa del parlamento russo.

“Penso che ci sia un problema con l’interpretazione. Molto probabilmente, non l’ho detto”, ha detto Rogozin alla CNN, parlando in russo. Le sue parole sono state tradotte da un interprete nominato dalla CNN.

“Stiamo solo parlando di come possiamo continuare le nostre relazioni tra compagni e amichevoli con i nostri partner americani, quando il governo degli Stati Uniti sta attuando sanzioni contro le stesse organizzazioni che riforniscono la Stazione Spaziale Internazionale”.

Un altro test della partnership spaziale tra Stati Uniti e Russia

È un rapporto politicamente testato e in orbita.

A luglio, un’unità russa di Nauka appena attraccata ha lanciato per errore i suoi lotti, In orbita intorno alla stazione spaziale di ControNS. A quel tempo, a bordo c’erano tre astronauti della NASA, due cosmonauti russi, un astronauta giapponese e un astronauta dell’ESA. “Abbiamo un problema”, ammette Rogozin, incolpandolo di un errore umano.

“L’attrezzatura non si guasta da sola”, ha detto Rogozin. “Per 21 anni non abbiamo fatto nulla di simile. Una generazione più anziana, che sapeva come ancorare una struttura complessa come questa, è andata in pensione”.

La Stazione Spaziale Internazionale perde brevemente il controllo dopo il guasto di un nuovo modulo russo

L’incidente ha sollevato dubbi sull’affidabilità di Roscosmos come il più grande partner della NASA sulla Stazione Spaziale Internazionale. Ma ora che la Nauka da 23 tonnellate – che aggiunge spazio ai laboratori russi e ai dormitori – è operativa, Rogozin afferma che è una “garanzia” che la Russia ha “la capacità tecnica di far funzionare l’impianto fino al momento in cui raggiungerà fine della sua vita operativa”.

READ  L'ultima spedizione della stazione spaziale della NASA include un sistema di stampa 3D per il suolo lunare

Gli Stati Uniti e la Russia sono partner nello spazio sin dal progetto di test Apollo-Soyuz nel 1975, quando una navicella spaziale americana Apollo attraccò a una capsula Soyuz sovietica, segnando la fine della prima corsa allo spazio.

La NASA progetta nuove tute spaziali per la prossima missione lunare nel 2024

“Penso che la cooperazione con i russi, che esiste dal 1975, continuerà”, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson, parlando all’annuale Space Symposium a Colorado Springs il 25 agosto.

Gli Stati Uniti hanno tentato di estendere questa partnership nello spazio alla Luna attraverso il nuovo programma Artemis della NASA. Ma finora la Russia si è rifiutata di partecipare.

“Affinché ciò accada, chiediamo condizioni dignitose alla NASA. Non vogliamo essere aiutanti o servitori”, ha detto Rogozin. “La condizione principale è la parità di diritti quando si discutono questioni e si prendono decisioni congiunte. Questo è ciò che abbiamo oggi sulla Stazione Spaziale Internazionale”.

Rapporto anche con un altro paese

Rogozin insiste sul fatto che la Russia vuole mantenere la sua partnership nello spazio con gli Stati Uniti. “Rispettiamo i nostri partner negli Stati Uniti”, ha detto Rogozin. “siamo amici.”

Ma a giugno, la Russia ha anche annunciato l’intenzione di costruire una base sulla Luna con la più recente superpotenza spaziale del mondo: la Cina.

Il senatore repubblicano Jerry Moran del Kansas, un membro di rango del sottocomitato per il commercio, la giustizia e la scienza, afferma che le azioni parlano più delle parole.

“La Russia ha inviato un chiaro segnale stabilendo un’alleanza con la Cina per esplorare la luna piuttosto che continuare la sua storica partnership unendosi agli Stati Uniti”, ha detto Moran, parlando al simposio spaziale.

READ  La campagna di lobbying Anti-SpaceX getta nuova luce sul manzo Biden di Elon Musk

Pressato se Roscosmos fosse disposto ad abbandonare questa partnership decennale con la NASA, Rogozin è stato vago.

“Siamo contenti che tu ci guardi come una sposa che cerca di ingannare uno sposo e ne sceglie un altro, ma non è quello che sembra”, ha detto Rogozin.

Rogozin vuole che Roscosmos condivida lo spazio sia con gli Stati Uniti che con la Cina. “Se non possiamo lavorare con gli Stati Uniti – non per colpa nostra, e penso che si possa cambiare – ma se così non fosse, per dividere responsabilità, rischio e denaro, abbiamo bisogno, ovviamente, di un altro partner”, ha detto Rogozin.

Il nuovo capo della NASA su un razzo SpaceX Mars, UFO e ritorno sulla luna

Nelson ha in programma di incontrare Rogozin, probabilmente in Russia, entro la fine dell’anno.

Alla domanda su una risposta ai commenti di Rogozin, Nelson ha dichiarato: “Non vedo l’ora di continuare la cooperazione con Roscosmos sulla Stazione Spaziale Internazionale fino al 2030 e in futuro”. Ma Nelson non ha affrontato le condizioni specifiche richieste da Rogozin prima che la Russia firmasse il programma Artemis.

Al termine di un’intervista durata circa un’ora, Rogozin ha affermato di avere un’ultima “grande richiesta” agli Stati Uniti per mantenere questa esperienza decennale nella diplomazia spaziale.

“L’America è un grande paese. In quanto grande paese, deve essere gentile e leale. Deve proporre termini al suo partner russo, molto più piccoli in termini di dimensioni della sua popolazione, rispetto alle dimensioni della sua economia. Se queste condizioni saranno sia così. Li accetteremo con la nostra dignità, ora la palla è nelle mani della Nasa e degli Stati Uniti”.