enero 28, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Stamattina Novak Djokovic scoprirà il suo destino agli Australian Open

Novak Djokovic scoprirà il suo destino agli Australian Open questa mattina dopo aver scoperto che il numero 1 del mondo ha falsificato le risposte sul suo modulo di immigrazione nel tentativo di battere le misure di vaccinazione aggressive del Paese.

  • Novak Djokovic imparerà se potrà giocare agli Australian Open mercoledì
  • Si è scoperto che lo scienziato n. 1 aveva falsificato una risposta ai modelli di immigrazione
  • Questo reato, in teoria, comporta una pena massima di 12 mesi di reclusione


Novak Djokovic si prepara a scoprire il suo destino agli Australian Open mercoledì mattina dopo che è emerso un altro mistero nella sua storia.

È stato scoperto che lo scienziato n. 1 ha falsificato la risposta ai suoi moduli di immigrazione relativi alla sua ubicazione per 14 giorni prima di entrare in Australia, un reato che teoricamente comporta una pena massima di 12 mesi di prigione.

In un altro sviluppo, si scopre che il suo modulo di autorizzazione al viaggio è stato compilato da Tennis Australia, il che mostra quanto siano strettamente correlati all’intero processo di richiesta.

Novak Djokovic si prepara a scoprire il suo destino agli Australian Open mercoledì mattina presto

Questi fattori sono stati valutati dal ministro dell’Immigrazione di Canberra, Alex Hawke, che avrebbe dovuto decidere oggi se la star non vaccinata potesse rimanere nel paese.

Hook ha il potere di ribaltare una sentenza del tribunale lunedì che ha rilasciato Djokovic dal suo hotel.

READ  COP26: Cinque brevi appunti sul clima dal nono giorno dei colloqui di Glasgow

In qualche modo, il giocatore, la sua dirigenza e Tennis Australia hanno escogitato di dare la risposta sbagliata, spuntando la casella «no» alla domanda se avesse viaggiato nelle due settimane prima del suo arrivo.

È sorprendente, per non dire altro, dato che il 34enne serbo sembrava avere un piano per prepararsi al meglio per l’Australia.

Ha seguito un percorso impegnativo di qualcuno che trascorre la maggior parte delle sue settimane libere tra tre basi: Belgrado, Monaco e Marbella. Il giorno di Natale è stato fotografato nella capitale serba, ma a Capodanno è stato filmato mentre si allenava al Puente Romano, località balneare e per il tennis, nel sud della Spagna.

Resta da vedere se permetterà a Djokovic di partecipare agli Australian Open

Resta da vedere se permetterà a Djokovic di partecipare agli Australian Open

Secondo quanto riferito, stava usando le stesse palle usate agli Australian Open, tuttavia il viaggio non è stato reso pubblico alle autorità australiane.

Si aggiunge alle altre due aree di domande senza risposta relative sia al test positivo del 16 dicembre che alla perdita della scadenza del 10 dicembre di Tennis Australia per richiedere un’esenzione dal vaccino.

Detta una fonte è in regola Posta sportiva Che la richiesta di Djokovic sia stata respinta due volte prima del 10 dicembre, anche se non è stato possibile verificarlo.

Il mistero sul test del 16 dicembre si è approfondito la scorsa notte quando sono emerse prove dalla pubblicazione tedesca Der Spiegel – utilizzando un codice a barre QR sui documenti del tribunale di Djokovic – indicando che era già stata registrata il 26 dicembre.

Djokovic deve ancora spiegare perché ha partecipato a un evento pubblico e a un servizio fotografico il 17 e 18. Un test positivo a Santo Stefano, anziché il 16 dicembre, potrebbe spiegarlo.

La diagnosi di Covid dopo Natale avrebbe potuto causare più problemi mentre viaggiava, in Spagna a fine dicembre e in Australia il 4 gennaio, soprattutto per qualcuno che non è stato vaccinato.

Se Djokovic potrà difendere il suo titolo, farà parte della piccola minoranza di persone non accompagnate ammesse al Melbourne Park, poiché è obbligatorio per giocatori, lavoratori e spettatori.

In una comica svolta degli eventi, è emerso anche che al giocatore deve essere concessa un’esenzione per frequentare gli uffici del suo studio legale, Hall e Wilcox che, secondo il Sydney Morning Herald, non consentono a persone non protette di entrare dalla porta di casa. .

In attesa dell’esito delle indagini del ministero, sono continuate ad emergere le reazioni dei giocatori. Andy Murray si è lamentato del fatto che l’intero episodio abbia oscurato la preparazione per il Grande Slam.

Djokovic è stato pesantemente criticato dai suoi compagni di squadra professionisti, in particolare Marton Vosovic

Djokovic è stato pesantemente criticato dai suoi compagni di squadra professionisti, in particolare Marton Vosovic

«Vogliamo i migliori giocatori in circolazione, ma ci sono domande a cui rispondere. Fino a quando ciò non accadrà, è difficile dare un’opinione definitiva».

Uno sguardo più forte è arrivato dal numero 38 del mondo Marton Fucsovics.

«La salute delle persone è di fondamentale importanza e ci sono regole stabilite mesi fa, ovvero che tutti dovrebbero vaccinarsi senza che Djokovic lo faccia», ha detto. «Da quel punto di vista, non credo che dovrebbe avere il diritto di stare qui».

Annunci

READ  Una petroliera esplode in Sierra Leone, uccidendo almeno 92 persone