septiembre 20, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Sono state scoperte tre nuove specie di puzzola maculata in piedi

Una puzzola maculata è in piedi sulle sue mani. Credito: (c) Jerry W. Drago

Ridisegnare una sottospecie in via di estinzione come specie separata potrebbe aiutare a proteggere.

Immagina una puzzola. Potresti pensare a un animale tarchiato, delle dimensioni di un gatto domestico, nero a strisce bianche, come Pepé Le Pew. Questo descrive la puzzola nordamericana più comune, la puzzola a strisce, ma hanno anche cugini più piccoli. Gli scienziati hanno ancora molto da imparare sulla puzzola maculata, a partire da quante specie ci sono: nel corso degli anni, il numero di specie riconosciute è variato da due a quattordici e, di recente, gli scienziati hanno concordato che ce ne sono quattro. Ma in un nuovo giornale in Genetica molecolare ed evoluzioneI ricercatori hanno analizzato la skunk DNA E ho scoperto che dopotutto non ci sono quattro specie di puzzola maculata: ce ne sono sette.

“Il Nord America è uno dei continenti più studiati in termini di mammiferi e i carnivori sono uno dei più studiati”, afferma Adam Ferguson, uno degli autori dell’articolo e direttore delle Negaunee Mammal Collections presso il Chicago Field Museum. “Tutti pensano che sappiamo tutto sui sistemi dei mammiferi carnivori, quindi essere in grado di ridisegnare l’albero genealogico della puzzola è molto eccitante”.

puzzola maculata

Puzzola maculata. Credito: (c) Robbie Fleischman

Le puzzole, come i procioni, le lontre e le donnole, fanno parte dell’ordine dei carnivori dei mammiferi (sono onnivori, però). Sono lontanamente imparentati con i cani e ancora più strettamente imparentati con i gatti. Le puzzole maculate si trovano in tutto il Nord America, ma non si trovano mai a casa nelle aree urbane come fanno i loro cugini a strisce. La maggior parte delle puzzole maculate pesa meno di due libbre, mentre le puzzole a strisce possono far pendere la bilancia a più di dieci. Come suggerisce il nome, hanno macchie invece di striature (anche se tecnicamente sono solo striature rotte). E mentre tutte le puzzole producono uno spray maleodorante per scoraggiare i predatori, le puzzole maculate hanno i mezzi più brillanti per diffonderlo: mettono una mano sulle zampe anteriori come avvertimento extra prima di spruzzare. “Le puzzole maculate sono talvolta chiamate acrobati del mondo delle puzzole”, afferma Ferguson.

READ  Scopri i segni dell'attività geologica su Venere

Gli scienziati si sono interessati a lungo della puzzola maculata: la prima specie ufficialmente riconosciuta dalla scienza occidentale è stata descritta nel 1758 da Carlo Linneo, l’inventore del sistema di nomenclatura biologica ancora in uso oggi. Nel corso degli anni sono state riconosciute fino a quattordici specie, anche se negli ultimi decenni questo numero si è condensato a quattro. Tuttavia, Ferguson sospettava che potessero essercene di più, a causa della mancanza di dati sulla sequenza genetica da gruppi morfologicamente distinti o geograficamente isolati di questo ampio genere. “Pensavamo che avrebbero dovuto esserci delle sorprese quando si trattava della diversità osservata delle moffette, perché il genere nel suo insieme non è stato analizzato correttamente utilizzando i dati genetici”, afferma Ferguson.

Cercasi poster di puzzola maculata

Un poster “Ricercato” che richiede l’uso di esemplari di puzzola distrutti nella ricerca. Credito: (c) Adam Ferguson

Sebbene i carnivori del Nord America siano ampiamente conosciuti, le puzzole sono spesso studiate, in parte perché catturarle è un buon modo per spruzzare. Inoltre, le puzzole maculate sono agili e brave ad arrampicarsi sugli alberi e di solito si trovano in aree remote. Per ottenere i campioni necessari per lo studio, i ricercatori hanno dovuto essere creativi.

“Abbiamo realizzato poster di ricercati che abbiamo distribuito in tutto il Texas nel caso in cui le persone li mettessero alle strette o trovassero un omicidio stradale”, afferma Ferguson, che ha iniziato a raccogliere campioni utilizzati in questo progetto mentre lavorava al suo master alla Angelo State University. “Le persone riconoscono le puzzole maculate come qualcosa di speciale, perché non le vedi tutti i giorni, quindi non sono il tipo che le persone si limitano a dipingere”.

READ  Come ha fatto un custode a trovare una delle più grandi scoperte fossili nella storia della California | California

Oltre agli esemplari moderni, gli scienziati hanno utilizzato le puzzole nelle collezioni del museo. “Se stiamo cercando di raccontare la storia completa dell’evoluzione della puzzola, abbiamo bisogno del maggior numero possibile di esemplari”, afferma Ferguson. “Ad esempio, non avevamo tovaglioli moderni dall’America centrale o dallo Yucatan. Siamo stati in grado di utilizzare le collezioni del museo per riempire quei buchi”. In tutto, i ricercatori hanno raccolto una collezione di 203 esemplari di puzzola maculata.

Adam Ferguson Field Museum Esemplari di puzzola maculata

Adam Ferguson nelle collezioni del Field Museum con esemplari di puzzola maculata. Credito: per gentile concessione di Adam Ferguson

I ricercatori hanno prelevato campioni di tessuto dalle puzzole e hanno analizzato il loro DNA. Il confronto delle sequenze di DNA ha rivelato che alcune delle puzzole precedentemente considerate la stessa specie erano fondamentalmente diverse. Queste differenze genetiche hanno spinto i ricercatori a ricombinare alcune puzzole e a far rivivere diversi nomi di specie che non venivano usati da secoli.

“Sono stato in grado di estrarre il DNA da campioni museali secolari ed è stato davvero emozionante vedere con chi sono imparentati questi individui. Si scopre che Molly McDonough, professore di biologia alla Chicago State University, ricercatrice associata al Field Museum , e primo autore del documento di ricerca: che una di queste specie era un endemico attualmente non riconosciuto dello Yucatan.

Tra le nuove specie descritte ci sono la puzzola maculata dello Yucatan, una puzzola delle dimensioni di uno scoiattolo che si trova solo nella penisola dello Yucatan, e la puzzola maculata delle pianure. La puzzola macchiata delle pianure è in declino nel secolo scorso e gli ambientalisti hanno presentato una petizione per la sua inclusione nell’elenco delle sottospecie in via di estinzione. “Se una sottospecie è in difficoltà, a volte l’obiettivo è meno proteggerla perché non è un lignaggio evolutivo distinto come una specie”, afferma Ferguson. “Abbiamo dimostrato che le puzzole maculate delle pianure sono distinte a livello di specie, il che significa che si sono evolute indipendentemente dalle altre puzzole per molto tempo. Una volta che qualcosa porta un nome di specie, è facile da mantenere e proteggere. “

READ  La sonda Curiosity della NASA ha catturato immagini straordinarie di nuvole sulla superficie di Marte

L’albero genealogico delle puzzole rivisto potrebbe anche essere uno strumento per gli scienziati che desiderano comprendere la biologia riproduttiva delle puzzole. “Oltre al fatto che fanno una verticale, la cosa più bella delle puzzole maculate è che alcune di loro praticano la deposizione delle uova ritardata: si riproducono in autunno, ma non partoriscono fino alla primavera. Ritardano l’impianto nell’utero, si blocca per un po'”, afferma Ferguson. “Vogliamo sapere perché alcune specie ritardano l’impianto mentre altre no, e capire come si sono evolute queste diverse specie di puzzole può aiutarci a farlo”.

E mentre le puzzole non sono sempre gli animali più popolari, i ricercatori affermano che capire come si sono evoluti e come li hanno protetti dall’estinzione è importante per il nostro intero ecosistema.

“Analizzando il genoma della puzzola maculata, siamo stati in grado di dire che la sua evoluzione e divisione in specie diverse è stata guidata dal cambiamento climatico durante l’era glaciale”, afferma Ferguson. “I diversi ceppi che abbiamo trovato potrebbero aiutarci a trovare diversi angoli di conservazione per proteggerli in futuro”.

Riferimento: “Sistemi evolutivi di puzzole maculate (Carnivora, Mephitidae, spelogali): ulteriore diversità delle specie e cambiamento climatico nel Pleistocene come uno dei principali fattori di diversificazione” di Molly M. McDonough, Adam W. Ferguson e Robert C. Genetica molecolare ed evoluzione.
DOI: 10.1016 / j.ympev.2021.107266