diciembre 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Sixers at Thunder: Seth Curry ha una massiccia vittoria nel primo trimestre su OKC

L’avversario non è stato acclamato come i Nets, ma i Sixers hanno finito con la vittoria domenica sera.

dopo l’esperimento I guai della partita in ritardo nella sconfitta di venerdì sera A Brooklyn, i Sixers hanno vinto per 115-103 su Thunder al Paycom Center.

Seth Curry ha segnato 28 punti, 23 nel primo quarto. Joel Embiid ha segnato 22 punti, nove rimbalzi, sei assist e tre palloni.

Shay Gilgus Alexander ha giocato una partita con la compagna di squadra del Kentucky Therese Maxi e ha segnato 29 punti e otto assist per Oklahoma City.

I Sixers 2-1 giocheranno contro i Knicks martedì al Madison Square Garden, per poi tornare a Philadelphia per le prossime quattro partite.

Ecco tre note sulla vittoria dei Sixers su OKC:

Scatto tipo Cary

Curry ha fatto un altro inizio molto caldo – anche se potrebbe essere più corretto chiamarlo il nuovo punto di riferimento per lui – ed è stato incredibilmente a un punto 21 su 27 dal pavimento in questa stagione e 12 su 14 da un tre- intervallo di punti.

Sembrava che Curry si stesse allenando da saltatori, forse con un po’ di intensità. Raramente la difesa sembra influenzare la sua forma (o ingresso di palla).

Curry ha detto ai giornalisti a Oklahoma City: «Onestamente, non era niente di nuovo. Stavo ottenendo buoni tiri. Non era come se stessi (tirando) 18 dribbling, mezzo campo (tiri), 40 piedi. come se fossi in una linea di Kind Steph. Stavo solo trovando buoni colpi. … Ho intenzione di girarlo in una clip alta. Ho perso due o tre in più di quanto avrei dovuto fare. Non era davvero fuori dall’ordinario, onestamente.»

READ  Esclusiva per Antonio Conte: il boss del Tottenham sulla sfida più difficile e mantenere Harry Kane | notizie di calcio

Un calo di efficienza è inevitabile, sebbene Curry abbia maggiori possibilità in un tipo di anno storico senza precedenti rispetto alla maggior parte. Da qualche parte circa il 45 percento della corsa è un’aspettativa realistica – e ovviamente eccellente -, ma Curry potrebbe aver avuto qualcosa di meglio in serbo per questa stagione. vedremo.

I Sixers hanno provato ad attaccare con Curry come allenatore dopo il primo quarto, ma non è riuscito a trovare molte aperture perché ha sbagliato un aspetto decente.

Su tutta la linea, i Sixers hanno perso un po’ di concentrazione durante la parte centrale del gioco, permettendo a Oklahoma City di mantenere la competizione. Hanno commesso alcune costose palle perse alla fine del secondo quarto e sono crollate più volte nella difesa di transizione. Nel frattempo, i Sixers non hanno segnato punti veloci.

Come squadra, i Sixers hanno realizzato 17 triple su 41. Danny Green è stato 3 su 5 dopo tre airball nel quarto trimestre di venerdì.

Negazione pazzesca e trolling

Embiid ha giocato con il dolore al ginocchio destro che è stato un problema da quando ha colpito il ginocchio mercoledì a New Orleans. Andre Drummond e Shake Melton hanno saltato la partita per una distorsione alla caviglia destra. Assenti anche Ben Simmons (per motivi personali) e Grant Reiler (in recupero da un infortunio al ginocchio sinistro).

Non c’erano accenni di cautela nell’approccio di Embiid. Sembrava bravo (e veloce) a dribblare da costa a costa e calciare la palla a Curry per un terzo angolo che ha dato ai Sixers un vantaggio per 6-0. E si alzò per negare Darius Bazley, che prese l’audace decisione di tentare un’immersione su Embiid.

READ  Pirlo lascia la Juventus dopo un anno deludente al comando | Buffalo Sports

Embiid ha fatto molto oltre a cercare di respingere i manifesti, come indicano i suoi numeri, incluso colpire costantemente il ragazzo aperto quando si raddoppia.

«Joel sapeva che stavano andando all’angolo», ha detto ai giornalisti l’allenatore dei Sixers Doc Rivers. «Non è mai stato forzato, e ci è voluto del suo tempo. … Pensavo che Joel fosse ovunque il buttafuori stasera come tutti gli altri sul pavimento. Pensavo che avesse sparato a Seth, ha preso a colpi di Danny. Quando lo fa diventa indifendibile perché se se lo colpisci, otteniamo un tre. Se non lo metti all’angolo, segna. È stato bello, l’ha visto. E l’ho adorato. «

La distanza dei Sixer intorno a Embiid era a volte imperfetta. Maxey (14 punti in un tiro 4 contro 13) ha preso la palla in movimento e in un’area vuota tra il punto della schiacciata e dietro l’arco in un esempio particolarmente notevole di spaziatura non ottimale. Non era raro che giocatori come Maxey e Green occupassero il punto dunker – che Rivers preferisce – piuttosto che andare alla deriva nell’oceano quando Embiid prende la palla.

I Sixers vorrebbero anche avere una mossa produttiva attorno all’Embiid, ma per ora sembra che affinare le basi dovrebbe essere la priorità principale. Sicuramente lo ha fatto passare bene, facendo 15 assist in tre partite, quindi almeno non è una grande preoccupazione.

Modificalo in Centro backup

Senza Drummond, Paul Reed ha giocato al centro e ha segnato due punti, cinque rimbalzi e due assist in 10 minuti. È stato abbinato da Jeremiah Robinson-Earl, un ex Villanova Wildcat che è stato in grado di giocare immediatamente per i futuri Thunder da rookie.

READ  L'uomo del Rinascimento: come Mancini ha trasformato l'Italia dal caos in una macchina vincente | Roberto Mancini

Reed ha avuto una grande sequenza all’inizio del quarto inning, bloccando un tiro e poi convertendo il layup poco dopo. Ha impostato George Niang per tre dopo aver preso anche il controllo di un tabellone offensivo.

Un altro vantaggio per Reed era che stava rotolando in modo aggressivo al limite, il che ha aiutato a far posto ai tiratori dei Sixers. Sebbene uno degli obiettivi di Reed in questa stagione sia di tirare al 45 percento o più di tre, attualmente è più prezioso di un barile di un bobber.

Niang ha giocato brevemente in seconda e quarta, ma è stato utilizzato principalmente come ala grande. Trascorsa una bellissima serata, segnando 12 punti e 3 su 4 tentativi da tre punti. Non sorprende affatto, ma ha portato in tavola molto di più di Mike Scott.