agosto 15, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Sidney Poitier muore a 94

Sidney Poitier è morto all’età di 94 anni.

La star di Hollywood è famosa per i suoi film Indovina chi viene a cenae nel calore della notte e gigli di campo, che è diventato il primo uomo di colore e delle Bahamas a vincere l’Oscar come miglior attore.

La notizia è stata annunciata dal ministro degli Esteri delle Bahamas Fred Mitchell. Un saluto dal mondo dello spettacolo.

La star bahamiana-americana Poitier ha ottenuto automaticamente la cittadinanza statunitense dopo essere nato inaspettatamente a Miami mentre faceva visita ai suoi genitori nel febbraio 1927.

È cresciuto alle Bahamas ma si è trasferito in America quando aveva quindici anni, ottenendo il suo primo ruolo importante solo un anno dopo, nel 1955. la foresta nera.

Era la sua prima esperienza in riconoscimento di premi la sfida (1958), che è stato nominato come miglior attore insieme al co-protagonista Tony Curtis.

Sei anni dopo, ha vinto storicamente l’Oscar come miglior attore per la sua interpretazione in gigli di campo.

Denzel Washington ha reso omaggio a Poitier quando è diventato il secondo uomo di colore a vincere il premio come miglior attore per il film del 2001 giorno d’allenamento, dicendo: «Ti inseguirò sempre, Sydney. Seguirò sempre le tue orme. Non c’è niente che sia meglio che io faccia, signore.»

Nella stessa cerimonia, Poitier è stato insignito dell’Honorary Academy Award per il suo contributo al cinema americano. A partire dal 2012, dopo la morte di Ernest Borgnine, Poitier è il più anziano vincitore del premio come miglior attore nella storia.

Washington ha detto in un’intervista pubblicata giovedì (6 gennaio) vario Gli sarebbe piaciuto recitare in un film con Poitier, che si è ritirato dalla recitazione nel 2001.

«Dio lo benedica – è ancora qui, ma sì, ho appena perso quell’occasione», ha detto l’attore.

Sidney Poitier è diventato il primo uomo di colore a vincere l’Oscar come miglior attore nel 1964

(immagini Getty)

Nel 1967, Poitier ha recitato in tre film che trattavano la questione delle relazioni interrazziali: Al mio padrone con amoree Indovina chi viene a cena e nel calore della notteRegia di Norman Joyson.

In quest’ultimo, ha interpretato Virgil Tepes, un detective della polizia di colore di Filadelfia, coinvolto in un’indagine per omicidio in una piccola città del Mississippi. È diventato famoso per la linea di dialogo di Poitiers, «Lo chiamavano Mr. Tepes», un sequel che prende il nome dalla citazione (in stile stilizzato). Mi chiamano signor Tibbs!) arrivò nel 1970.

Sidney Poitier come Mr. Virgil Tibbs nel film del 1967 In the Heat of the Night

(Merish/United Artists/Kopal/Shutterstock)

Negli anni ottanta ha diretto diversi film, ma ha avuto il maggior successo con le commedie Richard Pryor e Gene Wilder eccitazione pazzesca (1980).

I suoi altri crediti cinematografici includono Porgy e Bass (1959), Il blues di Parigi (1961), macchia blu (1965), scarpe sportive (1992) eSciacallo (1997).

L’attore ha anche lavorato come diplomatico. Nel 1997 è stato nominato Ambasciatore delle Bahamas in Giappone. Rimase in carica fino al 2007.

Poitier è stato sposato due volte, la prima con Juanita Hardy dal 1960 al 1965. Dopo una relazione di nove anni con l’attore e cantante Diahan Carroll, Poitier ha sposato l’attrice canadese Joanna Chemkus nel 1976. Rimasero insieme per il resto della sua vita.

Poitiers ha sei figli, otto nipoti e tre pronipoti.

Sidney Poitier e Catherine Hutton nel film del 1967 «Indovina chi viene a cena»

(Colombia/Cobal/Shutterstock)

È apparso per l’ultima volta agli Academy Awards nel 2014 per presentare il miglior regista al fianco di Angelina Jolie. È stato accolto calorosamente dai presenti, con Holly che gli ha detto: «Te lo dobbiamo».

«Continuate così», disse l’enigmatico Poitier alla folla.

Westworld e Non c’è tempo per morire L’attore Jeffrey Wright ha guidato il tributo a Poitier, scrivendo su Twitter: «Sydney Poitier. Che attore eccezionale. Unico nel suo genere. Che uomo bello, generoso, caloroso, davvero regale. RIP, signore. Con il mio amore».