enero 28, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Se hai più di 60 anni, il rischio di demenza aumenta del 55%: una vita migliore

Circa 55 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di demenza, che è una condizione progressiva, degenerativa e in definitiva fatale senza una cura nota. Sfortunatamente, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che entro il 2050 questo numero sarà più del doppio.

Sebbene la demenza non possa essere invertita, un nuovo studio suggerisce che un fattore sorprendente potrebbe essere collegato a un rischio più elevato di demenza, specialmente nelle persone con più di 60 anni. Continua a leggere per scoprire se sei a rischio e cosa puoi fare per ridurre la probabilità di sviluppare la condizione.

Imparentato: Lo studio dice che mangiare questo dopo pranzo aumenta il rischio di demenza.

iStock

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Morbo di Alzheimer e demenza Segue un gruppo di 2.147 adulti di età pari o superiore a 60 anni che vivono in Svezia per un periodo di 12 anni per determinare se la frequenza cardiaca a riposo di una persona è associata a un eventuale rischio di demenza.

I ricercatori dello studio hanno scoperto che gli individui la cui frequenza cardiaca media a riposo era di 80 battiti al minuto o superiore avevano il 55% in più di probabilità di averlo. sviluppo della demenza di quelli con una frequenza cardiaca a riposo compresa tra 60 e 69 bpm «indipendentemente dai fattori di rischio vascolari e sottostanti». [cardiovascular diseases]. «

Per ricevere le ultime notizie sulla salute direttamente nella tua casella di posta, Iscriviti alla nostra newsletter quotidiana!

Un medico ascolta il battito del cuore di un paziente
iStock

Sebbene gli autori dello studio notino che i risultati dello studio non indicano necessariamente una relazione causale tra un’elevata frequenza cardiaca a riposo e la demenza, potrebbero essere necessari ulteriori studi per indagare sulla relazione tra salute cardiovascolare e demenza.

READ  Un oceano potrebbe nascondersi all'interno della luna di Saturno chiamata "Stella della Morte"

«Non possiamo escludere la possibilità che la CVD subclinica o non diagnosticata possa contribuire a questa associazione», hanno spiegato gli autori dello studio. Infatti, uno studio del 2017 pubblicato su Neurologia gamma Ha scoperto che i fattori di rischio per le malattie cardiache riscontrati nella mezza età, tra cui fumo, diabete, ipertensione e ipertensione, tra gli altri, sono associati a un aumentato rischio di demenza.

Nuoto donna per esercizio, più di 40 fitness
lotta per le azioni

Raggiungere una frequenza cardiaca a riposo più bassa può essere un enorme vantaggio non solo per la salute cardiovascolare, ma anche per la salute cognitiva nel tempo.

«In alcuni casi, una frequenza cardiaca a riposo più bassa può significare un più alto grado di fitness, che è associato a tassi più bassi di eventi cardiaci come gli attacchi di cuore», Jason Wasfi, MD, direttore della qualità e dell’analisi presso il Massachusetts General Hospital Heart Center, ha spiegato a Blog sulla salute di Harvard nel 2021.

Rassegna 2018 della ricerca pubblicata in Giornale di Medicina Clinica Suggerisce che diverse forme di esercizio, dagli sport di resistenza allo yoga, possono aiutare a ridurre la frequenza cardiaca a riposo. Inoltre, uno studio del 2017 è stato pubblicato in BMJ è aperto Ha scoperto che lo stesso esercizio regolare era associato a tassi più bassi di demenza in un gruppo di 7.501 anziani.

Una donna anziana seduta su una sedia dopo aver avuto le vertigini
iStock

Mentre altre ricerche hanno collegato una migliore salute cardiovascolare a un minor rischio di demenza, gli autori Morbo di Alzheimer e demenza Nota: «L’associazione tra RHR e attività fisica era scarsa nel nostro gruppo e la modifica dell’attività fisica aveva scarso effetto sulle stime degli effetti».

Tuttavia, l’autore principale dello studio giorno di imahori, Ph.D., ricercatore presso il Dipartimento di Neurobiologia, Cura e Scienze della comunità presso il Karolinska Institutet, osserva che la ricerca futura potrebbe fornire ai ricercatori informazioni su come fermare la demenza nelle sue tracce. «Se seguiamo attentamente la funzione cognitiva di questi pazienti e interveniamo precocemente, l’insorgenza della demenza potrebbe essere ritardata, il che potrebbe avere un impatto significativo sulla loro qualità di vita», ha affermato Imahori. nella situazione attuale.

READ  Quattro casi del ceppo di coronavirus "Delta Plus" sono stati trovati in Israele'

Imparentato: Uno studio afferma che i farmaci per il bruciore di stomaco aumentano il rischio di demenza del 44%.