noviembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Scopri un buco nero nascosto nella nostra galassia vicina

Gli astronomi lo hanno scoperto utilizzando il Very Large Telescope dell’Osservatorio europeo meridionale in Cile e hanno osservato come la gravità del buco nero influenzi il movimento di una stella vicina, circa cinque volte la massa del nostro Sole.

È la prima volta che questo metodo viene utilizzato per rilevare un buco nero e potrebbe aiutare i ricercatori a scoprire altri buchi neri nascosti nella nostra Via Lattea e in altre galassie.

Più gli astronomi conoscono i buchi neri, meglio possono capire come questi corpi cosmici si formano e cambiano nel tempo. Un documento che descrive questa scoperta è stato accettato per la pubblicazione in Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.

«Come Sherlock Holmes che rintraccia una banda criminale dai suoi lapsus, osserviamo ogni stella di questo ammasso con una lente d’ingrandimento in una mano cercando di trovare qualche prova di buchi neri ma senza vederli direttamente», ha detto. Sarah Sarachino, responsabile della ricerca e membro del College of Engineering and Technology dell’Astrophysical Research Institute della Liverpool John Moores University, ha dichiarato in una nota.

«Il punteggio mostrato qui è solo uno dei criminali ricercati, ma quando ne trovi uno, sei sulla buona strada per scoprire molti altri criminali, in gruppi diversi», ha detto Saracino.

Sebbene i buchi neri siano difficili da rilevare, tendono a rinunciare alla loro esistenza invisibile attraverso le loro azioni. I buchi neri emettono raggi X quando divorano il materiale che li circonda, creano onde gravitazionali quando si scontrano tra loro o si scontrano con dense stelle di neutroni.

Ma non tutti i buchi neri sono uguali, e questo è persino più piccolo di quello che hanno scoperto altri astronomi. È stato notato dai ricercatori solo una volta che hanno visto una stella con uno strano movimento tra molte altre stelle che non si comportavano allo stesso modo.

READ  Ricercatori cinesi propongono di trasformare gli asteroidi "Armageddon" con missili

«La stragrande maggioranza (dei buchi neri) può essere rilevata solo dinamicamente», ha affermato in una nota il coautore dello studio Stefan Drisler e professore all’Università di Göttingen in Germania.

«Quando formano un sistema stellare, influenzeranno il suo movimento in modo sottile ma rilevabile, quindi possiamo trovarlo con strumenti sofisticati».

Questa immagine mostra NGC1850, un gruppo di migliaia di stelle a 160.000 anni luce di distanza nella Grande Nube di Magellano, dove si trova il buco nero.

È la prima volta che gli astronomi trovano un minuscolo buco nero in un gruppo di stelle che è anche giovane – circa 100 milioni di anni, che è un’infanzia rispetto al resto dell’universo.

Andando avanti, gli astronomi possono utilizzare questo metodo per trovare altri giovani buchi neri per comprendere la loro evoluzione e confrontarli con buchi neri più grandi nei gruppi stellari più vecchi per vedere come i buchi neri crescono nel tempo.

«Ogni scoperta che faremo sarà importante per la nostra futura comprensione degli ammassi stellari e dei loro buchi neri», ha affermato in una nota Marc Gillis, coautore dello studio e professore di ricerca presso l’Università di Barcellona, ​​​​in Spagna.