junio 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

San Francisco è vicina all’immunità di gregge al virus Corona. Los Angeles non lo è

Alcuni esperti ritengono che San Francisco si stia avvicinando all’immunità di gregge, una pietra miliare negli sforzi della California per controllare la pandemia di COVID-19.

San Francisco ha uno dei tassi di vaccinazione più alti della California, con il 72% della popolazione che ha ricevuto almeno una dose. Solo un’altra contea della California – Marin, a nord di San Francisco – ha un tasso di vaccinazione più alto, con il 75% della popolazione che è stata almeno parzialmente vaccinata. Sia i tassi di San Francisco che quelli della contea di Marin sono molto più alti di Tasso di vaccinazione in tutto lo stato 56%.

L’immunità di gregge, nota anche come immunità di comunità, si verifica quando un’ampia percentuale della popolazione totale è immune attraverso la vaccinazione o per la sopravvivenza a una precedente infezione. Le persone che non sono immuni alla malattia sono indirettamente protette dall’immunità di gregge.

Non esiste una percentuale specifica alla quale si ottiene l’immunità di gregge contro il virus Corona. Può essere testato solo quando sostanzialmente tutte le restrizioni sono state allentate e i funzionari notano se la trasmissione della malattia è in aumento.

Le stime precedenti su quando ottenere l’immunità di gregge al virus variavano dal 70% all’85% della popolazione immunitaria. Nonostante gli standard oscuri sull’accesso all’immunità di gregge, avvicinarli massimizzando i tassi di vaccinazione rimane un obiettivo primario degli esperti di salute pubblica.

“Penso che San Francisco sia abbastanza vicina”, ha detto l’epidemiologo dell’Università della California, San Francisco, il dottor George Rutherford, che crede che il 75% della popolazione debba probabilmente essere immune prima che venga raggiunta l’immunità di gregge. “Penso che siamo davvero in ottima forma qui, qui intendiamo la città [of San Francisco]. Altrove, siamo molto più vicini”.

READ  La prima eclissi solare nel 2021 mostrerà un "anello di fuoco" nel cielo

Le contee di San Diego, Santa Clara e San Mateo includono anche alcune delle contee dello stato Tassi di vaccinazione più alti, con circa il 70% della sua popolazione vaccinata con almeno una dose.

Altre contee all’interno o nelle vicinanze della Bay Area hanno tassi altrettanto elevati. Nella contea di Alameda, sede di Oakland, il 67% della popolazione riceve almeno una dose del vaccino; Nella contea di Napa, il tasso è del 66%. Contea di Contra Costa, 65%; Contea di Santa Cruz 64%; e la contea di Sonoma 63%.

Al contrario, nelle contee di Orange e Ventura, il 57% della popolazione è stato almeno parzialmente vaccinato; Contea di Santa Barbara 56%; Contea di Los Angeles, 55%; Contea di Sacramento 51%; Contea di Riverside, 45%; Contea di San Bernardino 41%; e la contea di Kern il 38%.

In tutto lo stato, circa il 15% dei californiani sono bambini di età inferiore ai 12 anni; Non ci sono ancora vaccini approvati per l’uso tra questi bambini piccoli.

Il direttore della sanità pubblica della contea di Los Angeles, Barbara Ferrer, ha affermato di non pensare che la contea di Los Angeles abbia ancora ottenuto l’immunità di gregge; Spera di raggiungere questo obiettivo entro la fine dell’estate.

“Abbiamo ancora molte persone che non sono state vaccinate”, ha detto Ferrer.

Nulla accade all’improvviso quando viene raggiunta l’immunità di gregge: i tassi giornalieri di infezione da coronavirus sono già straordinariamente bassi a San Francisco. Tecnicamente, l’immunità di gregge si ottiene gradualmente: più persone acquisiscono l’immunità, più lenta è la velocità di trasmissione della malattia.

READ  Nessuna maschera al lavoro? La proposta della California dice che i dipendenti non devono farlo, se tutti vengono vaccinati

Ma una volta raggiunta l’immunità di gregge, con i nuovi casi di coronavirus che emergono tra le persone non vaccinate, ad esempio attraverso i viaggiatori, è meno probabile che si diffondano dopo un piccolo focolaio o inizino a crescere esponenzialmente in tutta la comunità. “Non vedrai queste lunghe catene di trasmissione”, ha detto Ferrer, supponendo che le persone non vaccinate siano distribuite casualmente tra la popolazione e non raggruppate insieme.

Alcuni esperti hanno espresso la fiducia che la California non tornerà a una fase peggiore della pandemia dopo il 15 giugno, quando lo stato si prepara a riaprire completamente la sua economia e ad eliminare la maggior parte delle restrizioni commerciali volte a frenare la diffusione del coronavirus. Le regole, per le contee della California nel livello di riapertura meno restrittivo dello stato, hanno mantenuto i ristoranti e le palestre al coperto al 50% della capacità interna.

“Vedremo il 15 giugno se rimarremo ai minimi – non ho dubbi che lo faremo”, ha detto la dott.ssa Monica Gandhi, specialista in malattie infettive presso l’Università della California, a San Francisco.

La California ha già tassi di ospedalizzazione insolitamente bassi per COVID-19: ci sono quasi 1.000 persone con COVID-19 negli ospedali statali, in calo rispetto a circa 22.000 a gennaio. Gli ultimi numeri si traducono nel tasso di ospedalizzazione di circa 2,6 californiani ricoverati con COVID-19 per 100.000 residenti, in calo da un picco di 56 per 100.000 residenti.

L’ultimo numero è importante, perché Gandhi Proposto ad aprile Una buona pietra miliare quando le restrizioni come il mascheramento e il distanziamento sociale possono essere allentate è quando il numero di ricoveri scende al di sotto di 5 per 100.000 residenti. Durante il culmine della stagione influenzale, i tassi di ospedalizzazione per l’influenza erano in media di circa 20-40 per 100.000 residenti.

READ  Risolto il problema del "Big Dimming" di Betelgeuse

Altri paesi con le amministrazioni di vaccini pro capite più veloci al mondo stanno mostrando modelli promettenti. Gandhi ha affermato che Israele ha recentemente posto fine alle regole che impediscono alle persone non vaccinate di entrare in determinati luoghi.

Martedì, i funzionari federali hanno espresso preoccupazione per l’aumento della variante delta, nota anche come B.1.617.2, che è stata originariamente identificata in India e si è diffusa in 60 paesi, inclusi Stati Uniti e Regno Unito.

Il dottor Anthony Fauci, capo esperto di malattie infettive per il governo degli Stati Uniti, ha affermato che la variante delta era più trasmissibile della variante alfa, nota anche come B.1.1.7, che è stata originariamente identificata nel Regno Unito e da allora è diventata dominante negli Stati Uniti ” Può essere associato a una maggiore gravità della malattia”, ha detto, “come i rischi di ricovero ospedaliero, rispetto ad Alpha”.

Ma fortunatamente, gli studi dimostrano che due dosi dei vaccini Pfizer e AstraZeneca forniscono un’immunità sufficiente per proteggere dall’infezione della variante delta, ha affermato Fauci. Il vaccino AstraZeneca COVID-19 non è approvato per l’uso negli Stati Uniti, ma è simile al vaccino prodotto da Johnson & Johnson.