mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

‘Ristrutturare il sistema è importante’: un partner Bonelli spiega le più ampie riforme legislative dell’Italia

Dopo anni di stallo e dibattito in corso, il governo italiano ha approvato importanti modifiche all’ordinamento giuridico del Paese entro la fine del 2021. Le novità, che dovrebbero incidere sull’attuazione del mandato entro la fine del 2022, sono volte ad accelerare l’Italia. Scarso sistema di giustizia civile – si ritiene necessario attrarre investimenti esteri e stimolare la necessaria crescita dell’economia italiana.

Mira ad accelerare il sistema di giustizia civile con una serie di misure, comprese le riforme, la definizione di termini più severi per i ricorsi, la promozione dell’arbitrato e l’aumento del personale di supporto nelle aule dei tribunali.

Laura Salvaneschi, socia di BonelliErede e professore ordinario di diritto civile e arbitrato all’Università degli studi di Milano, spiega le riforme e apre la strada alla pratica giuridica italiana.

Quali aree di pratica del diritto commerciale italiano beneficiano maggiormente delle riforme?

Questa riforma è particolarmente rilevante per la causa civile, quindi se riuscirà nel suo obiettivo di ridurre drasticamente la durata dei procedimenti civili – richiedendo quindi un esito esecutivo – tutti i settori attualmente colpiti da tale problema ne trarranno vantaggio: commercio, investimenti ed economia generalmente. Tuttavia, questo obiettivo non è facile da raggiungere. Tutto dipende dalla capacità del legislatore di realizzare una riforma radicata del sistema di giustizia civile al di là di poche riforme normative.

Le riforme mirano a ridurre del 40% i tempi delle udienze civili entro il 2026. Che tipo di processi civili sono attualmente più supportati e sono nella pratica del diritto e dell’economia?

Non esiste un tipo di procedimento civile in cui le statistiche siano più regressive di altre, ma piuttosto alcuni tribunali hanno grandi arretrati e altri sono veloci. Indipendentemente dalla complessità del caso, il numero di cause pendenti in alcuni tribunali è una piccola percentuale del totale, ovvero circa il 6-11%; In altri è molto più alto – dal 31% al 45% dello scrigno totale. Ciò vale per le corti di primo grado e le corti d’appello. Inoltre, ci sono battute d’arresto significative nella Corte Suprema.

READ  Nonostante l'infortunio, Verratti è stato incluso nella rosa di partenza di 33 uomini

L’assoluta durata del procedimento civile ha un impatto significativo sulle qualifiche e sui livelli di esecuzione, sulle imprese, sulla volontà di investire e sulla crescita economica complessiva dell’Italia. L’inefficienza del sistema giudiziario non solo scoraggia gli investitori stranieri, ma danneggia in primo luogo anche gli investitori italiani, rendendo difficile per le imprese recuperare rapidamente i propri debiti o non attuando una rapida risoluzione delle controversie. La letteratura giuridica in materia stima l’impatto di tale incompetenza sul PIL del Paese in circa l’1%.

Una breve storia: perché i processi civili italiani sono stati così lunghi e complicati? Da dove è iniziata la tendenza, quando e perché?

Il disordine in cui si trova la giustizia civile italiana va avanti da decenni e le bandiere rosse sono diventate evidenti all’inizio degli anni ’80. Le statistiche mostrano che il numero di cause è cresciuto in quel momento e il numero di cause civili di primo grado è raddoppiato nei prossimi 20 anni, mentre il numero di giudici e uffici giudiziari non corrispondeva.

È difficile evidenziare le ragioni di questo rapido aumento, ma ovviamente il numero di paesi in via di sviluppo, transazioni commerciali e cause civili è in aumento. Questo aumento è stato facilitato dal fatto che le spese processuali in Italia sono inferiori rispetto ad altri paesi, consentendo un più ampio accesso alle cause civili in tutte le cause, inclusa la Corte di Cassazione.

Più o meno nello stesso periodo, l’accesso alle università è diventato più comune e il numero di avvocati qualificati è aumentato in modo esponenziale poiché le facoltà di giurisprudenza, a differenza delle facoltà di altre discipline, non imponevano requisiti di accesso. Inoltre, è stato affermato da alcuni che il pagamento degli avvocati su base oraria (collegando così la paga alla durata del processo) fosse una possibile ragione per l’aumento del caso.

In quegli anni aumentarono i casi seriali e speciali e non furono ancora introdotte soluzioni collettive come le misure di classe. Pertanto, i procedimenti civili sono sempre più lunghi, facilitando così le tecniche per interrompere gli accordi extragiudiziali invece di aspettare troppo a lungo per una sentenza del tribunale.

READ  Squadra Italia Euro 2020: 26 convocati in vista del torneo 2021

Perché le riforme precedenti sono state inefficaci nel raggiungere l’obiettivo di snellire il processo e quale cambiamento significativo porteranno queste riforme in particolare?

Credo che il motivo del fallimento sia dovuto principalmente all’attenzione alle modifiche normative e alla scarsa attenzione alla ristrutturazione del sistema di giustizia civile, che è importante per risolvere la questione.

Poiché alcuni dei criteri guida sono di natura istituzionale, il quadro recentemente approvato sembra portare le cose nella giusta direzione. La riforma propone un ufficio per le misure per garantire che sia assistito da una giuria, sofisticati sistemi informatici e sistemi di gestione del flusso di lavoro. Il fatto che alcuni tribunali abbiano impedito una regressione all’interno del sistema attuale indica chiaramente che la questione è di natura puramente istituzionale; Le parole di riforma suggeriscono un’opzione per concentrarsi su questo aspetto, tuttavia, deve essere ulteriormente migliorato.

Le riforme sono volte a rafforzare gli strumenti alternativi di risoluzione delle controversie ea creare incentivi fiscali per il loro utilizzo. Puoi spiegare più dettagliatamente quali sono questi incentivi?

Queste misure tecniche risolvono una serie di problemi, tra cui: un aumento dell’esenzione dalla tassa di registrazione sugli accordi di compromesso; Istituire crediti d’imposta commisurati agli onorari dei legali che assistono l’arbitro, alle spese processuali per ogni azione conclusa nella convenzione arbitrale; Estendere il patrocinio all’arbitrato, con credito d’imposta per i danni degli arbitri; E il risarcimento degli arretrati pagati agli organi arbitrali e la riforma delle spese di avvio dell’arbitrato.

La legge del quadro incoraggia gli arbitri a esercitarsi sempre di più, così come l’uso dell’arbitrato nel caso, ovvero l’arbitrato per ordine del tribunale. Quest’ultima soluzione è vista da molti nella luce più favorevole. Piuttosto, il progetto di estendere l’arbitrato obbligatorio come condizione per l’accettazione di procedimenti giudiziari è stato ampiamente criticato.

READ  Come vedere Italia vs Austria (26/06/21) - UEFA Euro 2020 Round 16 | Canale, streaming, orario

La digitalizzazione è vista come uno strumento importante per accelerare il processo legale. Ci può parlare dello stato attuale della digitalizzazione nell’ordinamento italiano e cosa dovrebbe succedere dopo?

Gli studi legali italiani da tempo investono e si adeguano agli strumenti digitali. La digitalizzazione dei procedimenti civili, introdotta da qualche anno, funziona bene, grazie allo stretto monitoraggio e controllo dei tribunali. Ora vediamo limitazioni nei moduli che possono essere utilizzati per preparare i documenti e alcune questioni legate alla rigida legge sul contenzioso che non consente documenti e altri documenti presentati nel formato elettronico errato.

Uno degli obiettivi della riforma è continuare ad attuare e migliorare la digitalizzazione del processo giudiziario. Non solo gli uffici dei tribunali, ma anche gli impiegati dovrebbero avere uffici per le operazioni con persone capaci di informatica che possono aiutarli a fare il miglior uso degli strumenti informatici. Questi comitati – come accennato, assisteranno i giudici – saranno anche responsabili dell’elencazione, archiviazione e revisione della giurisprudenza, che richiedono tutti un supporto informatico adeguato. Gli atti giudiziari dovrebbero essere presentati solo per via elettronica, il che comporta l’uso di nuove tecnologie e soluzioni rispetto alle tecnologie utilizzate oggi. I professionisti dell’informatica leggono cosa e come parliamo

Ora che il legislatore ha approvato le riforme, il passo successivo sono i mandati pratici da emanare nel 2022. Puoi descrivere questo processo in modo un po’ più completo e qual è la scadenza per gli ordini?

Il governo dispone di un anno per emanare uno o più decreti legali che delineano riforme sistematiche e concrete dei procedimenti civili, come l’introduzione di nuove norme o modifiche al diritto civile esistente e alle leggi di pratica speciale. Gli schemi delle nuove regole, una volta approvate dai ministeri competenti, saranno sottoposte al Parlamento entro 60 giorni dalla loro presentazione all’esame delle commissioni competenti, anche valutando gli aspetti di costo.