agosto 14, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Riprendono i colloqui sul nucleare iraniano mentre Stati Uniti e Israele intensificano la retorica

Il vice segretario generale del Servizio europeo per l’azione esterna (SEAE) Enrique Mora e il capo negoziatore nucleare iraniano Ali Bagheri Kani con le delegazioni in attesa dell’inizio della riunione del comitato congiunto del piano d’azione globale congiunto a Vienna, Austria, 9 dicembre 2021. Unione europea delegazione a Vienna / SEAE / Inserito tramite Reuters

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

VIENNA (Reuters) – I colloqui sul rilancio dell’accordo sul nucleare iraniano del 2015 sono ripresi giovedì mentre Stati Uniti e Israele hanno intensificato la pressione verbale su Teheran sulle possibili conseguenze economiche o militari in caso di fallimento della diplomazia.

Il capo negoziatore iraniano ha affermato che Teheran si è attenuta alla posizione offerta la scorsa settimana quando i colloqui con i funzionari europei e statunitensi si sono interrotti, accusando l’Iran di avanzare nuove richieste radicali e di abbandonare i compromessi raggiunti all’inizio di quest’anno.

Sebbene abbiano affermato di preferire una soluzione diplomatica, diversi funzionari statunitensi hanno espresso la volontà di adottare una linea più dura, se necessario.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

«Dati gli sviluppi in corso nel programma nucleare iraniano, il presidente ha chiesto alla sua squadra di prepararsi nel caso in cui la diplomazia fallisse e dobbiamo passare ad altre opzioni», ha detto la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki.

I colloqui indiretti Usa-Iran a Vienna, durante i quali altri diplomatici delle restanti parti dell’ormai logoro accordo del 2015 – Francia, Gran Bretagna, Germania, Russia e Cina – si sono alternati tra loro perché Teheran rifiuta il contatto diretto con Washington, volto a ottenere il due lati insieme. Per riprendere il pieno rispetto dell’accordo.

READ  Il principe ereditario saudita visita il vicino Qatar dopo anni di controversie

In base all’accordo, l’Iran ha limitato il suo programma nucleare – che l’Occidente teme possa essere utilizzato per sviluppare armi, cosa che Teheran nega – in cambio di sollievo dalle sanzioni statunitensi, europee e delle Nazioni Unite.

Le discussioni della scorsa settimana sono state le prime dopo una pausa di cinque mesi dall’elezione del nuovo governo iraniano della linea dura guidato dal presidente anti-occidentale Ebrahim Raisi.

Funzionari occidentali hanno affermato che l’Iran ha rinunciato a qualsiasi concessione fatta nei precedenti sei round di colloqui, sequestrando quelle fatte da altri e chiedendo di più la scorsa settimana.

L’Iran vuole revocare tutte le sanzioni imposte dagli Stati Uniti dopo che l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha abbandonato l’accordo nel 2018, in un processo verificabile. L’Iran ha iniziato a violare i limiti nucleari dell’accordo circa un anno dopo il ritiro degli Stati Uniti.

«L’Iran ha confermato che sta portando avanti seriamente i colloqui sulla base della sua posizione precedente», ha detto ai giornalisti il ​​capo negoziatore Ali Bagheri Kani dopo un incontro inaugurale con le potenze mondiali giovedì.

Gli Stati Uniti hanno affermato che ci vorranno alcuni giorni per vedere se l’Iran è pronto a essere flessibile e i funzionari statunitensi hanno accennato ai costi economici e militari che l’Iran potrebbe affrontare se non ci fosse una soluzione diplomatica.

Reuters menzionato esclusivamente Gli incontri a Washington con il capo della difesa israeliano in visita giovedì dovrebbero includere discussioni su possibili esercitazioni militari per prepararsi allo scenario peggiore per la distruzione degli impianti nucleari iraniani in caso di fallimento della diplomazia. Per saperne di più

READ  Lo que pasó hoy (25 de marzo): NPR

All’inizio dell’incontro con il suo omologo israeliano, Benny Gantz, il segretario alla Difesa americano, Lloyd Austin, ha affermato che l’Iran non è riuscito a fornire una partecipazione costruttiva ai colloqui sul nucleare di Vienna che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden spera di ripristinare l’accordo.

Psaki si è concentrato sulla potenziale punizione economica.

«Se la diplomazia non riuscirà a rimettersi in carreggiata presto e se il programma nucleare iraniano continuerà ad accelerare, non avremo altra scelta che adottare misure aggiuntive per limitare ulteriormente i settori produttori di entrate dell’Iran», ha aggiunto.

Una grande delegazione statunitense prevede di visitare gli Emirati Arabi Uniti la prossima settimana per incontrare le banche per le preoccupazioni sulla loro conformità alle sanzioni statunitensi volte a esercitare pressioni sull’economia iraniana. Per saperne di più

Parlando ai giornalisti a Vienna, Enrique Mora, coordinatore Ue per i colloqui sul nucleare, ha affermato che le due parti «non hanno abbastanza tempo nel mondo».

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

(Parisa Hafezi e François Murphy report a Vienna e Phil Stewart a Washington); Segnalazioni aggiuntive di Idris Ali, Arshad Mohamed, Daphne Psaledakis e Mohamed Zergham a Washington. Scritto da John Irish e Arshad Muhammad; Montaggio di Marie Milliken, Mark Heinrich e Daniel Wallis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.