julio 1, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Report: Tra le decine di donne e bambini uccisi in Myanmar

Bangkok (AFP) – Le forze governative del Myanmar hanno arrestato abitanti del villaggio, alcuni ritenuti donne e bambini, e hanno ucciso più di 30 colpi di arma da fuoco e dato fuoco a corpi, secondo quanto riferito sabato da un testimone e da altri rapporti.

Le presunte immagini delle conseguenze del massacro della vigilia di Natale nel villaggio orientale di Mu Su, fuori dalla città di Habrosu nello stato di Kayah, dove i rifugiati si stavano riparando da un’offensiva dell’esercito, si sono diffuse sui social media del Paese, scatenando indignazione contro i militari che ha preso il potere nel paese. Febbraio.

Gli account non possono essere verificati in modo indipendente. Le immagini mostravano i corpi carbonizzati di più di 30 persone in tre auto bruciate.

Uno degli abitanti del villaggio, che ha detto di essere andato sul posto, ha detto all’Associated Press che le vittime sono fuggite dai combattimenti tra gruppi di resistenza armata e l’esercito del Myanmar vicino al villaggio di Koy Ngan, vicino a Mu Su, venerdì. Ha detto che sono stati uccisi dopo che le forze li hanno arrestati mentre erano diretti ai campi profughi nella parte occidentale della città.

Il governo non ha commentato le accuse, ma un rapporto apparso sabato sul quotidiano statale Myanma Allen ha riferito che venerdì sono scoppiati scontri vicino a Mu Su quando membri delle forze di guerriglia etnica, note come Karenni National Progressive Party, e il più anziano dell’esercito gli oppositori hanno iniziato a guidare auto «sospette» e ad attaccare le forze di sicurezza dopo che si erano rifiutati di fermarsi.

Il rapporto del giornale affermava che tra loro c’erano nuovi membri che stavano andando a partecipare a esercitazioni per combattere l’esercito e che le sette auto su cui viaggiavano sono state distrutte in un incendio. Non sono stati forniti ulteriori dettagli sugli omicidi.

READ  I propulsori russi inclinano di nuovo accidentalmente la Stazione Spaziale Internazionale

Il testimone che ha parlato con l’AP ha affermato che i resti sono stati cremati oltre il riconoscimento e sono stati trovati vestiti per bambini e donne insieme a forniture mediche e cibo.

«I corpi sono stati legati con delle corde prima di essere cremati», ha detto il testimone, che ha parlato a condizione di anonimato per paura per la sua incolumità.

Non ha visto il momento in cui sono stati uccisi, ma ha detto che credeva che alcuni di loro fossero abitanti del villaggio di Mo Su che, secondo quanto riferito, sono stati arrestati dalle truppe venerdì. Ha negato che i detenuti fossero membri di milizie locali organizzate.

I media indipendenti del Myanmar hanno riferito venerdì che i militari hanno arrestato 10 abitanti del villaggio di Mu Su, compresi bambini, e che quattro guardie di frontiera paramilitari locali che sono andate a negoziare per il loro rilascio sono state legate e colpite alla testa dai militari.

Il testimone ha detto che gli abitanti del villaggio e le milizie anti-governative hanno lasciato i cadaveri mentre le forze militari arrivavano vicino a Mu Su mentre i corpi venivano preparati per la cremazione. I combattimenti erano ancora accesi vicino al villaggio.

«È un crimine atroce e il peggior incidente durante il Natale. Condanniamo fermamente quel massacro come crimine contro l’umanità», ha affermato Panyar Khun Aung, direttore del Karenni Human Rights Group.

All’inizio di questo mese, le forze governative sono state anche accusate di aver arrestato, legato e massacrato gli abitanti del villaggio, alcuni dei quali ritenevano bambini. Il leader dell’opposizione Dr. Sasa, che ha usato un solo nome, ha detto che i civili sono stati bruciati vivi.

READ  Macron critica el "racismo" de Le Pen mientras se quita los guantes antes de las elecciones francesas

Un video clip dopo l’attacco del 7 dicembre – apparentemente in risposta a un attacco a un convoglio militare – mostrava i corpi carbonizzati di 11 persone che giacevano in cerchio tra quelli che sembravano essere i resti di una capanna.

Intanto sabato sono ripresi i combattimenti in un paese vicino al confine con la Thailandia, con migliaia di persone in fuga per cercare riparo. Funzionari locali hanno detto che l’esercito del Myanmar ha lanciato artiglieria pesante e attacchi aerei su Lay Kay Kau, una piccola città in mano ai combattenti Karen da venerdì.

L’azione dei militari ha spinto diversi governi occidentali, inclusa l’ambasciata degli Stati Uniti, a rilasciare una dichiarazione congiunta che condanna le «gravi violazioni dei diritti umani commesse dal regime militare in tutto il paese».

«Chiediamo al regime di cessare immediatamente i suoi attacchi indiscriminati nello Stato di Karen e in tutto il Paese e di garantire la sicurezza di tutti i civili in linea con il diritto internazionale», si legge nella dichiarazione congiunta.