diciembre 2, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Regno Unito Covid-19: Boris Johnson ha dichiarato la pandemia quasi finita. Ora i problemi sono in aumento

«Stiamo sacrificando la nostra possibilità di vedere i loro cari a Natale quest’anno, così abbiamo maggiori possibilità di proteggere le loro vite in modo da poterli vedere a Natale in futuro», ha detto Johnson, facendo un passo decisivo per la carriera che aveva escluso pochi giorni fa. prima.

Ma la variante delta, più trasmissibile del ceppo alfa che ha rovinato i festeggiamenti dell’anno scorso, non è andata via.

Il Paese ha tranquillamente sofferto alti casi e testardaggine, ricoveri e decessi rispetto al resto d’Europa. La Gran Bretagna ha registrato quasi mezzo milione di casi nelle ultime due settimane – e quasi 50.000 lunedì – più di Francia, Germania, Italia e Spagna messe insieme. Il Regno Unito ha riportato 223 morti martedì, il numero giornaliero più alto dall’inizio di marzo.

Johnson ha deviato dalla maggior parte dei paesi dell’UE nel suo approccio. Mentre un certo numero di paesi del continente ha introdotto i passaporti per le vaccinazioni, l’Inghilterra ha interrotto il suo piano originale per farlo. L’uso di maschere, il distanziamento sociale e altre misure non sono più richiesti dalla legge in Gran Bretagna.

Ciò contrasta con misure più severe in molti paesi europei, dove è richiesta la prova della vaccinazione o un test negativo per visitare bar, ristoranti o Lavoro in diversi campi, compresa la sanità.

Gli ospedali in Gran Bretagna sono ora prossimi al collasso sotto la pressione dei nuovi ricoveri. E il successo della vaccinazione precoce del paese rischia di essere annullato dal vacillare nell’implementazione di colpi di richiamo e iniezioni per i bambini.

«Politiche straordinarie portano a risultati eccezionali», ha detto alla CNN Deepti Gordasani, epidemiologo della Queen Mary University di Londra. «È molto prevedibile. È il risultato dell’aprire tutto».

«Ci stiamo avvicinando all’inverno e le cose andranno solo molto peggio», ha aggiunto.

Alcune cose potrebbero essere chiuse; Il portavoce di Johnson ha riconosciuto lunedì che ci aspetta un inverno «difficile» e il primo ministro ha rifiutato di escludere il ritorno dei mandati di mascherine o restrizioni più forti per proteggere il servizio sanitario nazionale nelle prossime settimane.

Ma gli esperti, compresi i capi sanitari di Johnson, chiedono un cambio di approccio più urgente.

Il sindacato NHS, che rappresenta i fornitori, ha esortato il governo mercoledì a passare a un pacchetto di misure del «Piano B», che includerà carte di vaccinazione in stile europeo e più mandati per le maschere. Ma per ora il governo ha escluso una tale mossa, insistendo solo sul fatto di monitorare da vicino i numeri dei casi.

«C’è tutta una serie di modi in cui noi (da) non andiamo d’accordo con l’Europa occidentale e il resto del mondo», ha affermato Martin Mackie, professore di sanità pubblica europea presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine.

READ  L'uscita dell'Australia dalla pandemia di Covid-19 ti farà urlare di rabbia o di gioia?

«Abbiamo visto in altri paesi europei che le azioni collettive fanno una grande differenza», ha detto. «Dobbiamo chiederci: abbiamo ragione? (Perché) non ci sono prove che lo siamo».

Un’offerta di vaccini vacillante

Il rinnovato ottimismo della Gran Bretagna nel nuovo anno è stato guidato dal programma di vaccinazione, che ha superato la maggior parte dei paesi nella sua portata iniziale e ha impostato la narrativa per quella che Johnson ha descritto come la vittoria della Gran Bretagna epidemico.

Ma il paese sta lottando per replicare quei primi successi mentre cerca di vaccinare gli adolescenti e rilasciare colpi di richiamo per gli anziani e le persone a rischio.

«Il lancio del booster inglese non è riuscito a tenere il passo con il lancio della prima e della seconda dose di vaccino», ha avvertito in una dichiarazione lunedì John Roberts, un consulente del Covid-19 Actuarial Response Group che tiene traccia dei numeri di vaccinazione.

Più di un mese dopo l’inizio delle iniezioni di richiamo, meno della metà di quelli vaccinati due volte di età superiore agli 80 anni aveva ricevuto una ricarica. «Ovviamente accelerare il lancio del booster è vitale per ridurre la pressione sui servizi sanitari e ridurre i decessi legati al Covid questo autunno e inverno», ha affermato.

Il gruppo ha stimato che, al ritmo attuale, i 22 milioni di persone che compongono i gruppi ad alto rischio del paese non saranno vaccinati tre volte fino alla fine di gennaio, nonostante le promesse iniziali del governo che il programma proteggerà le persone in inverno.

Viaggio nel Regno Unito durante il Covid-19: cosa devi sapere prima di viaggiare

I vaccini continuano a ridurre il numero di pazienti Covid-19 che necessitano di cure ospedaliere, ma un’immunità indebolita rende particolarmente importante il ritmo della loro diffusione. La maggior parte delle persone con più di 40 anni in Gran Bretagna è stata vaccinata con il vaccino Oxford-AstraZeneca parzialmente localizzato, che si è dimostrato meno efficace contro la variante Delta rispetto ai vaccini Pfizer e Moderna.

un prestampa In uno studio di Public Health England (PHE) è stato riscontrato che la protezione del vaccino contro l’infezione è diminuita dal 66,7% al 47% dopo 20 settimane, rispetto a una diminuzione dal 90% al 70% per il vaccino Pfizer. ricerca separata Ha scoperto che l’efficacia di AstraZeneca contro l’ospedalizzazione delta è diminuita da poco più del 90% a poco meno dell’80% dopo 140 giorni, mentre la sua efficacia contro la morte è rimasta vicina al 90%. Pfizer è rimasta al di sopra del 90% su entrambe le misure.

Molti esperti danno la colpa alla mancanza di slancio nella campagna di vaccinazione del Regno Unito dopo mesi di rassicurazioni positive da parte del governo Johnson.

READ  Le ricadute in Afghanistan colpiscono il primo giorno del viaggio di Harris nel sud-est asiatico

«Tutti i messaggi e le azioni del governo indicano che siamo fuori pericolo», ha detto Gordasani.

«Ci sono stati molti messaggi che fondamentalmente la pandemia è finita, quindi molte persone stanno pensando: ‘Perché preoccuparsi?'», ha aggiunto Mackey. «

Gli adolescenti in Inghilterra devono aspettare di essere vaccinati a scuola, il che ha ostacolato l'inizio del programma.

Ci sono preoccupazioni anche all’altra estremità dello spettro di età, con il servizio sanitario nazionale che lavora per vaccinare le persone di età superiore ai 12 anni e scongiura una ripetizione della trasmissione dilagante nelle scuole che ha interrotto gran parte del periodo estivo a giugno e luglio.

Questo programma ha subito una falsa partenza tra i primi pareri contrastanti da parte degli organismi scientifici del paese; Mentre la Francia, ad esempio, ha iniziato a vaccinare i bambini sotto i 18 anni a giugno, il governo britannico ha dato il via libera solo a settembre.

Finora a 1,2 milioni di adolescenti è stata somministrata una singola dose del vaccino e solo 260.000 ne hanno viste due in Inghilterra.

«Il problema non è che gli adolescenti non vogliono prenderlo», ha detto Gordasani. «Ci sono molti che cercano disperatamente di ottenerlo, ma non sono ancora stati introdotti a scuola».

Le scuole si sono lamentate della carenza di personale addetto alla vaccinazione e i ritardi dell’Inghilterra nel consentire agli adolescenti di visitare i centri di vaccinazione nazionali hanno visto la Scozia restare indietro nel vaccinare la fascia di età.

«C’è una perdita di direzione qui», ha detto Mackey. «Non è chiaro chi sia il responsabile».

Gli ospedali britannici si preparano per un inverno cupo

I tassi di Covid-19 della Gran Bretagna sono superiori alla maggior parte di quelli europei, ma le sue misure di mitigazione rimangono minime.

«Il governo è totalmente dipendente dal programma di vaccinazione, che ora sta procedendo in modo molto tiepido», ha detto Mackey. «C’è una reale necessità di una revisione urgente di dove siamo diversi dagli altri paesi e di una valutazione: dovremmo essere diversi? Qual è la logica?»

Mackey si è unito a molti esperti nel chiedere un pacchetto di misure che rifletta il continente. Molti paesi europei, tra cui Francia e Italia, hanno Passaggi Covid-19 arrotolati e la vaccinazione richiesta per gli operatori sanitari, mentre molti usano ancora una maschera in luoghi affollati che il Regno Unito non fa.
Migliaia di proteste dopo che la tessera Covid italiana diventa obbligatoria per i lavoratori

Al contrario, Johnson si è ritirato dai piani iniziali per introdurre misure simili. «I vaccini hanno un ruolo importante da svolgere; l’esperienza francese e italiana dimostra che lo fanno», ha detto Mackie. I casi sono rimasti bassi in entrambi i paesi da quando sono state adottate le misure.

L’assistenza sanitaria è stata sviluppata nel Regno Unito e le autorizzazioni per i vaccini sono state annunciate in Galles e Scozia. Nel frattempo, Johnson li tiene di riserva secondo lo scenario del «Piano B» dell’Inghilterra, ma con i tassi di infezione che salgono ogni giorno, molti si chiedono perché il Piano A sia ancora operativo.

READ  La provincia cinese della Rust Belt avverte di ulteriori carenze nella crisi energetica

«Abbiamo tassi di infezione molto alti tra i bambini (e) si è diffuso alla popolazione anziana», ha detto Gordasani. «Ci avviciniamo all’inverno e le cose non faranno che peggiorare».

La stanchezza da Covid tra il pubblico è un’altra sfida. Gli eventi di massa si svolgono senza la necessità di vaccinazioni e c’è ancora poca traccia dell’epidemia nelle strade principali della Gran Bretagna durante i periodi di maggiore affluenza.

Solo il 40% dei britannici pratica ancora regolarmente il distanziamento sociale, rispetto al 62% a metà luglio e all’85% ad aprile, secondo l’Office for National Statistics. Lo stesso studio ripetuto ha anche riscontrato una graduale diminuzione dell’usura delle mascherine.

Per alcuni, questa tendenza è allarmante. «Abbiamo avuto da 30.000 a 40.000 casi ogni giorno da mesi ormai. Nessun altro paese lo tollera… (ma) è stato normalizzato» nel Regno Unito, ha detto Gordasani.

Una fila di ambulanze a Londra a gennaio.  Gli operatori sanitari temono avvistamenti simili questo inverno se le infezioni continuano ad aumentare.

Il flusso continuo di ricoveri ospedalieri non è aumentato in modo significativo negli ultimi due mesi, ma non è nemmeno diminuito in modo significativo; I dati ufficiali mostrano che ogni giorno più di 700 nuovi pazienti entrano nelle strutture.

Ciò lascia gli ospedali, che già lottano per funzionare a causa di un arretrato di trattamenti che sono stati ritardati durante la pandemia, in trepidante attesa di un’altra ondata invernale.

La scorsa settimana, il servizio sanitario nazionale inglese ha dichiarato che c’erano più persone in attesa di cure che in qualsiasi momento da quando ha iniziato a tenere registri – 5,7 milioni – poiché il personale sanitario ha lottato nel settembre più impegnativo mai registrato quest’anno.

«Non c’è dubbio che il servizio sanitario nazionale si sta surriscaldando, con il numero più alto di pazienti mai visto in un pronto soccorso a settembre, 14 volte il numero di pazienti COVID in ospedale rispetto allo stesso mese dell’anno scorso e 999 chiamate di ambulanza registrate», il professor Stephen Powis, direttore medico del National NHS, ha detto dei numeri.

La direzione che prende l’inverno non è ancora deterministica. «Ci sono molte incognite», ha detto Mackie, osservando che i precedenti aumenti previsti delle infezioni quest’anno non si erano materializzati.

Ma esperti e personale ospedaliero temono ulteriori pressioni. «Non è un posto che la maggior parte degli operatori sanitari desidera», ha aggiunto Gordasani. «Mi spaventa davvero che siamo in questo posto prima dell’inverno.»

Alla fine dell’anno, la natura della seconda epidemia natalizia britannica rimane poco chiara.