noviembre 30, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Regione di formazione stellare «mostro» spiata dallo Spitzer Space Telescope della NASA

Il telescopio spaziale Spitzer della NASA riprende questa nube di gas e polvere. I colori rappresentano diverse lunghezze d’onda della luce infrarossa e possono rivelare caratteristiche come i luoghi in cui la radiazione delle stelle ha riscaldato i materiali circostanti. Qualsiasi somiglianza con Godzilla è puramente fittizia. Credito: NASA/JPL-Caltech

Proprio come le nuvole sulla Terra, le nuvole di gas e polvere nello spazio a volte possono assomigliare a oggetti familiari o persino a famosi oggetti cinematografici.

Vedi un mostro in questa foto? I punti luminosi vicino alla parte superiore dell’immagine assomigliano agli occhi penetranti e al muso allungato di Godzilla?

In effetti, questa immagine a colori mostra una nebulosa – una nuvola di gas e polvere nello spazio – che è stata catturata NASATelescopio spaziale Spitzer. Nel corso di miliardi di anni, innumerevoli stelle si sono formate nel materiale lì. Durante la loro vita, le radiazioni che emettono tagliano gas e polvere, rimodellando la nuvola. Grandi cambiamenti si verificano anche quando le stelle massicce muoiono ed esplodono in supernova. Se vista in una luce visibile che l’occhio umano gentile può rilevare, quest’area è quasi completamente oscurata da nuvole di polvere. Ma la luce infrarossa (lunghezze d’onda più lunghe di quanto i nostri occhi possano percepire) può penetrare le nuvole, rivelando regioni nascoste come queste.

Quattro colori (blu, ciano, verde e rosso) utilizzati per rappresentare diverse lunghezze d’onda della luce infrarossa; Giallo e bianco sono una combinazione di quelle lunghezze d’onda. Blu e ciano rappresentano principalmente le lunghezze d’onda emesse dalle stelle; La polvere e le particelle organiche chiamate idrocarburi appaiono verdi; La polvere calda riscaldata da stelle o supernove appare rossa.

Nebulosa Godzilla Spitzer

Questa è la stessa immagine sopra, con un contorno di Godzilla disegnato. Credito: NASA / JPL-Caltech

Questa immagine è stata elaborata dall’astronomo Robert Hurt del California Institute of Technology, che è stato responsabile della stragrande maggioranza delle immagini pubbliche create dai dati di Spitzer dal lancio dell’osservatorio nel 2003. Hurt è anche la persona che ha scoperto Godzilla nell’immagine.

READ  Active Sun sprigiona un potente bagliore solare del segmento X [Video]

«Non stavo cercando mostri», ha detto. «Mi è capitato di guardare un’area del cielo che ho esplorato molte volte prima, ma non ho mai realmente ingrandito. A volte, se taglio un’area in modo diverso, fa emergere qualcosa che non hai mai visto prima. erano gli occhi e la bocca che per me ruggivano Godzilla. Miei”.

Hurt non è l’unico che tende a vedere gli oggetti legati alla Terra nelle immagini dell’universo. Pareidolia è il nome scientifico della tendenza umana a percepire un’immagine specifica, spesso significativa, in uno schema visivo casuale o ambiguo. Altri studiosi hanno spiato A Vedova nerae Jack-o-Lantern, a serpente, un cervello umano esposto e l’astronave Enterprise, tra gli altri, nelle fotografie di Spitzer.

Gestito dal Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California, il veicolo spaziale Spitzer era In pensione a gennaio 2020Ma gli scienziati continuano a scavare nel vasto set di dati per ottenere nuove informazioni sull’universo. Hurt continua a cercare immagini attraenti.

«È uno dei modi in cui vogliamo che le persone si connettano con il meraviglioso lavoro che Spitzer ha fatto», ha detto. «Sto cercando aree avvincenti che possano davvero raccontare una storia. A volte è una storia su come si formano stelle e pianeti, a volte su un mostro gigante che infuria a Tokyo».

La nebulosa Godzilla si trova nella costellazione del Sagittario, lungo il piano di via Lattea, che faceva parte di Spitzer’s SCANSIONE OCCHIATA (abbreviazione di Galactic Legacy Infrared Mid-Plane Survey Extraordinaire). Le stelle in alto a destra (dove saranno gli occhi cosmici e il muso di Godzilla) sono a una distanza sconosciuta dalla Terra ma all’interno della nostra galassia. Situata a circa 7800 anni luce dalla Terra, l’area illuminata in basso a sinistra (la mano destra di Godzilla) è Conosciuto come W33.

READ  Perché Venere è tornata sotto i riflettori esplorativi?

Non sei convinto che questa drammatica regione di formazione stellare assomigli a Godzilla? Puoi disegnare la tua creatura cosmica usando Spitzer Artistronomy web app. Nuove nebulose, inclusa questa, sono state aggiunte all’app questo mese. L’app presenta strumenti di disegno e immagini di nove nebulose catturate da Spitzer, così gli utenti possono illustrare le proprie visioni di creature cosmiche. La visione a infrarossi dell’universo di Spitzer lo rendeva particolarmente adatto per trovare nebulose troppo fredde per la radiazione luminosa visibile o nascoste dietro nuvole di polvere.

Il set di dati scientifici che Spitzer ha raccolto nel corso della sua vita è pubblicamente disponibile tramite Archivio dati Spitzer, che si trova nell’IPAC Infrared Science Archive presso il California Institute of Technology di Pasadena, in California. Laboratorio di propulsione a reazione, una divisione di Caltech, ha gestito le operazioni di missione Spitzer per la direzione della missione scientifica della NASA a Washington. Le operazioni scientifiche sono state condotte presso lo Spitzer Science Center dell’IPAC al Caltech. Le operazioni dei veicoli spaziali erano basate presso Lockheed Martin Space a Littleton, in Colorado.