enero 26, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Recensione del film King’s Man – Ralph Fiennes intrappolato nella terra di nessuno | Film d’azione e di avventura

Tsuperfluo Kingsman La storia delle origini vede lo scrittore e regista Matthew Vaughn disegnare un progetto per un’organizzazione di spionaggio segreta di alto profilo. Il terzo film della serie inizia con Orlando Oxford di Ralph Fiennes, un aristocratico veterano e vedova guerriera che lamenta il suo ruolo nel saccheggio delle colonie britanniche. Un sedicente pacifista, scoraggia suo figlio Conrad (Harris Dickinson) dall’arruolarsi nell’esercito, ma scoppia la prima guerra mondiale e una catastrofe globale deve essere fermata. Orlando circondato da amici calci nel culo interpretati da Djimon Hounsou e gemma arterton (L’unica donna nel film ha offerto qualcosa di simile a un ruolo parlante.)

Il tono oscilla goffamente dall’ampio melodramma coloniale alla cupa saga di battaglia, al campo, alla grandezza pseudo-Bond e alla farsa cruda e poco divertente. Sono tutti nello spettro della noiosa maleducazione, dal ragazzo Rasputin di Rhys Evans, un monaco sufi che vomita e che balla, al pezzo cupo e riverito nelle trincee. È un interessante pezzo di revisione storica quando viene rivelato che la guerra è stata orchestrata da un misterioso cattivo con un accento scozzese, deciso a rovesciare l’Impero britannico mentre puniva il «cazzo di lusso» dei Fiennes. Tuttavia, il film non ha potuto resistere alla celebrazione di una conclusione conservatrice fuori da Buckingham Palace, dove uno striscione della vittoria sventolava davanti ad alcune bandiere di San Giorgio.

READ  [VIDEO] Trailer del reboot di "Gossip Girl" - HBO Max