noviembre 27, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Questo interessante segnale che si crede provenisse da Proxima Centauri è stato ora risolto

I media hanno riferito nel dicembre dello scorso anno Riferimento interessante siamo dentro ascolto hack Il progetto si trova nei dati del nostro radiotelescopio. Il segnale, soprannominato BLC1, non sembrava essere il risultato di alcuna attività astrofisica identificabile o di qualsiasi interferenza terrestre familiare.

Il problema era che non eravamo preparati a discuterne. Quando cerchi segni di vita extraterrestre, devi stare molto attento a ottenerli prima di fare qualsiasi annuncio. L’anno scorso abbiamo appena iniziato i nostri esami di convalida secondari e c’erano molte domande senza risposta.

Oggi siamo pronti a segnalare che BLC1, sfortunatamente, non è un segnale di vita intelligente extraterrestre. Invece, è l’interferenza radio che imita più da vicino il tipo di segnale che abbiamo osservato. I nostri risultati sono riportati in Due Fogliame in un astronomia naturale.

Alla ricerca di brillamenti solari e segni di vita

La storia di BLC1 inizia nell’aprile 2019, quando Andrew Zic, che all’epoca era uno studente di dottorato presso l’Università di Sydney, iniziò a osservare la vicina stella Proxima Centauri con più telescopi per cercare l’attività di brillamento. A 4,22 anni luce di distanza, Proxima Centauri è la nostra stella più vicina, ma è troppo debole per essere vista ad occhio nudo.

I brillamenti delle stelle sono esplosioni di energia e plasma caldo che influenzerebbero (e possibilmente distruggerebbero) le atmosfere di qualsiasi pianeta sul loro cammino. Sebbene il sole produca bagliori, non sono abbastanza forti o frequenti da interrompere la vita sulla Terra. Capire come e quando una stella erutta ci insegna molto sul fatto che questi pianeti siano adatti alla vita.

Proxima Centauri ospita un esopianeta delle dimensioni della Terra chiamato Proxima Centauri b, e le osservazioni di Andrew indicano che il pianeta è Soffre di un violento «tempo spaziale». Sebbene il cattivo tempo spaziale non escluda la vita nel sistema Proxima Centauri, significa che è probabile che la superficie del pianeta sia inospitale.

READ  Una toilette SpaceX rotta significa un pannolino o tenerlo per l'equipaggio della NASA

Tuttavia, come nostro vicino più prossimo, Proxima Centauri b rimane un obiettivo irresistibile per la ricerca di intelligenza extraterrestre (o SETI). Proxima Centauri è una delle poche stelle che probabilmente visiteremo nella nostra vita.

Alla velocità della luce, un viaggio di andata e ritorno dura 8,4 anni luce. Non possiamo inviare un veicolo spaziale così velocemente, ma c’è speranza per questo Piccola fotocamera su una vela leggera Potrebbe arrivare in 50 anni e mandare indietro le foto.

Per questo motivo, abbiamo collaborato con Andrew Zek e i suoi collaboratori e abbiamo usato PAREX CSIRO .telescopio (noto anche come Murriyang nella lingua Wiradjuri) per eseguire le note SETI in parallelo con la ricerca dell’attività bagliore.

(Smith et al., Astronomia naturale)

Sopra: segnale BLC1. Ogni riquadro della trama è una nota verso Proxima Centauri («sulla fonte»), o verso una fonte di riferimento («fuori fonte»). BLC1 è la linea di deriva gialla, che si trova solo quando il telescopio è puntato su Proxima Centauri.

Interessante progetto estivo

Abbiamo pensato che la ricerca di queste note sarebbe stata un progetto eccellente per uno studente estivo. Nel 2020, Shane Smith, uno studente universitario dell’Hillsdale College nel Michigan, negli Stati Uniti, si unisce alla Berkeley SETI Undergraduate Research Experience un programma E ho iniziato a setacciare i dati. Verso la fine del suo progetto, BLC1 è venuto alla ribalta.

Il team di Breakthrough Listen è stato subito affascinato da BLC1. Tuttavia, l’onere della prova per rivendicare la vita extraterrestre è troppo alto, quindi non ci permettiamo di eccitarci troppo finché non abbiamo applicato tutti i test a cui possiamo pensare. Sophia Sheikh ha condotto l’analisi di BLC1, che all’epoca era una studentessa di dottorato alla Penn State, e ha eseguito una serie completa di test, molti dei quali erano nuovi.

READ  Lo studio rileva che la nebbia del cervello nei pazienti COVID-19 può persistere per mesi, anche in coloro che non sono stati ricoverati in ospedale

Ci sono state molte prove che suggeriscono che BLC1 è un vero segno di tecnologia extraterrestre (o «firma tecnologica»). Il BLC1 ha molte delle caratteristiche che ci aspetteremmo da una firma tecnica:

  • Abbiamo visto BLC1 solo quando guardavamo verso Proxima Centauri e non l’abbiamo visto quando abbiamo guardato altrove (nelle note «Out of Source»). I segnali di interferenza sono comunemente visti in tutte le direzioni, poiché «perdono» nel ricevitore del telescopio

  • Il segnale occupa solo una ristretta gamma di frequenze, mentre i segnali provenienti da stelle o altre sorgenti astrofisiche si verificano su una gamma molto più ampia.

  • Il segnale è andato lentamente alla deriva in frequenza per un periodo di 5 ore. È prevedibile una deviazione di frequenza per qualsiasi trasmettitore non fissato alla superficie terrestre, poiché il suo movimento rispetto a noi causerà l’effetto Doppler

  • Il segnale BLC1 è durato per diverse ore, rendendolo diverso da altre interferenze da satelliti o aerei artificiali che abbiamo osservato prima.

Tuttavia, l’analisi di Sophia ci ha portato a concludere che BLC1 è molto probabilmente un’interferenza radio da qui sulla Terra. Sophia è stata in grado di dimostrarlo cercando attraverso l’intera larghezza di banda del recettore di Parkes e trovando segnali «simili», le cui proprietà sono matematicamente correlate a BLC1.

A differenza di BLC1, gli omologhi atto Appaiono nelle note al di fuori della fonte. In quanto tale, BLC1 è colpevole di associazione con interferenze radio.

Non la firma tecnica che stavamo cercando

Non sappiamo esattamente da dove provenga BLC1 o perché non sia stato rilevato in osservazioni fuori sorgente come segnali simili. La nostra ipotesi migliore è che BLC1 e le sue somiglianze siano generate da un processo chiamato Modifica, dove due frequenze vengono mescolate insieme per creare una nuova interferenza.

READ  I rari asteroidi vicini alla Terra potrebbero diventare bersagli per l'estrazione spaziale

Se hai mai ascoltato blues o chitarra rock, probabilmente conosci l’intermodulazione. Quando l’amplificatore per chitarra è intenzionalmente esagerato (quando alimentato fino a 11), la modulazione interstiziale aggiunge una piacevole distorsione del suono al segnale pulito della chitarra. Quindi forse il BLC1 è – forse – solo una fastidiosa distorsione da un dispositivo con un altoparlante RF iperattivo.

Indipendentemente dal motivo di BLC1, questa non era la firma tecnica che stavamo cercando. Tuttavia, ha fornito un eccellente caso di studio e ha dimostrato che i nostri tubi di rilevamento funzionano e raccolgono segnali insoliti.

Proxima Centauri è solo una delle centinaia di miliardi di stelle della Via Lattea. Per cercarli tutti, dobbiamo mantenere il nostro slancio, continuare a migliorare i nostri strumenti e i test di verifica e formare la prossima generazione di astronomi, come Shane e Sophia, che possono continuare la ricerca con la prossima generazione di telescopi.Conversazione

Danny C Prezzo, ricercatore senior, Università di Curtin.

Questo articolo è stato ripubblicato da Conversazione Con Licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.