julio 31, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Questa farfalla potrebbe essere stata il primo insetto ad essersi estinto a causa dell’urbanizzazione negli Stati Uniti

Nello studio è stato utilizzato un esemplare di farfalla blu di 93 anni.

Nello studio è stato utilizzato un esemplare di farfalla blu di 93 anni.
immagine: Museo del Campo

Gli scienziati dicono di aver confermato per decenni-Vecchi sospetti sulla perdita La farfalla blu di Xerces negli Stati Uniti negli anni ’40. Sulla base dell’analisi genetica di un campione di 93 anni e altri, dicono Blue Xerces era davvero una specie distinta di farfalla, non un sottoinsieme di altre specie esistenti, Come ipotizzato da alcuni studiosi. Se fosse vero, riconfermerebbe la fine della farfalla come la prima estinzione nota di insetti negli Stati Uniti legata all’urbanizzazione.

Xerces blu, o Zerzat glucofagoza, era originario della penisola di San Francisco in California. Il nome in realtà si riferisce solo alle farfalle maschi, poiché Davanti alle sue ali iridescenti c’era uno splendido colore da blu a viola e finiture nere. femmina Era più chiaro marrone Ali. L’ultimo avvistamento confermato di Xerces blu è avvenuto nei primi anni ’40. E sebbene ci siano specie legate alla farfalla ancora oggi, è opinione diffusa che il loro viaggio evolutivo sia terminato poco dopo, grazie in gran parte alla loro crescente perdita di habitat dovuta al nostro sviluppo di nuovi edifici e strutture nell’area.

Da allora, la triste storia di Xerces blu ha galvanizzato gli ambientalisti. Nel 1971, Associazione Xerces, nonÈ stata creata un’organizzazione a scopo di lucro dedicata alla conservazione di insetti e altri invertebrati, che ha adottato la farfalla come talismano. Recentemente, alcune persone hanno chiese Se lo Xerces blu è un candidato ideale per la de-estinzione, lo è anche l’idea di riportare in vita la specie. Questo può avvenire sia attraverso tecniche di ingegneria genetica (come Jurassic Park) o introducendo una specie strettamente legata al suo habitat naturale –soddisfare, Cercando di ricreare le circostanze che hanno portato alla perdita Farfalla in primis.

Un gruppo dell'estinta farfalla blu Xersis è conservato nel Field Museum di Chicago.

Un gruppo dell’estinta farfalla blu Xersis è conservato nel Field Museum di Chicago.
immagine: Museo del Campo

Ma alcuni ricercatori si sono anche chiesti, data la loro stretta somiglianza con altre farfalle, se la Xerces blu possa essere considerata più accuratamente una sottospecie rispetto a un altro gruppo. È ancora ampiamente trovato oggi nella metà occidentale del Nord America: Farfalla blu argento, o Glaucopsiche lygdamus. Per aiutare a risolvere questo dibattito, gli scienziati di vari istituti di ricerca hanno approfondito il DNA delle farfalle blu di Xerces e di altre farfalle. Sebbene gran parte del DNA sia stato raccolto dal loro campione principale, preso dal Field Museum di Chicago, Illinois, ha deteriorato l’uso da parte della squadra dei seguenti-la generazione del sequenziamento lasciali Recuperano informazioni sufficienti per fare confronti validi sul suo lignaggio, dicono.

“Sequenziando il DNA da un campione di quasi 100 anni e confrontandolo con campioni di altri Xerces blu e molte altre specie strettamente correlate, Siamo stati in grado di dimostrare che tutti gli esemplari di Xerces sono i parenti più stretti l’uno dell’altro, Si differenzia da tutti gli altri esemplari, comprese le specie comuni comuni,” Cory Morrow, biologo evoluzionista nonché direttore e Il curatore del gruppo di insetti della Cornell University ha detto a Gizmodo in una e-mail. I risultati del team sono stati pubblicati martedì sulla rivista Biology Letters.

Anche se la squadra Non sono stati in grado di salvare completamente il DNA della farfalla, loro… Dire il loro lavoro Il primo passo può essere quello di imparare a far rivivere geneticamente Blue Xerces. Ma più importante di questa farfalla estinta è che gli insetti siano ancora vivi Oggi.

Gli autori dello studio Felix Grewe e Cory Moreau lavorano nel Pritzker DNA Laboratory presso il Field Museum.

Gli autori dello studio Felix Grewe e Cory Moreau lavorano nel Pritzker DNA Laboratory presso il Field Museum.
immagine: Museo del Campo

“Sappiamo che l’influenza umana può avere impatti negativi sulla biodiversità, ma possiamo anche concentrare i nostri sforzi per proteggere le specie che vivono oggi sul pianeta”, ha affermato Morrow. “Tutti Uno di noi può aiutare a proteggere la biodiversità sostenendo le comunità di conservazione e aiutando a proteggere gli habitat indigeni. Quando perdiamo una specie, ci sono effetti a catena in natura, che alla fine colpiscono gli esseri umani, molto.”

Tuttavia, ha aggiunto Moreau, questa ricerca mostra anche il valore di preservare il passato biologico nel miglior modo possibile, perché noi Non si sa mai come ne trarranno beneficio i nostri nipoti.

“Questo è un eccellente esempio di come è possibile rispondere ad alcune domande scientifiche utilizzando solo campioni provenienti da musei, motivo per cui dobbiamo proteggere e continuare a far crescere queste collezioni”, ha affermato. “Non possiamo immaginare tutti i modi in cui verrà utilizzato in futuro, proprio come la persona che ha raccolto questo Xerces blu non avrebbe potuto immaginare che potremmo usare il DNA per rispondere a una domanda che risale a molto prima che lo Xerces blu si estinse .”

READ  "È una corsa": lo sforzo del vaccino diventa scoraggiante quando si diffonde la variante delta infettiva