enero 26, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Quello che vedo per il 2022: tassi di interesse, tassi ipotecari, immobili, azioni e altri beni mentre le banche centrali affrontano l’iperinflazione.

Un cocktail molto speciale di tre ingredienti forti senza ciliegina sulla torta ci aspetta nel 2022.

di Lupo Richter a via del lupo.

i prezzi di beni significativamente gonfiati come abitazioni, azioni e obbligazioni; Massiccia inflazione e banche centrali che hanno iniziato a rispondere.

Molte banche centrali hanno iniziato ad aumentare i tassi di interesse. Altri hanno finito di acquistare i beni. La stretta quantitativa (QT) – le banche centrali che rinunciano agli asset – è sul tavolo.

L’aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti non raggiungerà la massiccia inflazione nel 2022: l’inflazione CPI è ora del 6,8%, la più alta degli ultimi 40 anni.

Ma a differenza di quanto accadeva 40 anni fa, l’inflazione ora è in aumento. All’inizio degli anni ’80, ha iniziato a diminuire. Dobbiamo confrontare la situazione attuale con quella degli anni ’70, quando l’inflazione stava crescendo vertiginosamente. Quindi stiamo entrando in un nuovo ambiente in cui l’economia sta facendo cose che non vedevamo da molti decenni. Sarà un nuovo gioco di palla per quasi tutti.

Come sempre, i numeri dell’inflazione varieranno di anno in anno. L’IPC può superare il 7% o l’8% e poi tornare al 5% solo per balzare di nuovo, fornendo momenti di falsa speranza – come ha fatto durante le ondate inflazionistiche degli anni ’70 – solo per correre più in alto.

L’inflazione si è ora diffusa più a fondo nell’economia, con l’inflazione dei servizi in aumento e non ci sono restrizioni sulla catena di approvvigionamento. Ciò include misure di inflazione per i costi delle abitazioni. Le misure per l’inflazione delle abitazioni hanno iniziato a salire.

Sappiamo che i numeri dell’inflazione immobiliare, che sono circa un terzo dell’IPC totale, aumenteranno ulteriormente nel 2022, sulla base dei dati sugli alloggi che abbiamo visto nel 2021, che ora vengono lentamente ripresi dagli indici di inflazione. Hanno iniziato a crescere a metà del 2021 da livelli molto bassi e diventeranno sgargianti nel 2022.

Questa inflazione è alimentata da un massiccio stimolo monetario e fiscale, a livello globale, ma in particolare negli Stati Uniti, con quasi 5 trilioni di dollari stampati da marzo 2020 e oltre 5 trilioni di dollari di spesa pubblica da denaro preso in prestito.

Lo stimolo ha abbattuto la resistenza dei prezzi tra imprese e consumatori. Un numero sufficiente di aziende e consumatori è disposto a pagare anche i prezzi più folli, segno che una mentalità inflazionistica ha preso piede per la prima volta da decenni. Tutta questa stimolazione ha rotto la diga.

L’inflazione non diminuirà fino a quando le banche centrali non rimuoveranno il carburante tramite Qt per consentire l’aumento dei tassi di interesse a lungo termine e aumentando i tassi di interesse a breve termine attraverso aumenti dei tassi, e fino a quando queste azioni politiche non diventeranno abbastanza radicali da spegnere la mentalità inflazionistica e ri- stabilire la resistenza dei prezzi tra imprese e consumatori.

Le banche centrali di tutto il mondo interagiscono.

La Banca del Giappone ha concluso l’allentamento quantitativo nel maggio 2021: la stampante di denaro più longeva ha smesso di stampare denaro.

La Fed ha iniziato a ridurre il QE a novembre e ha raddoppiato il ritmo del QE a dicembre. Se non lo acceleri ulteriormente, il programma di allentamento quantitativo terminerà a marzo.

La Banca del Canada ha concluso l’allentamento quantitativo a ottobre. La Banca d’Inghilterra ha concluso l’allentamento quantitativo a dicembre. La Banca centrale europea ha annunciato che dimezzerà il suo massiccio programma di allentamento quantitativo entro marzo. Molte delle banche centrali più piccole che hanno adottato l’allentamento quantitativo lo hanno posto fine.

Le banche centrali dei mercati sviluppati hanno già alzato i tassi di interesse:

  • Bank of England: di 15 punti base, a dicembre, per decollare.
  • Banca nazionale polacca: tre rialzi, per un totale di 165 punti base, all’1,75%.
  • Banca nazionale ceca: cinque volte per un totale di 350 punti base, al 3,75%.
  • Norges Bank: per la seconda volta, con un totale di 50 punti base, allo 0,5%.
  • Banca nazionale ungherese: diversi piccoli aumenti per un totale di 180 punti base, al 2,4%.
  • Bank of Korea: due volte, per un totale di 50 punti base, all’1,0%.
  • Reserve Bank of New Zealand: due volte, per un totale di 50 punti base, allo 0,75%.
  • Banca centrale islandese: quattro volte, 125 punti base in totale, al 2,0%.
READ  Il diciassettenne CEO coreano ha fatturato circa 1 milione di dollari

Le banche centrali nei mercati in via di sviluppo sono state più audaci nell’aumentare i tassi di interesse per controllare l’inflazione e proteggere le loro valute; Un calo delle loro valute renderebbe molto difficile il finanziamento in dollari. Stanno cercando di stare un passo avanti alla Fed. tra loro:

  • Banca Centrale Russa: Sette volte, per un totale di 425 punti base, all’8,5%.
  • Banca del Brasile: mega aumenti multipli dei tassi di interesse, di 725 punti base da marzo, al 9,25%.
  • Banca della Repubblica (Colombia): Tre rialzi, con un totale di 125 punti base, al 3,0%.
  • Banca del Messico: cinque rialzi, per un totale di 150 punti base, al 5,5%.
  • Banca centrale del Cile: quattro aumenti, 350 punti base in totale, al 4,0%.
  • State Bank of Pakistan: tre rialzi, per un totale di 275 punti base, al 9,75%.
  • Banca centrale armena: sette rialzi, per un totale di 350 punti base, al 7,75%.
  • Central Reserve Bank of Peru: Cinque rialzi, per un totale di 225 punti base, al 2,5%.

Ci sono alcune eccezioni, in particolare la Turchia, che ha intrapreso uno sforzo a tutto campo per distruggere la sua valuta attraverso l’inflazione ed è riuscita a farlo abbassando i tassi di interesse. Nel corso del 2021 la lira è crollata di circa l’80% rispetto al dollaro, con un’inflazione che è salita oltre il 20%.

Ma negli Stati Uniti nella mia vita, non c’è mai stata una combinazione tossica di soppressione del tasso di interesse vicino allo 0%, con un’inflazione del 6,8%, poiché la Fed continua a stampare denaro per il momento.

Nel 2022, la Federal Reserve ha iniziato a eliminare questo fenomeno molto più velocemente di quanto previsto mesi prima.

I tassi di interesse a lungo termine non possono salire molto fino a quando la Fed non conclude il suo programma di allentamento quantitativo, progettato per sopprimere i tassi di interesse. Il quantitative easing dovrebbe concludersi a marzo.

Oltre a ciò, i tassi di interesse a lungo termine non possono aumentare pericolosamente fino a quando il bilancio della Federal Reserve non scenderà. Ciò si verifica quando la Federal Reserve consente la negoziazione dei titoli in circolazione senza riscattarli. Nell’ultimo incontro, Powell ha informato i mercati che la Fed sta ora discutendo di QT.

Ad ogni riunione della Federal Reserve, il processo ha accelerato. Negli ultimi incontri, le proposte della Fed sono passate da nessun aumento dei tassi nel 2022 a tre aumenti a dicembre. È passato dal non discutere la fine del QE all’accelerare la fine del QE. Si è passati da un QT inimmaginabile nel 2022, a quello già in discussione nel dicembre 2021. La Fed sta preparando i mercati a queste transizioni.

È probabile che questa tendenza ad accelerare il processo continui nel 2022.

L’ultima volta, l’intera procedura ha richiesto quattro anni: dall’inizio del taglio del quantitative easing all’inizio del 2014 al grande periodo QT e ai molteplici aumenti dei prezzi nel 2018.

READ  Futures Dow: il rally del mercato continua a crescere davanti al presidente della Fed Powell; Salesforce guida 4 driver di profitto nelle regioni acquirenti

Questa volta, l’intero processo dall’inizio del tapering (novembre 2021) al grande periodo QT e ai molteplici aumenti dei prezzi potrebbe richiedere un anno.

Un QT ampio consentirà ai tassi a lungo termine di salire, mantenendo così la curva dei rendimenti sufficientemente acuta quando la Fed aumenterà i tassi a breve termine.

Il motivo per cui la Fed si muoverà più velocemente nel 2022 è questa massiccia inflazione. Nel 2014 fino al 2016, il prezzo del petrolio è crollato da oltre $ 100 al barile per il WTI a meno di $ 30 al barile, riducendo l’inflazione e non ci sono state pressioni inflazionistiche. La Fed voleva solo normalizzare la sua politica monetaria. Ora l’inflazione sta imperversando e la Fed deve stringere. Tanto. Parte di questo inizierà nel 2022.

Cosa significa tassi di interesse più elevati per gli immobili?.

Di solito, nelle prime fasi dell’aumento dei tassi ipotecari, c’è un piccolo scatto d’acquisto poiché gli acquirenti di case vogliono stabilizzare i tassi ipotecari più bassi prima che salgano ulteriormente. Ma quando i tassi dei mutui raggiungono un certo livello magico, le vendite di case iniziano a svanire, poiché gli acquirenti non possono più permettersi i pagamenti a tassi e prezzi dei mutui molto alti. Qualcosa deve essere offerto alle vendite: riduzioni dei prezzi.

Questa situazione ha iniziato a emergere nel 2018, in particolare verso la fine dell’anno, quando i tassi dei mutui a tasso fisso a 30 anni si sono avvicinati al 5%. Da qualche parte oltre il 4% era quel tasso magico nel 2018 quando il mercato ha iniziato a inclinarsi. A quel tempo, anche le azioni hanno venduto bruscamente.

Ma nel 2018 non c’era inflazione significativa e la Federal Reserve potrebbe giustificare un ritiro. Ora, nel 2022, c’è un’inflazione furiosa. I legami vomitano.

Questa volta è molto diverso: i prezzi delle case sono aumentati drasticamente: quasi il 20% su base annua per gli Stati Uniti in generale, secondo l’indice Case Shiller, e un aumento del 30% su base annua in alcuni mercati.

Quindi il classico comportamento degli acquirenti che si lanciano nel mercato quando vedono tassi ipotecari più alti all’orizzonte potrebbe non verificarsi così spesso come in passato.

Quando i tassi dei mutui raggiungeranno quel livello magico, che potrebbe essere inferiore rispetto all’ultima volta a causa degli alti tassi odierni, il volume diminuirà. Perché si verifichino più vendite, i prezzi devono scendere. Questo avvia il ciclo.

I bassi tassi ipotecari portano all’inflazione dei prezzi delle case. Tassi ipotecari più alti fanno l’opposto: alla fine raffredderanno il mercato immobiliare. I periodi di deflazione nel mercato immobiliare sono lenti e possono richiedere molti anni. Quindi, nel 2022, potremmo assistere a timidi inizi in mercati selezionati.

Sono coinvolti anche altri mercati immobiliari. Ad esempio, all’inizio degli anni ’80, quando i tassi di interesse furono alzati per evitare l’inflazione, scoppiò la bolla dei terreni agricoli e il valore dei terreni agricoli scese di oltre il 50% in alcune aree del Midwest dal 1981 al 1985. Come garanzia per i prestiti da banche specializzate e quando hanno vacillato, quei prestiti hanno fatto crollare alcune di quelle banche.

Poi, nel 2004, la Fed ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse, portandoli infine dall’1% a oltre il 5% entro la metà del 2006. Fu allora che la bolla immobiliare si trasformò in un crollo immobiliare, i prezzi delle abitazioni crollarono e il calo dei valori collaterali ha innescato un Crisi Il mutuo, la banca è crollata e tutto è crollato.

READ  Borsa di oggi: il Dow è in rialzo mentre Moderna cade di nuovo

Non è sempre chiaro in anticipo cosa accadrà esattamente quando i tassi di interesse a lungo termine saranno abbastanza alti in un mercato sovraindebitato. Ma una cosa è chiara: alcune cose capovolgono.

L’ultima volta che abbiamo avuto quell’inflazione è stata 40-50 anni fa, ma all’epoca i tassi di interesse erano molto più alti.

Nel 1973, quando l’inflazione iniziò a salire, i tassi ipotecari si stavano spostando verso nord dell’8%. Nel 1979, hanno superato il 10%. All’inizio degli anni ’80, i tassi ipotecari a tasso fisso a 30 anni erano superiori al 15%.

Ma non possiamo davvero confrontare la situazione nel 2022 e oltre con la situazione di 50 anni fa perché la maggior parte delle volte dal 2008 abbiamo soppresso massicciamente i tassi di interesse, gonfiando massicciamente i prezzi degli immobili e gonfiando i prezzi delle attività in modo massiccio su tutta la linea. . Regna l’oppressione finanziaria, con tassi di interesse «reali» a breve termine fino ai titoli spazzatura negativi. Questo non è mai successo prima nella mia vita.

Per quanto riguarda il mercato immobiliare, ci sono scarsi parallelismi con il 2005: gli investitori sono molto interessati; Molti prestiti con acconti bassi, garantiti da FHA e altre agenzie governative, arrivano con acconti fino al 3%. Queste agenzie hanno anche garantito molti mutui emessi a mutuatari di mutui subprime.

Ma questa volta, il contribuente è principalmente nei guai per quei mutui, non per le banche, quando il mercato gira a sud. Quindi le crisi finanziarie del tipo che sono avvenute nel 2008 non sono ciò che vedo perché le banche hanno scaricato gran parte del rischio sul contribuente.

Quello che vedo è solo l’inizio di un calo dei prezzi delle attività, comprese le abitazioni, ma non il crollo del sistema bancario.

La Fed, ora che ha un bilancio così grande, ha uno strumento enorme nella sua cassetta degli attrezzi che non aveva 40 anni fa: migliaia di miliardi di dollari di obbligazioni che può mettere o vendere a titolo definitivo per aumenti a lungo termine degli interessi tassi senza dover aumentare i tassi di interesse a brevissimo termine. I tassi a lungo termine sono i più importanti e il QT è progettato per spingerli verso l’alto, proprio come il quantitative easing è progettato per spingerli verso il basso.

E proprio come il QE ha gonfiato i mercati dal 2008, con solo un moderato impulso all’economia reale, quando il QT colpirà i mercati e i prezzi delle attività, avrà un impatto relativamente moderato sull’economia reale. E questa economia è stata così sopravvalutata che far entrare un po’ d’aria calda sarebbe una buona cosa – ed è probabilmente quello che sta cercando la Fed. Se è abbastanza grande e dura abbastanza a lungo, potrebbe ridurre l’inflazione nei prossimi anni.

Ti piace leggere WOLF STREET e vuoi supportarlo? Usa gli ad blocker – capisco perfettamente il motivo – ma vorresti supportare il sito? Puoi donare. Lo apprezzo molto. Fai clic su un boccale di birra e tè freddo per imparare a farlo:

Vuoi essere avvisato via e-mail quando WOLF STREET pubblica un nuovo articolo? Registrati qui.

Sistemi di copertura in metallo classicoIl nostro sponsor realizza bellissimi pannelli metallici:

  • Varietà di finiture e colori a base di resina
  • Scanalature profonde per un look raffinato e naturale
  • Senza manutenzione: non arrugginisce, non si rompe o marcisce
  • Resiste allo spargimento e alle sbavature

raggiungere Copertura metallica classica Oh gente, clicca qui Oppure chiama il numero 1-800-543-8938