enero 21, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Quanto dura l’infezione da infezione da omicron COVID? Ecco cosa dicono gli esperti di salute – NBC Chicago

Con più bambini che soggiornano nelle classi di Chicago e casi di omicron che continuano ad aumentare in tutta la città, le persone si chiedono per quanto tempo saranno contagiose dopo aver contratto il COVID-19.

I Centers for Disease Control and Prevention hanno pubblicato nuove linee guida il mese scorso, modificando i tempi di isolamento e quarantena poiché alcuni esperti affermano che il periodo di tempo in cui le persone sono più contagiose è precedente.

«Ci vuole meno tempo rispetto a quando qualcuno è esposto a COVID a un’infezione. Ci vuole meno tempo per la comparsa dei sintomi, ci vuole meno tempo perché qualcuno diventi contagioso e, per molte persone, ci vuole meno tempo per riprendersi «, Sanità pubblica di Chicago Ha detto il commissario, la dott.ssa Alison Arwady, gran parte di ciò è dovuto al fatto che più persone vengono vaccinate.

Il Dipartimento della sanità pubblica dell’Illinois ha affermato che i cambiamenti rispetto al CDC derivano dal fatto che «la variante micron continua a diffondersi negli Stati Uniti e riflette la scienza attuale su quando e per quanto tempo una persona viene infettata».

Allora, qual è il periodo in cui una persona con il virus COVID è più contagiosa?

Ecco cosa sappiamo.

Quando le persone con COVID sono più contagiose?

Il CDC afferma che la sua guida è stata aggiornata per riflettere l’evidenza crescente che la trasmissione di COVID-19 si verifica spesso uno o due giorni prima della comparsa dei sintomi ed entro due o tre giorni dopo.

«Questo si riferisce ai dati dei Centers for Disease Control and Prevention che hanno mostrato davvero dopo sette giorni che non vi è alcun rischio effettivo di trasmissione a questo punto», ha detto Arwady. “E in quella finestra di cinque-sette giorni, sai, ce ne sono alcuni che dipendono dal fatto che le persone siano state vaccinate, dalle condizioni di base, ecc., ma il rischio scende molto e la sensazione è che nella popolazione generale , insieme all’occultamento, ecc., il rischio è davvero molto basso.»

Per quelli senza sintomi, le linee guida del CDC affermano che sono considerati contagiosi almeno due giorni prima che risultino positivi.

Qual è il momento migliore per testare dopo l’esposizione?

I Centers for Disease Control and Prevention affermano che chiunque sia stato esposto a qualcuno con COVID dovrebbe essere testato cinque giorni dopo l’esposizione o non appena compaiono i sintomi.

READ  Gli astronomi potrebbero aver scoperto per la prima volta un pianeta in un'altra galassia

La guida afferma che «se si sviluppano sintomi, le persone dovrebbero immediatamente mettere in quarantena fino a quando un test negativo non conferma che i sintomi non sono attribuibili a COVID-19».

Il dottor Ngozi Ezeki, direttore del Dipartimento di sanità pubblica dell’Illinois, ha affermato che i tempi di incubazione possono cambiare, ma coloro che effettuano i test in anticipo dovrebbero continuare a testare anche se ottengono risultati negativi.

«Forse apprendiamo che il tempo di incubazione potrebbe essere un po’ più breve», ha detto Izeki. «Quindi forse farai il test tra un paio di giorni». «Ovviamente se hai sintomi ti fai subito il test. Ma sai, se vuoi fare il test tra due giorni, ma quel test è negativo… due giorni non dovrebbero farti pensare, ‘Va bene, sono chiaro «, lo sai? Potresti voler testare di nuovo e, naturalmente, i sintomi che non puoi ignorare – prurito alla gola, mal di testa, tutti i tipi di sintomi – qualsiasi cosa nuova potrebbe essere un sintomo di questa nuova malattia».

Quanto velocemente compaiono i sintomi?

Secondo le precedenti linee guida del CDC, i sintomi COVID possono comparire da due a 14 giorni dopo che qualcuno è stato esposto al virus.

Chiunque mostri sintomi dovrebbe essere testato per COVID-19.

Per quanto tempo dovresti isolare o isolare?

Per prima cosa, chi crede di essere stato in contatto con qualcuno che ha il COVID e non è immune dovrebbe mettersi in quarantena. Coloro che risultano positivi, indipendentemente dallo stato di vaccinazione, dovrebbero essere isolati, secondo Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Ecco la differenza tra i due:

quarantena agricola

Coloro che sono stati entro un metro e ottanta da una persona con COVID per un totale cumulativo di almeno 15 minuti in un periodo di 24 ore devono mettersi in quarantena per cinque giorni se non sono stati vaccinati o se sono usciti da un secondo dose di vaccino per più di sei mesi, secondo la guida aggiornata del CDC pubblicata lunedì.

Una volta trascorso questo periodo, devono impegnarsi in un uso rigoroso della maschera per altri cinque giorni.

In precedenza, il CDC ha affermato che le persone che non sono state completamente vaccinate e che sono state in stretto contatto con una persona infetta dovrebbero rimanere a casa per almeno 10 giorni.

READ  Potrebbe esserci un vasto "tunnel magnetico" che circonda la Terra e il nostro intero sistema solare

Prima di lunedì, le persone completamente vaccinate – definite dai Centers for Disease Control and Prevention come aver assunto due dosi del vaccino Pfizer o Moderna, o una singola dose del vaccino Johnson & Johnson – possono essere esentate dalla quarantena.

Coloro che hanno ricevuto la vaccinazione completa e i richiami non devono essere messi in quarantena se sono stati a stretto contatto con qualcuno con COVID, ma devono indossare una maschera per almeno 10 giorni dopo l’esposizione. Lo stesso vale per coloro che sono stati completamente vaccinati e che non hanno ancora diritto al vaccino di richiamo.

Le autorità sanitarie locali possono anche prendere la decisione finale sulla durata della quarantena e i test possono svolgere un ruolo.

Il Dipartimento della Salute dell’Illinois ha dichiarato che adotterà le linee guida riviste dei Centers for Disease Control and Prevention per l’isolamento e la quarantena del coronavirus.

A Chicago, coloro che viaggiano da o verso determinate parti del paese che non sono state vaccinate devono mettersi in quarantena all’arrivo in città, ma il tempo necessario per farlo dipende dal fatto che saranno sottoposti o meno al test per COVID.

La città non ha ancora detto se le nuove linee guida del CDC cambieranno l’avviso di viaggio dell’avviso.

Da martedì, la città Avviso di viaggio Raccomanda a coloro che viaggiano da paesi di avviso designati:

  • Fai il test con un test virale dopo 3-5 giorni di viaggio, resta a casa e mettiti in quarantena per ben 7 giorni.
  • Anche se risulterai negativo, resta a casa e autoisolati per tutti i 7 giorni.
    • Se risulterai positivo, isolati per proteggere gli altri dalle infezioni.
  • Se non ti sottoponi al test, resta a casa e autoisolati per 10 giorni dopo il viaggio.

isolamento

Le persone che risultano positive al COVID dovrebbero rimanere a casa per cinque giorni, ha affermato lunedì il CDC, cambiando la guida rispetto ai 10 giorni precedentemente raccomandati.

Alla fine del periodo, se non hai sintomi, puoi tornare alle normali attività ma devi indossare la mascherina ovunque – anche in casa vicino ad altri – per almeno altri cinque giorni.

Se i sintomi persistono dopo cinque giorni di isolamento, resta a casa finché non ti senti meglio e poi inizia a indossare una mascherina per cinque giorni in ogni momento.

Come si calcola il periodo di isolamento?

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, «il giorno 0 è il primo giorno in cui si manifestano i sintomi». Ciò significa che il primo giorno è il primo giorno intero dopo la comparsa dei sintomi.

READ  I sali organici potrebbero essere su Marte. Questo è ciò che significa

Per coloro che sono risultati positivi al COVID ma non hanno sintomi, il Day 0 è il giorno di un test positivo. Coloro che sviluppano sintomi dopo un risultato positivo dovrebbero ricominciare i loro calcoli, tuttavia, diventa il giorno 0 e quindi il primo giorno di insorgenza dei sintomi.

Quando dovresti chiamare il dottore?

Il CDC esorta coloro che hanno o potrebbero avere COVID-19 a prestare attenzione ai segnali di allarme di emergenza e a cercare immediatamente assistenza medica se manifestano sintomi tra cui:

  • difficoltà respiratorie
  • Dolore o pressione costante al petto
  • nuova confusione
  • Incapacità di svegliarsi o rimanere svegli
  • Il colore della pelle, delle labbra o del letto ungueale è pallido, grigio o blu, a seconda del tono della pelle

«Questo elenco non contiene tutti i possibili sintomi», afferma il CDC. «Si prega di contattare il proprio medico per qualsiasi altro sintomo grave o preoccupante.»

Puoi anche avvisare l’operatore che ritieni che tu o qualcuno a cui tieni abbia il virus COVID.

Cosa succede se risulto positivo con un test a casa?

Coloro che risultano positivi utilizzando un test domiciliare sono tenuti a seguire le ultime linee guida CDC e segnalare i risultati al proprio medico, che è responsabile della segnalazione dei risultati del test al dipartimento sanitario statale.

Secondo i dipartimenti sanitari dell’area di Chicago, le persone dovrebbero presumere che i risultati dei test siano accurati e dovrebbero essere isolati dagli altri per ridurre il rischio di diffusione del virus.

«Se risulta positivo al COVID-19, dovrebbe essere messo in quarantena», ha detto Arwady. «Non è necessario ripetere un test positivo a casa in un ambiente medico. Non vogliamo che le persone vadano al pronto soccorso solo per fare il test. Tratta il positivo come positivo, resta a casa e isola per cinque giorni».

Quando puoi stare con altre persone dopo aver contratto il COVID?

Se hai sintomi, il CDC dice che puoi stare con gli altri dopo essere stato isolato per cinque giorni e smettere di mostrare i sintomi. Tuttavia, dovresti continuare a indossare le maschere per cinque giorni dopo la scomparsa dei sintomi per ridurre i rischi per gli altri.