octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Pugilato: Rafael Bergamasco, il regista ad alte prestazioni femminile “teso” torna a casa | notizie di boxe

NUOVA DELHI: Il regista indiano ad alte prestazioni Rafael Bergamasco ha deciso di tornare a casa sua in Italia dopo aver trascorso quasi un mese qui ad “aspettare” che la Federazione nazionale rispondesse alle sue domande sul fatto che sarebbe stato “trattenuto”.
Il contratto di Bergamasco scade ufficialmente mercoledì e il cinquantenne, che si è unito al 2017, ha detto a PTI di essere esausto e stressato dopo aver ricevuto alcuna risposta dalla Indian Boxing Federation (BFI).
“Ora vado a casa – ha detto – Aspetterò che la Fifa mi risponda nelle prossime due settimane sulle mie condizioni prima che inizi il campionato nazionale femminile a metà ottobre. Sono molto nervoso e in una brutta situazione”.
Ha aggiunto: “Se mi chiamano, torno il 15 ottobre davanti ai cittadini e se non lo fanno, deciderò cosa fare dopo. Invierò un’e-mail come ho fatto”.
“Non ho alcuna amarezza, voglio solo alcune connessioni.”
Il BFI ha chiesto un’estensione di tre mesi per Bergamasco e la sua controparte della squadra maschile Santiago Neiva. Tuttavia, l’italiano non è entusiasta di un rinnovo a breve termine del suo contratto.
BFI ha affermato che una decisione su un’ulteriore estensione sarà presa in base alle prestazioni ai prossimi campionati mondiali maschili (a ottobre) e femminili (a dicembre).
Giovedì lascerà il Bergamasco per la sua base ad Assisi. Ha detto che solo l’Autorità sportiva indiana (SAI) lo aveva contattato dopo che aveva inviato diverse e-mail in cerca di chiarimenti sulla sua situazione.
“Il SAI è tornato da me e mi ha detto che stanno aspettando che BFI effettui una chiamata e non possono dire altro oltre a questo. Sono stato nella mia stanza all’Indira Gandhi Stadium per il mese scorso e penso di aver bisogno di ritorno dalla mia famiglia».
I pugili saranno raggruppati in un campo completo dopo il campionato nazionale.
Una fonte della federazione ha detto a PTI che il BFI riferirà alla SAI sulla sua revisione delle Olimpiadi di Tokyo entro il 30 settembre e che una decisione su tutte le questioni sarà presa solo dopo.
“Una volta che questo rapporto sarà inviato all’Ufficio di revisione, saremo in grado di comunicare”, ha detto la fonte.
Sia Bergamasco che Neiva hanno espresso la volontà di continuare nonostante l’attuale incertezza.
L’India ha avuto la più grande squadra di boxe di sempre – cinque uomini e quattro donne – in competizione ai Giochi Olimpici di luglio e agosto. Ma solo Lovlina Borgohin (69 kg) è riuscita a salire sul podio con una medaglia di bronzo.
È stata la prima medaglia di boxe indiana ai Giochi in nove anni, ma ci si aspettava di più dato il livello più alto mostrato dai pugili prima del torneo.
Nessuno dei pugili maschi è arrivato alle medaglie con Satish Kumar (+91kg) che è stato l’unico ad accedere ai quarti di finale a Tokyo, ricevendo elogi per aver combattuto nelle ultime otto partite con 13 punti di sutura in faccia.
La fonte ha affermato che la Federazione Internazionale delle Industrie Alimentari, finora, mantiene la posizione, presa dopo le Olimpiadi, offrendo una proroga di tre mesi a Neiva e Bergamasco per garantire la continuità dei due grandi eventi, in cui il campione nazionale rappresenterà il paese.
I loro contratti dovevano originariamente scadere dopo le Olimpiadi di Tokyo.
Il presidente della International Manufacturing Federation Ajay Singh ha sostenuto i pugili e lo staff tecnico di Tokyo, dicendo che non ignorerà i risultati senza precedenti degli ultimi quattro anni che includevano un primo campionato mondiale maschile e due medaglie che non aveva mai visto prima. Nei Giochi Asiatici e nei Giochi del Commonwealth.
E fonti della federazione hanno recentemente lasciato intendere che potrebbe esserci una riforma complessiva dello staff tecnico sia per gli uomini che per le donne a causa dell'”insoddisfazione” per l’andamento delle Olimpiadi di Tokyo.