octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Prossima crisi energetica globale. Non c’è una soluzione veloce

La crisi energetica globale causata dal clima e dal ritorno della domanda sta peggiorando, il che desta preoccupazione in vista dell’inverno, quando è necessaria più energia per illuminare e riscaldare le case. I governi di tutto il mondo stanno cercando di limitare l’impatto sui consumatori, ma riconoscono che potrebbero non essere in grado di prevenire bollette più elevate.

A complicare il quadro è la crescente pressione sui governi per accelerare la transizione verso un’energia più pulita mentre i leader mondiali si preparano per un vertice cruciale sul clima a novembre.

“Questo shock dei prezzi è una crisi inaspettata in un momento critico”, ha detto mercoledì il funzionario dell’Unione europea per l’energia, Kadri Simson, sottolineando che il blocco determinerà la sua risposta politica a lungo termine la prossima settimana. “La priorità immediata deve essere quella di mitigare gli impatti sociali e proteggere le famiglie vulnerabili”.

In Europa, il gas naturale viene ora scambiato a 230 dollari al barile, in termini di petrolio, in aumento di oltre il 130% dall’inizio di settembre e più di otto volte lo stesso punto di un anno fa, secondo i dati di Independent Commodity Intelligence Services.

In Asia orientale, il costo del gas naturale è aumentato dell’85% dall’inizio di settembre, a quasi 204 dollari al barile in termini di petrolio. I prezzi sono ancora molto più bassi negli Stati Uniti, l’esportatore netto di gas naturale, ma sono comunque balzati ai livelli più alti degli ultimi 13 anni.

“Molto è alimentato dalla paura di come sarà l’inverno”, ha affermato Nikos Tsavos, esperto di energia e geopolitica presso il Center for Strategic and International Studies, un think tank con sede a Washington. Ritiene che l’ansia abbia causato il distacco del mercato dai fondamentali della domanda e dell’offerta.

La frenesia di assicurarsi il gas naturale sta anche facendo salire i prezzi del carbone e del petrolio, che in alcuni casi possono essere usati come alternative, ma sono peggiori per il clima. L’India, che rimane fortemente dipendente dal carbone, ha dichiarato questa settimana che fino a 63 delle sue 135 centrali a carbone erano in funzione. due giorni o meno di forniture.

Le condizioni stanno causando preoccupazione per le banche centrali e gli investitori. L’aumento dei prezzi dell’energia sta contribuendo all’inflazione, che è già stata una delle principali preoccupazioni poiché l’economia globale cerca di compensare gli effetti residui del Covid-19. Le dinamiche durante l’inverno possono peggiorare le cose.

READ  Rivian rivela una perdita di $ 1 miliardo nel primo deposito di IPO

Non c’è una soluzione facile

Le radici della crisi risiedono nella crescente domanda di energia man mano che la ripresa economica dalla pandemia prende piede e in un sistema attentamente calibrato che potrebbe essere facilmente interrotto da eventi meteorologici o problemi meccanici.

Un inverno insolitamente lungo e freddo all’inizio di quest’anno ha esaurito le scorte di gas naturale in Europa. L’elevata richiesta di energia ha ostacolato il processo di ripopolamento, che di solito avviene durante la primavera e l’estate.

La crisi del gas in Europa è anche una crisi delle rinnovabili, ma ci sono soluzioni già pronte

Il crescente appetito della Cina per il GNL significa che i mercati del GNL non possono colmare il divario. Il calo delle esportazioni di gas russo e i venti insolitamente calmi hanno esacerbato il problema.

“L’attuale aumento dei prezzi dell’energia in Europa è davvero unico”, hanno detto ai clienti questa settimana gli analisti energetici di Societe Generale. “Mai prima d’ora i prezzi dell’elettricità sono aumentati così velocemente. Mancano solo pochi giorni all’autunno e le temperature sono ancora miti”.

Le dinamiche risuonano a livello globale. Negli Stati Uniti i prezzi del gas naturale sono aumentati del 47% dall’inizio di agosto. La corsa al carbone ha anche aumentato i prezzi che molte aziende europee devono pagare per i crediti di carbonio per poter bruciare combustibili fossili.

Inoltre, la crisi energetica sostiene i prezzi del petrolio, che questa settimana negli Stati Uniti hanno raggiunto i livelli più alti degli ultimi sette anni. Bank of America ha recentemente previsto che un inverno freddo potrebbe spingere il prezzo del greggio Brent, il benchmark globale, sopra i 100 dollari al barile. I prezzi non erano così alti dal 2014.

Non c’è nessun sollievo immediato in vista, ha affermato Jim Burkhard, che guida la ricerca di IHS Markit su petrolio greggio, energia e mobilità.

READ  Sempre più proprietari di case stanno diventando proprietari di annessi

“Non c’è gas saudita”, ha detto, riferendosi a un unico fornitore che potrebbe aumentare rapidamente la produzione di gas naturale. “Sembra che questo continuerà nell’inverno dell’emisfero settentrionale”.

La Russia potrebbe in teoria salire. Société Générale ha osservato che un’approvazione più rapida da parte delle autorità tedesche del gasdotto politicamente sensibile Nord Stream 2, che trasporterà il gas direttamente dalla Russia all’Europa, allevierebbe una pressione significativa.

Mercoledì, il presidente russo Vladimir Putin ha suggerito alla Russia di aumentare la sua produzione, affermando che il gigante del gas statale Gazprom “non ha mai rifiutato di aumentare le forniture ai suoi consumatori se presentano offerte adeguate”.

Ma Neil Chapman, vicepresidente senior di ExxonMobil (XOM), ha sottolineato le restrizioni a breve termine alla conferenza di settore di questa settimana.

“Naturalmente c’è molta preoccupazione”, ha detto Chapman al Virtual Energy Intelligence Forum. “Nel nostro settore, poiché è ad alta intensità di capitale, non puoi semplicemente gestire lo spettacolo”.

crisi dei costi

Lo scenario migliore, secondo Burchard, è che gli inverni con temperature medie consentano un aumento della pressione nel secondo trimestre del 2022.

Ma il maltempo nei prossimi mesi creerebbe un’enorme pressione, in particolare nei paesi che dipendono fortemente dal gas naturale per la produzione di energia, come l’Italia e il Regno Unito. La Gran Bretagna è in una posizione particolarmente difficile in quanto manca di capacità di stoccaggio e sta affrontando le ricadute di una linea elettrica rotta con la Francia.

Serbatoi di stoccaggio di gas naturale liquefatto (GNL) visti nel sud-est dell'Inghilterra.

“Il Regno Unito è probabilmente più a rischio rispetto alle principali economie europee per le carenze di approvvigionamento invernale”, ha dichiarato questa settimana in una nota ai clienti Henning Gloesten, direttore del team Energy, Climate and Resources di Eurasia Consulting Group. “Se ciò accade, è probabile che il governo richieda alle fabbriche di ridurre la produzione e il consumo di gas per garantire l’approvvigionamento delle famiglie”.

READ  Tesla Model S Plaid batte tutti i record nel primo test indipendente, ma 0-60 mph ha un avvertimento

L’enorme balzo dei costi energetici, che non mostra segni di cedimento, sta alimentando i timori di inflazione, che hanno già costretto i politici a riflettere attentamente sui loro prossimi passi.

I prezzi dell’energia nei paesi sviluppati sono aumentati del 18% ad agosto, il ritmo più veloce dal 2008, secondo i dati diffusi martedì dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. E questo prima che la situazione peggiorasse drammaticamente nelle ultime settimane.

Bollette energetiche più elevate possono ostacolare la spesa dei consumatori in abbigliamento o attività come mangiare fuori, danneggiando il ritorno dalla pandemia. Se alle aziende viene chiesto di ridimensionare per risparmiare energia, potrebbe anche danneggiare l’economia.

“Si teme che l’aumento dei prezzi del gas possa mettere a repentaglio la ripresa economica post-pandemia dell’Europa”, ha affermato Glousten.

C’è anche la preoccupazione che la volatilità dei prezzi possa alimentare lo scetticismo pubblico sul finanziamento della transizione energetica, secondo Gloestin, se i consumatori richiedono maggiori investimenti in petrolio e gas per ridurre la volatilità futura.

I governi che si sono impegnati a ridurre in modo proattivo le emissioni stanno cercando di inviare un messaggio fermo: questo supporta, non indebolisce, le ragioni per investire in un più ampio mix di fonti energetiche.

“È molto chiaro che con l’energia a lungo termine è importante investire nelle rinnovabili”, ha detto mercoledì il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Questo ci dà prezzi stabili e maggiore indipendenza perché il 90% del gas viene importato nell’Unione europea”.

James Frater, Laura He, Katharina Krebs e Dixha Maddock hanno contribuito alla segnalazione.