octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Prezzi dei test rapidi Covid: in che modo la legge consente ai laboratori di addebitare qualsiasi prezzo?

In farmacia, un test Covid rapido di solito costa meno di 20 dollari.

In tutto il paese, più di una dozzina di siti di test di proprietà della start-up GS Labs fatturano regolarmente $ 380.

C’è una ragione per cui possono. Quando il Congresso ha cercato di garantire che gli americani non avrebbero dovuto pagare per un test del coronavirus, ha richiesto alle compagnie assicurative di pagare ad alcuni laboratori qualsiasi “prezzo in contanti” elencato online per i test, senza restrizioni su quello che potrebbe essere.

I prezzi elevati e la crescente presenza di GS Labs – ha condotto mezzo milione di test rapidi dall’inizio della pandemia, e ancora ne esegue migliaia al giorno – mostrano come la riluttanza di lunga data del governo a svolgere un ruolo nei prezzi dell’assistenza sanitaria abbia ostacolato la sua tentativo di tutelare i consumatori. Di conseguenza, gli americani potrebbero finire per pagare parte del costo dei costosi test del coronavirus sotto forma di premi assicurativi più elevati.

Diversi assicuratori sanitari si sono rifiutati di pagare le tasse di GS Labs e alcuni hanno affermato che il laboratorio ha manipolato i prezzi durante la crisi della salute pubblica. Il piano Blue Cross del Missouri ha causa GS Labs sui suoi prezzi e sta cercando una sentenza che annullerebbe i $ 10,9 milioni di crediti in sospeso.

In tribunale il mese scorso, l’assicuratore ha affermato che le tasse erano “profitto del disastro”, violando l’ordine pubblico.

GS Labs, con sede a Omaha, sottolinea l’esatto contrario: che ha una propria politica pubblica, osservando che legge CARE Approvato nel 2020. “Gli assicuratori sono obbligati a pagare il tasso in contanti, a meno che non raggiungiamo un tasso negoziato”, ha affermato Christopher Erickson, partner di GS Labs.

L’obbligo per le compagnie di assicurazione di pagare il prezzo in contanti si applica solo ai laboratori fuori rete, cioè quelli che non hanno negoziato il prezzo con la compagnia di assicurazione. Ci sono segnali che altri laboratori potrebbero comportarsi come GS Labs: studio Pubblicato quest’estate da American Health Insurance Plans, l’associazione di categoria che rappresenta gli assicuratori, ha rilevato che la quota di test del coronavirus condotti presso strutture off-grid è salita al 27% dal 21% tra aprile 2020 e marzo 2021.

Ha scoperto che il prezzo medio per un test del coronavirus in una struttura in rete era di $ 130, una cifra che include sia i test rapidi che i test PCR più utilizzati e più costosi. Circa la metà dei provider fuori rete addebita almeno $ 50 in più.

Prezzo in contanti $ 380 Propagazione Sul sito web di GS Labs. Nei documenti legali, ha affermato di aver pagato “circa $ 20” per il test espresso stesso. Il signor Erickson afferma che il prezzo elevato riflette il “servizio eccellente” che forniscono ai pazienti, oltre a 37 milioni di dollari in costi di avviamento associati alla costruzione della rete di laboratori in meno di un anno.

READ  Questa impresa di pompe funebri dice di non vaccinarsi, ed è per questo che

“Puoi prenotare 15 minuti con noi ogni giorno e ottenere i risultati in 15-20 minuti”, ha detto Erickson, notando la scarsità di test in molte farmacie. “Abbiamo una hotline infermieristica dove puoi interpretare i tuoi risultati. Le nostre tariffe sono tra le più costose del paese perché abbiamo il miglior servizio del paese. “

Gli esperti di politica sanitaria che hanno esaminato i prezzi di GS Labs hanno affermato che anche con l’investimento dell’azienda nel suo servizio, era difficile capire perché i loro test costassero otto volte i 41 dollari di Medicare.

“Questo non è lo stesso della neurochirurgia in cui potresti voler pagare un premio per qualcuno con anni di esperienza”, ha detto Sabrina Corlett, professore di ricerca presso la Georgetown University che ha studiato i prezzi dei test del coronavirus.

Sebbene ritenesse che il suo prezzo fosse eccezionalmente alto, la signora Corlett e altri esperti hanno affermato che GS Labs aveva forti ragioni legali per continuare ad addebitarlo a causa del modo in cui il Congresso ha scritto il CARES Act. “Qualunque sia il prezzo che il laboratorio mette sul suo sito web pubblico, questo è quello che deve essere pagato”, ha detto. “Non ci leggo molto spazio di manovra.”

GS Labs è di proprietà di City + Ventures, una società immobiliare e di investimento. Ha iniziato il suo primo sito di test lo scorso ottobre e, al suo apice, ha gestito 30 siti in tutto il paese.

Quando ho iniziato ad aumentare i test l’anno scorso, ho chiesto di diventare un fornitore in rete, offrendo quelli che ho descritto come “sconti enormi” in cambio di pagamenti affidabili e veloci. La società ha rifiutato di specificare l’importo esatto dello sconto, ma ha affermato che gli assicuratori hanno generalmente rifiutato le sue offerte.

GS Labs ha affermato di ritenere che gli assicuratori siano ostili alle sue nuove operazioni. Alcuni hanno inviato documenti esplicativi sui benefici ai loro membri, affermando che la richiesta è stata negata e che il paziente potrebbe dover pagare l’intero importo.

GS Labs afferma di non perseguire le accuse direttamente dai pazienti, il che violerebbe la legge federale, e afferma che questi invii erano una tattica per deviare clienti contro la sua attività.

“Stanno cercando di dipingerci male quando non rispettano la legge federale”, ha detto Kirk Thompson, un altro partner di GS Labs. “Le compagnie di assicurazione hanno deciso di ignorare i loro obblighi o di giustificare il mancato rispetto della legge CARES”.

READ  I futures su azioni salgono mentre gli investitori attendono il rapporto chiave sull'inflazione

Le compagnie di assicurazione descrivono le interazioni in modo diverso. Dicono che stanno facendo tutto il possibile, entro i limiti della legge federale, per proteggere i pazienti da commissioni elevate inutili che alla fine porteranno a premi più elevati.

L’UPMC Health Plan di Pittsburgh è venuto a conoscenza dei GS Laboratories quando ha visto uno schema insolito nelle loro affermazioni: la stragrande maggioranza includeva un test rapido dell’antigene insieme a un test degli anticorpi Covid. Di tutte le richieste che il piano sanitario ha ricevuto da qualsiasi laboratorio con questa combinazione di codici di fatturazione, ha affermato che il 91% proveniva da GS Labs.

“Non c’è una buona ragione per ordinare entrambi i test nello stesso giorno”, ha affermato Stephen Perkins, direttore medico del piano sanitario. “Servono scopi molto diversi e non sarebbero richiesti sistematicamente a causa di una sospetta esposizione al Covid”.

Il piano sanitario ha preso questo come prova che GS Labs stava applicando il CARES Act: le compagnie assicurative sono tenute a coprire completamente i test antigenici e anticorpali. “La legge CARES disciplina ciò che possiamo e non possiamo fare e non possiamo rifiutarci di pagare doppie fatture”, ha affermato.

GS Labs afferma che offre ai pazienti un “elenco di test” e che il paziente sceglie quali ottenere.

Tuttavia, UPMC Health Plan ha deciso di sfidare i prezzi di GS Labs in altri modi. A un certo punto, il personale legale del piano ha notato che il laboratorio ha annunciato un coupon del 70% disponibile per incassare i pazienti, il che avrebbe portato il prezzo a 114 dollari. Da allora il coupon è stato rimosso dal sito web di GS Labs.

“GS Labs ci ha detto che pensiamo che sia il loro prezzo in contanti, ed è quello che stiamo pagando loro ora”, ha detto Cheryl Kachoba, chief legal officer del piano.

Evan White, consigliere generale di City + Ventures, ha affermato che la sua azienda sta ancora valutando “i prossimi passi” con il piano sanitario. Ha detto: “Non siamo in alcun modo soddisfatti di ciò che si sono imposti come tariffa per loro”.

Ciò che conta effettivamente come un prezzo in contanti di GS Labs – e se le compagnie assicurative alla fine devono pagarlo – può essere risolto al Congresso o nei tribunali.

A luglio, Blue Cross Blue Shield Kansas City ha sostenuto in una causa contro GS Labs che il prezzo scontato a volte offerto ai pazienti che coprono il test da soli – la commissione di $ 114 scoperta anche da UPMC Health Plan – è il prezzo effettivo in contanti dell’azienda.

Il piano sanitario ha dichiarato nella sua memoria legale: “GS Labs ha implementato intenzionalmente e intenzionalmente uno schema o uno stratagemma per frodare gli assicuratori sanitari e i piani pubblicando un tasso di cassa falso”, e quindi richiedendo ai piani sanitari di gruppo e alle compagnie assicurative di pagare gli stessi tassi di cassa falsi. . “

READ  Le azioni asiatiche scendono mentre l'inversione di tendenza della Fed torna indietro; fascia di entrate del tesoro

GS Labs ha risposto che solo perché offriva sconti ad alcuni pazienti, ciò non significa che le compagnie assicurative “hanno il diritto di pagare solo una piccola parte del tasso di cassa dichiarato”. Si è opposta al piano Blue Cross, sostenendo che il piano avrebbe dovuto pagare quasi $ 10 milioni per 34.621 crediti insoluti.

Il Congresso, che ha proceduto rapidamente nel mezzo di una crisi sanitaria nel 2020 e ha stabilito politiche di facile attuazione, non ha utilizzato la formula adottata di recente. Per approvare una legislazione contro la fatturazione improvvisaIncaricare compagnie assicurative e fornitori di servizi medici di regolare le differenze di prezzo tramite un arbitro esterno.

La senatrice Tina Smith, democratica del Minnesota, ha proposto un disegno di legge a luglio che limiterebbe il rimborso per i test del coronavirus al doppio del tasso di rimborso Medicare. Per i test rapidi, questo sarà di circa $ 80.

Nell’introdurre la sua legislazione, il senatore Smith ha citato Il Times riporta su test costosi come prova del motivo per cui è necessario un tale cambiamento.

“Se questi laboratori trarranno vantaggio da questa situazione e addebiteranno qualunque cosa il mercato sopporterà, ciò ci spingerà a porre fine al prezzo in contanti per fermare l’aumento dei prezzi che danneggia i consumatori”, ha detto in un’intervista.

Non è chiaro se questa legislazione possa diventare parte del pacchetto di riconciliazione che il Congresso sta discutendo. Potrebbe esserci riluttanza ad agire: i legislatori stanno affrontando proposte di assistenza sanitaria più grandi e potrebbero aspettarsi di risolvere da soli il problema della tassa di test quando la pandemia sarà finita.

“Tutti continuano a pensare che abbiamo quasi finito, e questa disposizione del CARES Act dura solo fino all’emergenza sanitaria pubblica”, ha affermato Lauren Adler, direttore associato della USC-Brookings Schaeffer Initiative for Health Policy.

GS Labs prevede di continuare ad espandersi, poiché la domanda di test rapidi rimane forte. Non vede il piano dell’amministrazione Biden di condurre test domestici rapidi e diffusi come un ostacolo alla sua crescita. Ora gestisce 16 siti di test e ha in programma di aprirne presto altri due. Una volta aperto, il suo prezzo in contanti rimarrà lo stesso.

“Siamo persone molto ragionevoli, ma il nostro tasso di cassa è un tasso reale di cassa per qualsiasi compagnia assicurativa che non vuole negoziare”, ha affermato Thompson di GS Labs.