octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

“Più grande del normale”: il buco nell’ozono di quest’anno è più grande dell’Antartide | Strato di ozono

Gli scienziati responsabili del monitoraggio del buco nello strato di ozono, che si sviluppa ogni anno, affermano che è “più grande del solito” ed è attualmente più grande dell’Antartide.

Il buco di quest’anno sta crescendo rapidamente ed è più del 75% dei buchi dell’ozono a questo punto della stagione dal 1979, affermano i ricercatori del Copernicus Atmospheric Monitoring Service.

L’ozono si trova da sette a 25 miglia (11-40 km) sopra la superficie terrestre, nella stratosfera, e agisce come uno schermo solare per il pianeta, proteggendolo dai raggi ultravioletti. Ogni anno, durante la fine dell’inverno nell’emisfero australe si forma un buco quando il sole provoca reazioni che riducono l’ozono, che coinvolgono forme chimicamente attive di cloro e bromo derivate da composti artificiali. Copernico ha dichiarato in una dichiarazione che il buco di quest’anno “si è sviluppato in un buco più grande del solito”.

Vincent Henri Beuch, direttore del servizio, ha dichiarato al Guardian: “Non possiamo davvero dire a questo punto come si svilupperà il buco dell’ozono. Tuttavia, il buco di quest’anno è notevolmente simile al buco del 2020, che è stato tra i più profondi e il più lungo – è chiuso intorno a Natale – nei nostri dischi dal 1979.

“Il buco dell’ozono del 2021 è ora tra i più grandi del 25% sui nostri record dal 1979, ma il processo è ancora in corso. Continueremo a monitorarne lo sviluppo nelle prossime settimane. Un buco dell’ozono grande o piccolo in un anno non significa necessariamente che il processo di recupero complessivo non sta andando come previsto. , ma potrebbe indicare che occorre prestare particolare attenzione e la ricerca potrebbe essere diretta allo studio delle ragioni alla base di un particolare buco nell’ozono che si è verificato”.

READ  L'Oklahoma ha segnalato più di 3.800 nuovi casi di COVID-19 e altri 140 decessi da venerdì

Gli scienziati accettano che l’esaurimento dello strato di ozono sia causato da gas prodotti dall’uomo chiamati CFC, che sono stati sviluppati per la prima volta negli anni ’30 per l’uso nei sistemi di refrigerazione e poi utilizzati come propellenti nelle bombolette spray. Le sostanze chimiche sono così stabili che possono viaggiare dalla superficie terrestre alla stratosfera. Ma poi, all’altitudine in cui è presente l’ozono stratosferico, viene scomposto da radiazioni ultraviolette ad alta energia. Le successive reazioni chimiche distruggono l’ozono. I CFC sono stati banditi in 197 paesi in tutto il mondo.

Dopo la messa al bando dei cosiddetti halocarbon, lo strato di ozono ha mostrato segni di ripresa, ma è un processo lento e ci vorrà fino al 2060 o 70 del secolo scorso per eliminare completamente le sostanze impoverite. Negli ultimi anni, in condizioni atmosferiche normali, il buco dell’ozono è cresciuto fino a un massimo di 20 milioni di chilometri quadrati (8 milioni di miglia quadrate).

Il Buco dell’ozono artico 2020 Era anche molto grande e profondo, raggiungendo un picco di circa tre volte la dimensione degli Stati Uniti continentali.

Il buco dell’ozono antartico raggiunge solitamente il suo picco tra metà settembre e metà ottobre. Quando le temperature stratosferiche iniziano a salire nella tarda primavera nell’emisfero australe, l’esaurimento dell’ozono rallenta, il vortice polare si indebolisce e infine collassa e, a dicembre, i livelli di ozono tornano alla normalità.