enero 28, 2023

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Più di 70 episodi del podcast di Joe Rogan non sono più su Spotify

I fan dei podcast Rogan hanno meno episodi da ascoltare ora su Spotify.

Getty Images

Spotify ha rimosso silenziosamente circa 70 episodi del podcast di Joe Rogan dopo aver espresso sostegno al comico, che ha suscitato polemiche per diffondere la disinformazione COVID. Sabato Rogan è andato su Instagram a discutere del contenuto dei vecchi episodi, affrontando due suoi video sui social dicendo la n-parola e un altro in cui ha descritto un quartiere nero come simile al Film Il pianeta delle scimmie.

«Non c’è niente che posso fare per riprenderlo. Vorrei poterlo fare. Ovviamente, non è possibile», ha detto Rogan in un Video Instagram. «Di certo non stavo cercando di essere razzista, e di certo non avrei mai voluto offendere qualcuno per divertimento con qualcosa di stupido come il razzismo».

Rogan ha continuato dicendo nel video che spera che questo sia un momento insegnabile per chiunque non capisca quanto sia offensiva la parola-n che provenga da una persona bianca. Ha concluso il suo video con «le più sincere scuse». Il comico non ha dichiarato che gli episodi mancanti sono stati eliminati da Spotify a causa dell’uso della n-word.

La rimozione degli episodi, tutti registrati anni prima dell’inizio della pandemia, è stata avvistata JRE mancante Venerdì. Il sito Web creato dai fan utilizza l’API di Spotify per confrontare gli episodi disponibili con un database di tutti gli episodi registrati.

Non è chiaro quando gli episodi hanno smesso di essere disponibili. Quando il podcast di Rogan è stato ufficialmente trasferito su Spotify, 42 episodi non si sono spostati su vari problemi con le regole dei contenuti del servizio.

CNET ha confermato che gli episodi appena segnalati come scomparsi non erano più disponibili su Spotify. La società e Rogan non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

L’apparente rimozione degli episodi arriva mentre le polemiche turbinano Rogan per aver promosso la disinformazione COVID nel suo podcast. Il rocker Neil Young e l’icona folk Joni Mitchell estrarre la loro musica da Spotify dopo un lettera aperta firmata da oltre 250 professionisti medici, ricercatori e professori ha indicato il podcast di Rogan come prova che il servizio di streaming stava fornendo una piattaforma alla disinformazione COVID.

Il CEO Daniel Ek ha difeso l’inclusione di Rogan nel roster dell’azienda e ha detto a municipio aziendale che il podcast è stato fondamentale per il successo di Spotify.

«Se vogliamo anche solo una possibilità di realizzare le nostre audaci ambizioni, significherà avere contenuti su Spotify a cui molti di noi potrebbero non essere orgogliosi di essere associati», ha detto Ek durante il municipio. «Non va bene niente, ma ci saranno opinioni, idee e convinzioni con cui non siamo assolutamente d’accordo e ci faranno persino arrabbiare o tristi».

READ  Sidney Poitier muore a 94