septiembre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Perché si verificano gli incendi boschivi: sfatare il mito che gli incendiari siano dietro questa tendenza in crescita

Incendi divampati in Grecia e Macedonia del Nord, tacchinoAlgeria, Italia e Cipro nei giorni scorsi. I vigili del fuoco negli Stati Uniti stanno anche combattendo gli incendi in 15 stati come Dixie fuoco, il secondo più grande della California in assoluto, continua a crescere. Il mese scorso, parti della Siberia e della Columbia Britannica sono state colpite dai più grandi incendi degli ultimi anni.

Il ministro italiano per la trasformazione ambientale Roberto Cingolani ha riconosciuto il ruolo del cambiamento climatico nel disastro, ma recentemente ha notato che il 70% degli incendi dei paesi è stato causato dall’uomo, accidentalmente o intenzionalmente.

“Sappiamo degli incendi boschivi da molto tempo. Dozzine allo stesso tempo sono sicuramente un atto criminale”, ha detto martedì al canale televisivo An-Nahar.

Al contrario, il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis è stato accusato di incolpare il ruolo del cambiamento climatico negli incendi per evitare critiche sulla cattiva gestione delle foreste e sulla preparazione alle catastrofi.

Dopo il contraccolpo, è stato costretto a spiegare che intendeva il cambiamento climatico come “la spiegazione, non la scusa o il pretesto”. Ma ha ribadito che il suo governo “ha fatto tutto ciò che è umanamente possibile, ma in molti casi questo non è bastato nella lotta impari con la natura”.

Qual è il ruolo del cambiamento climatico?

Ora sorgono domande su chi e cosa è responsabile degli incendi. Cambiamenti climatici, incendi o entrambi?

Mentre ci sono molti fattori che influenzano gli incendi boschivi, è il cambiamento climatico che li sta rendendo più grandi e più frequenti, e li sta causando in luoghi dove in precedenza erano rari.

Hikmet Ozturk, esperto forestale presso la Turkish Foundation for Combating Soil Erosion, un’organizzazione non governativa, ha affermato che mentre il 95% degli incendi in Turchia è causato da persone, la diffusione degli incendi è aggravata dal cambiamento climatico.

La gente del posto combatte gli incendi nel villaggio di Gouves a Evia, in Grecia.

“Il solito clima estivo nella regione è caldo e secco, il che significa che il rischio di incendi è già alto e il cambiamento climatico sta aumentando questo rischio”, ha affermato.

READ  La Russia apre un nuovo procedimento penale contro i principali alleati di Navalny

L’Europa ha registrato il secondo luglio più caldo mai registrato quest’anno, secondo il Copernicus Climate Change Service, con gran parte dell’Europa sudorientale che ha sperimentato forti ondate di calore alla fine del mese.

E il caldo soffocante continua fino ad agosto: mercoledì, il record di calore in Europa è stato rotto senza tante cerimonie – i dati devono ancora essere convalidati – quando la temperatura ha raggiunto i 48,8 gradi Celsius (120 Fahrenheit) nella città siciliana di Siracusa, secondo il Meteorological Servizio Informazioni Sicilia Agricola Aerea (SIAS).

un Rapporto pietra miliare Il gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, pubblicato lunedì, ha affermato che 38 condizioni meteorologiche che portano a incendi sono diventate più probabili nell’Europa meridionale nell’ultimo secolo. A livello globale, sono aumentate anche le ondate di calore e la siccità che hanno esacerbato gli incendi.

Ha rilevato che tra il 1979 e il 2013, “l’area combustibile globale interessata dalle lunghe stagioni degli incendi è raddoppiata e la durata media della stagione degli incendi è aumentata del 19%”, sebbene l’area totale bruciata a livello globale sia diminuita. Tra il 1998 e il 2015 a causa di cambiamenti nell’uso del suolo.

Gli incendi hanno infuriato in tutto il mondo, bruciando luoghi che raramente hanno bruciato prima

“In sintesi, c’è un’elevata fiducia che le ondate di calore e la siccità concomitanti siano aumentate di frequenza nell’ultimo secolo su scala globale a causa dell’influenza umana. C’è una fiducia media che le condizioni atmosferiche favorevoli agli incendi boschivi (tempo del fuoco) stiano diventando più probabili in l’Europa meridionale e l’Eurasia settentrionale, gli Stati Uniti e l’Australia nel secolo scorso.

In altre parole, ondate di calore e siccità più lunghe e intense in molti luoghi del pianeta significano che c’è più carburante disponibile perché la vegetazione è secca e disponibile a bruciare più a lungo.

READ  Il calo della produzione di combustibile nucleare iraniano dopo l'esplosione di Natanz

“Con l’aumento delle temperature, più carburante sarà secco e l’aria avrà meno umidità relativa. Questi due fattori contribuiscono a incendi più veloci e a una maggiore intensità degli incendi, con fiamme più grandi e più energia, rendendo più difficile per i vigili del fuoco combatterli, ” ha affermato Thomas Smith, Professore Associato di Geografia Ambientale presso la London School of Economics.

Il ruolo delle persone

Smith ha affermato che la risposta alla domanda su cosa incolpare – cambiamento climatico, incendio doloso o gestione delle foreste – non è chiara.

“Nessuna delle opinioni polarizzate emergenti è vera”, ha detto, aggiungendo che gli incendi sono fenomeni complessi causati da diversi fattori, dal clima influenzato dai cambiamenti climatici alla vegetazione, all’accensione naturale e alle attività umane.

Le persone sono responsabili dell’inizio di molti degli incendi più distruttivi. Gli incendiari potrebbero cercare di causare danni, ma anche altri hanno fissato deliberatamente gli incendi.

In Amazzonia, è noto da tempo che agricoltori e taglialegna appiccano incendi per sgombrare il terreno per il pascolo e le colture. Altri sono stati avviati da infrastrutture energetiche trascurate o per caso, come il micidiale incendio dell’El Dorado dello scorso anno in California che presumibilmente Cresciuto da una festa di rivelazione di genere errore.

Ma nella maggior parte dei casi, l’impatto umano va ben oltre il semplice colpire la partita.

Smith ha affermato che i recenti cambiamenti nella gestione del territorio stanno svolgendo un ruolo importante in alcune aree in cui gli incendi sono sempre stati parte del ciclo naturale, ad esempio negli Stati Uniti occidentali.

“Migliaia di anni fa, quella terra era probabilmente gestita dai proprietari tradizionali, cioè gli aborigeni. L’uso del fuoco è sempre stato parte di quel paesaggio”, ha detto.

READ  La Giordania è stata attaccata da droni iraniani - King Abdullah

“Ma queste pratiche sono state abbandonate negli ultimi 150 anni circa, e questo ha cambiato la quantità di carburante là fuori sulla Terra. L’ecosistema ottiene un po’ più di biomassa, più combustibile pesante, e poi quando lo fai ha questi incendi. . Tende ad essere più distruttivo, perché c’è più da bruciare perché la Terra non è stata frequentemente gestita con il fuoco.”

Il fatto che il cambiamento climatico stia rendendo gli incendi più feroci non significa che le persone non debbano essere incolpate. E viceversa – il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici ha concluso che ora è “inequivocabile” negli esseri umani Causato la crisi climatica innanzitutto.

Quindi, con gli incendi che continuano a imperversare in vaste aree del mondo, le persone devono affrontare la verità: gli incendi sono stati esacerbati dalla crisi climatica. La crisi climatica è causata dalle persone.

Chris Liakos, Elinda Lapropolo, Amy Woodyat, Jules Twizos, Karen Eldamanhoury, Hannah Ritchie e Mustafa Salem hanno contribuito alla segnalazione.