enero 22, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Perché la Mercedes in Formula 1 è considerata la più grande squadra sportiva della storia?

Dimentica il dramma dell’ultima gara della stagione 2021 di Formula 1, se puoi.

Non importa se pensi che Lewis Hamilton sia stato rubato dal titolo o meno.

Ora è un’opportunità per riflettere sull’era del dominio che abbiamo visto dalla Mercedes.

Dal 2014, la F1 ha seguito le stesse regole del motore conosciute come l’era Turbo-Hybrid.

I regolamenti cambieranno nel 2022 e inaugureranno una nuova era per lo sport, ma gli appassionati di sport non dovrebbero dimenticare ciò a cui hanno assistito negli ultimi otto anni.

Lo sport è pieno di squadre e dinastie storicamente grandi.

I Chicago Bulls negli anni ’90 dominavano il basket, come la squadra di cricket West Indies Test negli anni ’80.

Il Manchester United dal 1998 al 2001 potrebbe essere stata la più grande squadra di football universitario di sempre e gli All Blacks dal 2008 al 2015 hanno ridefinito l’eccellenza in questo sport.

E mentre il dibattito sulla «più grande squadra sportiva di sempre» non finirà mai, ti ho mostrato che non esiste una squadra sportiva più impressionante del Mercedes-AMG Petronas F1 Team 2014-2021.

Nell’era Turbo-Hybrid, c’erano otto campionati piloti e otto campionati costruttori.

Sono 16 titoli mondiali e la Mercedes ne ha vinti 15.

Durante i primi tre anni di quell’era, la Mercedes era a volte ridicolmente migliore dei suoi rivali.

Due piloti da corsa salutano la folla.
Lewis Hamilton e Nico Rosberg hanno dato il via all’era del dominio della Mercedes.(Reuters: Maxim Shemetov)

Gara dopo gara, paese dopo paese, sembra che Lewis Hamilton o Nico Rosberg abbiano portato alla vittoria la loro auto d’argento: l’unica vera competizione tra loro è l’uno contro l’altro.

Alla fine del 2016, dopo aver vinto il campionato solo piloti, Nico Rosberg si ritira e viene sostituito da Valtteri Bottas.

A differenza dei Bulls che hanno perso Michael Jordan a causa del baseball, la perdita del campione del mondo Mercedes in pensione non ha impedito loro di vincere.

Le vittorie del Grand Prix hanno continuato a emergere mentre la squadra ha fatto nuovi piani per il costruttore poiché il loro tesoro di premi doveva crescere.

Valtteri Bottas porta una ghirlanda al collo con sopra 1, alzando le dita al cielo
Valtteri Bottas ha assicurato alla Mercedes di vincere altri cinque campionati costruttori dopo il ritiro di Rosberg.(Getty Images: Mark Thompson)

Poi è arrivata la stagione 2018 e finalmente la Mercedes ha affrontato la Ferrari.

La famosa squadra italiana guidata dal quattro volte campione Sebastian Vettel avrebbe buttato giù dal trono la Mercedes.

Sembrava che la Ferrari avesse un’auto più veloce, il suo motore era altrettanto potente e avevano un pilota bravo quanto o addirittura migliore di Hamilton.

La Ferrari stava tornando in Formula 1.

Qualcuno non l’ha detto a Mercedes.

Non soddisfatto delle azioni d’argento dopo quattro anni di dominio. Non hanno gettato la spugna quando tutti sembravano persi a metà del 2018.

Si sono raggruppati e hanno scatenato uno tsunami di eccellenza che ha semplicemente messo in ombra la concorrenza.

Dalla metà del 2018 al 2020, la Mercedes era al suo apice.

Lewis Hamilton non ha mai avuto l’impressione che stesse perdendo il campionato piloti e la Mercedes era su un’altra leva nella gara dei costruttori.

Ferrari, Renault e Honda hanno provato a realizzare un motore di qualità Mercedes, ma non ci sono riusciti.

McLaren, Red Bull e Williams hanno provato a realizzare un’auto di qualità Mercedes, ma non ci sono riusciti.

Racing Point (ora Aston Martin) pensava che sarebbe stato più facile da copiare.

Nello sport automobilistico a quattro ruote più competitivo del mondo, la Mercedes è stata la migliore e apparentemente si è divertita a battere alcune delle più grandi squadre da corsa alla resa.

Ed è questo che rende questa squadra così grande.

Guidata da Toto Wolff e guidata da Hamilton, il più grande pilota della sua generazione, la Mercedes aveva una voglia di vincere maggiore di qualsiasi altra squadra sportiva.

Hanno celebrato la vittoria della gara nel 2020 così raucamente come nel 2014 quando sono finalmente partiti per vincere il loro primo titolo.

Vincere creava dipendenza. Non ne hanno mai abbastanza e non si stancano mai.

Poi abbiamo avuto il 2021, la stagione più dura e competitiva nella storia di questo sport.

Mercedes aveva finalmente un degno avversario che avrebbe combattuto fino alla fine – e il ragazzo era amareggiato.

Due piloti si abbracciano dopo una gara difficile.
Lewis Hamilton si congratula con Max Verstappen dopo il Gran Premio di Abu Dhabi.(Getty Images: Lars Baron)

A luglio, Max Verstappen aveva un vantaggio di 32 punti su Hamilton nel Campionato Piloti.

Con quattro gare rimanenti nella stagione, Verstappen era in vantaggio di 19 punti.

Ma Hamilton e Mercedes non hanno mollato. Hanno raccolto la sfida. Sembrano prosperare su di esso.

Era come se avessero aspettato otto anni la possibilità che qualcuno li accompagnasse per un’intera stagione.

Hanno raccolto la sfida alla fine dell’era e sono stati all’altezza.

Hanno vinto il campionato costruttori, ottavo consecutivo, perdendo il titolo piloti di 2,2 secondi.

E non dimentichiamo che solo la safety car ha riportato Verstappen a questa gara di Abu Dhabi.

Otto anni di quasi perfezione, con solo la sfortuna fuori dal loro controllo che ha impedito loro di spazzare via i titoli di Formula 1 nell’intera era di questo sport.

Questo è un dominio di cui non puoi fare a meno di meravigliarti e, secondo me, è la più grande razza atletica mai assemblata.

Lunga vita alla Mercedes, la più grande squadra sportiva della storia.

READ  Vitalik Buterin, cofondatore di Ethereum, parla di Argentina, BCH, stablecoin, ridimensionamento in Tweetstorm - Bitcoin News