septiembre 20, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Perché i giovani arabi israeliani non vaccinano e cosa possiamo fare al riguardo?

Il primo ministro Naftali Bennett ha visitato giovedì il complesso di vaccinazione a Tebe nel tentativo di incoraggiare un aumento delle vaccinazioni tra la popolazione araba più giovane, che è molto indietro rispetto al resto del paese.

“Faccio appello ai giovani: la cosa più sacra è preservare la dignità e la vita di tuo nonno e tua nonna, tua madre e tuo padre”, ha detto Bennett. “Giovani, siete i più contagiosi. Se siete vaccinati e indossate le mascherine, state salvando la vita di vostra nonna”.

Mentre circa il 39% della popolazione totale israeliana di età compresa tra 12 e 15 anni ha ricevuto almeno la prima vaccinazione del vaccino contro il coronavirus, secondo il sito web del Ministero della Salute. Tuttavia, finora meno giovani arabi si sono rivolti per ottenere un colpo. I dati diffusi dai funzionari del ministero la scorsa settimana hanno mostrato che solo il 16% circa degli arabi di età compresa tra 12 e 15 anni è stato vaccinato.

“Faccio appello ai leader pubblici della comunità araba e vi chiedo di unirvi alla lotta per salvare vite”, ha detto Bennett. “La tua vita è importante per me. prendi il vaccino – Ruchu tita’amu. “

Ma è improbabile che la trasmissione pubblica di Bennett produca i risultati desiderati, secondo il dott. Nisreen Haddad Haj Yahya è direttrice del Programma per le relazioni arabo-ebraiche presso l’Israel Democracy Institute.

“La popolazione più giovane è una sfida più grande e lo stato sta facendo meno bene a vaccinarli per molte ragioni”, ha detto Hajj Yahya. “Ciò che è riuscito a vaccinare la vecchia generazione non parla alla generazione più giovane”.

Ha detto che i giovani arabi israeliani sono su Tik Tok, Snapchat e altri social network e non prestano molta attenzione ai media mainstream. Ha raccomandato a Bennett di contattare alcuni dei principali influencer dei social media di lingua araba e chiedere loro di aiutarli a svolgere il lavoro per conto del governo.

READ  La Germania pagherà alla Namibia 1,3 miliardi di dollari per il riconoscimento ufficiale del genocidio dell'era coloniale

Inoltre, molti giovani arabi hanno subito il lavaggio del cervello da teorie cospirative e notizie false, non solo in Israele ma anche dai palestinesi, anzi, dall’intero mondo arabo.

“Ci sono tutti i tipi di teorie della cospirazione che dicono alle persone di non vaccinare e che l’intento è quello di mettere tutti i tipi di chip o altri dispositivi di tracciamento dentro di te o impedirti di rimanere incinta”, ha detto Hajj Yahya.

Ha sottolineato che, a differenza dell’ebraico, una lingua parlata solo nello Stato di Israele, l’arabo è parlato da centinaia di milioni di persone, quindi c’è molta disinformazione a disposizione dei lettori arabi e non esiste un buon sistema per contrastarla.

Bennett è arrivato a questa consapevolezza prima della sua visita a Tebe, dove ha detto: “Le persone muoiono per il virus Corona, non per i pochissimi effetti collaterali, purtroppo. Favoloso Vaccini… ci sono un sacco di fake news”.

Un rapporto pubblicato di recente da un team di ricercatori israeliani dell’Israel Journal of Health Policy Research ha spiegato: “Preoccupazioni molto gravi sui rischi di fertilità erano prevalenti tra gli ebrei ultra-ortodossi e gli arabi beduini, due popoli tradizionali che sostengono famiglie numerose”. Ha anche notato la sfida della “esposizione limitata” ai media tradizionali, che forniscono informazioni sui nuovi sviluppi scientifici.

Hajj Yahya ha detto che un altro problema è la fiducia tra la comunità araba e il governo.

Ha spiegato che la fiducia tra la comunità araba e il governo è stata a lungo bassa. È stata ulteriormente esasperata dicendo alle persone vaccinate che ciò avrebbe consentito loro di viaggiare fuori dal paese e tornare senza andare in isolamento, e poi ha chiesto loro di mettere in quarantena.

Proprio come le famiglie arabe hanno prenotato i loro voli per la Turchia per Eid al-Adha a luglio, il paese è diventato rosso e i viaggiatori hanno dovuto cancellare o andare in isolamento.

READ  Predicatore anziano della Chiesa nigeriana muore dopo il programma della chiesa

“Il tempismo non era proprio buono”, ha detto Hajj Yahya. “C’era poca sensibilità o comprensione di come questo tipo di azioni potesse danneggiare una particolare comunità o danneggiare la loro fiducia”.

Infine, ha affermato che l’incapacità dei decisori arabi di sedersi attorno al tavolo del Ministero della Salute aggrava la situazione. Secondo il resoconto di Hajj Yahya, solo il 2,8% dei dipendenti della sede del Ministero della Salute sono arabi, nonostante il gran numero che lavora nel sistema sanitario del Paese.

Sebbene Israele abbia istituito un ufficio arabo gestito da Ayman Seif, Haj Yahya ha riconosciuto, ha affermato: “I decisori dovrebbero provenire anche dalla comunità araba. Questo può aiutare lo stato a prendere decisioni più realistiche per la comunità araba e contribuire a rendere la comunità araba più conforme”.

Ma c’è speranza, almeno secondo Bruce Rosen, presidente del Systems Research Group e direttore dello Smookler Center for Health Policy Research presso il Myers-GDC-Brookdale Institute. È coautore del documento, pubblicato sull’Israel Journal of Health Policy Research, intitolato “Affrontare l’indecisione sui vaccini e le barriere di accesso al progresso continuo nel programma di vaccinazione israeliano COVID-19”.

L’imam Jawad Maasarwe di Taybeh riceve il suo terzo vaccino contro il coronavirus come lo considera il primo ministro Naftali Bennett, 19 agosto 2021 (Credit: KOBI GIDON/GPO)

Ha detto che quando Israele ha iniziato la sua campagna di vaccinazione nel dicembre 2020, c’erano enormi divari tra gli haredi (Haredi) e gli arabi e le comunità pubbliche che il governo è stato in gran parte in grado di colmare.

L’articolo condivide i seguenti dati: alla fine di dicembre 2020, il tasso di vaccinazione tra le persone di 60 anni e più nel settore arabo era del 24%, rispetto al 46% nel settore pubblico e al 40% nel settore Haredi. Ma a marzo le disparità si erano ridotte all’89% nel settore arabo, al 91% nel settore Haredi e al 96% nel settore pubblico.

READ  Ha battuto il record del mondo in pista mentre il CIO stava ispezionando la Bielorussia per lo sprint

Rosen crede che il successo sia arrivato quando Israele ha sviluppato programmi specifici per settore, come lavorare direttamente con i leader religiosi o progettare speciali relazioni pubbliche o campagne di marketing per le comunità haredi e arabe.

Nell’agosto 2020, la gestione del programma nazionale di risposta al COVID-19 di Israele è stata assegnata a Magen Israel, una nuova unità organizzativa guidata dal Ministero della Salute. Magen Israel ha quindi creato una task force speciale incaricata di concentrarsi sulla popolazione ebraica ultra-ortodossa e un’altra task force speciale incentrata sulla popolazione araba israeliana. “Queste task force sono state istituite in consultazione con i leader delle comunità interessate e includevano professionisti all’interno di quelle comunità”.

Quando sono iniziate le campagne di vaccinazione, “molti leader religiosi musulmani, medici arabi e stelle del calcio arabe avevano risposto alle richieste della Magen Israel Association di incoraggiare attivamente e pubblicamente gli arabi israeliani a vaccinarsi”, continua il rapporto. “Anche i sindaci e altri leader dei comuni arabi si sono espressi a favore della vaccinazione e hanno adottato misure concrete per facilitare l’accesso ai siti di vaccinazione per i residenti dei loro comuni”.

La maggior parte della popolazione non è contraria alla vaccinazione – forse meno del 3%, secondo il professor Nadav Davidovich, coautore del documento “Vaccine Frequency Treatment” con Rosen, il professor Michael Hartal e il professor Avi Israeli. Invece, ha detto, molte persone sono “riluttanti a farsi vaccinare”.

Ha detto che il discorso del governo su “un milione di persone non vaccinate” non stava aiutando a vaccinare quelle persone. Invece, il governo deve stabilire chi sono e cosa li convincerà a passare.

“Non puoi dare un messaggio universale che sarà adattato ovunque”, ha detto Davidovich. “Dobbiamo essere più propositivi”.