octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

“Pazzo”: la Gran Bretagna mette in allerta l’esercito mentre gli acquisti di panico lasciano le pompe di benzina a secco

  • “È pazzesco”, ha detto l’autista alla stazione di servizio.
  • Se necessario, verranno impiegati i conducenti delle navi cisterna dell’esercito
  • La carenza di camionisti ha danneggiato le catene di approvvigionamento
  • La Gran Bretagna afferma che estenderà alcune licenze per i camion pesanti
  • I rivenditori mettono in guardia sulle forniture di Natale

LONDRA (Reuters) – Martedì gli autisti britannici hanno espresso la loro frustrazione mentre inseguivano per ore o facevano la fila per riempire i serbatoi dopo che le stazioni di servizio nelle principali città si erano prosciugate a causa della carenza di camionisti, spingendo il governo a mettere in campo l’esercito . in modalità di attesa.

I giornalisti di Reuters hanno affermato che le file di autisti sono tornate dalle stazioni di servizio che erano ancora in funzione nelle principali città, nonostante dozzine di punti vendita davanti siano stati chiusi con cartelli che dicevano che non avevano benzina o diesel.

La carenza di autisti di camion post-Brexit, esacerbata dall’interruzione dei test della patente di guida dei camion durante i blocchi del COVID, ha seminato il caos attraverso le catene di approvvigionamento, aumentando lo spettro di carenze e aumenti dei prezzi in vista del Natale. Per saperne di più: La vita dei camionisti britannici sulla strada

Il ministro degli affari Kwasi Kwarting ha affermato che un numero limitato di conducenti di navi cisterna militari è stato messo in attesa di essere schierato per fornire carburante, se necessario.

“Non posso crederci, è pazzesco”, ha detto David Scud, un fattorino di 33 anni che ha guidato per ore per fare benzina a Londra.

“Continuano a dire che non mancano, ma suppongo che tutti siano nel panico ora”, ha detto Skid, che stava facendo rifornimento alla stazione di servizio Shell a Londra.

READ  Pechino non lascia nulla al caso prima del centenario della festa

Scoppiarono risse in alcune stazioni di servizio inglesi mentre i conducenti si spingevano per il carburante. I medici hanno affermato che gli operatori sanitari dovrebbero avere la priorità di riempire le loro auto per mantenere attivo il servizio sanitario.

Un’atmosfera di caos ha attanagliato la quinta economia mondiale nelle ultime settimane, poiché la carenza di camionisti ha messo a dura prova le catene di approvvigionamento e l’impennata dei prezzi all’ingrosso del gas naturale in Europa ha fatto fallire le società energetiche.

Rivenditori, camionisti e aziende di logistica hanno avvertito che i prezzi per tutto, dall’energia ai regali di Natale, devono aumentare.

Le auto fanno la fila per essere rifornite in una stazione di servizio Shell nel centro di Londra, Gran Bretagna, 27 settembre 2021. REUTERS/Henry Nichols

Fornitura di Natale?

I ministri britannici, le compagnie di carburante e le stazioni di servizio affermano che ci sono scorte adeguate di carburante, ma una carenza di camionisti unita a acquisti di panico ha esaurito il sistema.

Tale è la gravità della situazione che la British Medical Association ha invitato gli operatori sanitari ad avere accesso prioritario al carburante per garantire il funzionamento del servizio sanitario. Per saperne di più

Secondo la Petroleum Retailers Association (PRA), che rappresenta i rivenditori di carburante indipendenti che rappresentano il 65% di un totale di 8.380 punti vendita nel Regno Unito, la domanda di carburante significa che dal 50% al 90% delle pompe sono asciutte in alcune aree della Gran Bretagna.

Domenica, il governo ha annunciato un piano per rilasciare visti temporanei a 5.000 camionisti stranieri. Ma alcuni vettori polacchi hanno affermato che l’offerta era ridicola e che molto pochi l’avrebbero accettata.

READ  La lotta COVID potrebbe tornare al punto di partenza: gli esperti lanciano l'allarme sui vaccini

Trasportatori, distributori di benzina e rivenditori affermano che non ci sono soluzioni rapide perché la carenza di autisti di camion – stimata in 100.000 – è stata così acuta e perché il trasporto di carburante richiede una formazione e una licenza aggiuntive.

Il British Retail Consortium (BRC) ha esortato il governo ad ampliare le dimensioni e la portata del programma per attirare i camionisti necessari per mantenere le forniture natalizie in linea.

“Per evitare di deludere milioni di famiglie durante le festività natalizie, esortiamo il governo a espandere rapidamente questo programma, in termini di dimensioni e portata, per includere i conducenti di camion pesanti in tutti i settori dell’industria al dettaglio”, ha affermato Andrew Obe, direttore del settore alimentare e sostenibilità in BRC.

“Ci vorranno diversi mesi prima che ci siano abbastanza nuovi piloti britannici per coprire il deficit”, ha detto Obi.

Scritto da Michael Holden e J. Faulconbridge; Montaggio di Alistair Bell e Philippa Fletcher

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.