septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Nigeria: uomini armati rilasciano decine di giovani studenti rapiti da scuola tre mesi fa

Secondo il preside della scuola Abu Bakr al-Hassan, gli studenti sono stati rilasciati dopo che i loro genitori hanno pagato un riscatto di 140.000 dollari (70 milioni di naira) e hanno dato il riscatto alle motociclette ai rapitori.

Rivolgendosi ai giornalisti dopo che i bambini hanno riconquistato la libertà, Al Hassan ha affermato che il denaro è stato raccolto dopo che i nigeriani di vari settori hanno contribuito con denaro per garantire la loro libertà.

“Il governo ha contribuito, le persone hanno contribuito, anche gli imam e i sacerdoti hanno contribuito. Fino a quando non ho ricevuto una chiamata da TB Joshua, è un cristiano, ma ha contribuito”, ha detto Al-Hassan.

Ma la portavoce del governo dello stato del Niger, Marie-Noel-Bergé, ha affermato che le autorità non facevano parte dei negoziati con i rapitori.

“I miei genitori (gli studenti rapiti) hanno negoziato con i rapitori, sapendo che il governo non era disposto a partecipare al riscatto (negoziati)”, ha detto Marie-Noel Bergé alla CNN.

Il preside della scuola ha detto alla CNN che a maggio circa 136 studenti della Salihu Tanko Islamic School Tegina sono stati arrestati a mano armata.

Ma il governo dello stato del Niger ha chiarito in una dichiarazione venerdì che “un totale di 91 bambini e due passanti sono stati rapiti, di cui 92 hanno riacquistato la libertà, ma purtroppo hanno perso uno dei bambini”.

La dichiarazione ha aggiunto che gli studenti rilasciati appaiono “deboli e soffrono di malnutrizione” e che alcuni di loro “hanno bisogno di più cure mediche” prima di ricongiungersi con le loro famiglie.

gioiosa riunione

Hua Issa, i cui sette figli erano tra quelli rilasciati, ha detto alla CNN: “Non riesco a trovare una parola per esprimere quanto sono felice oggi. Negli ultimi 88 giorni, ho pregato di non morire senza vedere il mio figli.”

READ  Lo stato australiano del Victoria afferma che le prossime 24 ore saranno fondamentali per la crescita della popolazione COVID

Fatima Adamu, un’altra madre, ha detto di aver quasi perso la speranza di rivedere il figlio di cinque anni rapito.

“Stavo per rinunciare a rivedere mio figlio… ma ringrazio Dio di andare a casa con lui oggi”, ha detto alla CNN.

Il rapimento a scopo di riscatto rimane una delle principali sfide alla sicurezza in Nigeria.

Da dicembre centinaia di studenti sono stati rapiti in vari incidenti nella parte settentrionale del Paese.

Il governo dello stato del Niger ha affermato che la serie di rapimenti ha “in gran parte scoraggiato i genitori dal mandare i propri figli a scuola”.

Decine di scuole nella regione settentrionale della Nigeria sono state chiuse per prevenire ulteriori attacchi alle istituzioni accademiche considerate a rischio.