octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Niente più immigrazione: il primo ministro afferma che la Gran Bretagna è in periodo di adattamento

  • La Gran Bretagna soffre di problemi di crescita dopo la Brexit
  • Non tirerai la leva dalla migrazione incontrollata
  • Spera di evitare ulteriori aumenti delle tasse

MANCHESTER, Inghilterra (Reuters) – Il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato domenica che non tornerà alla “migrazione incontrollata” per risolvere le crisi di carburante, gas e cibo di Natale, osservando che tali pressioni facevano parte di un periodo di aggiustamento post-Brexit. . .

All’inizio della conferenza del Partito Conservatore, Johnson è stato costretto ancora una volta a difendere il suo governo dalle lamentele di coloro che non potevano ottenere benzina per le loro auto, i rivenditori hanno avvertito della carenza a Natale e le compagnie del gas hanno lottato con l’impennata dei prezzi all’ingrosso.

Il leader britannico voleva usare il Congresso per voltare pagina su più di 18 mesi di COVID-19 e riorientare i suoi impegni elettorali del 2019 per affrontare la disuguaglianza regionale, la criminalità e il benessere.

Invece, il primo ministro si è ritrovato indietro nove mesi dopo che la Gran Bretagna aveva finalizzato la sua uscita dall’Unione Europea, un’uscita che, secondo lui, avrebbe dato al paese la libertà di modellare meglio la sua economia.

“La strada da percorrere per il nostro Paese non è solo tirare la grande leva dell’immigrazione incontrollata e permettere a un gran numero di persone di lavorare…quindi quello che non farò è tornare al vecchio modello fallito di bassi salari , scarse competenze sostenute da un’immigrazione incontrollata”, ha detto Andrew’s Program Mar Show per il programma della BBC.

“Quando le persone hanno votato per il cambiamento nel 2016 e… di nuovo nel 2019 come hanno fatto, hanno votato per la fine di un modello dirompente dell’economia del Regno Unito basato su salari bassi, basse competenze e produttività cronicamente bassa, e ci stiamo allontanando da questo. “

READ  Il richiamo di Sinovac inverte la diminuzione delle attività anticorpali contro lo studio Delta

È stato il momento più vicino al primo ministro ad ammettere che la Brexit aveva messo a dura prova le catene di approvvigionamento e la forza lavoro, estendendo tutto, dalle consegne di carburante alla potenziale carenza di tacchini natalizi.

“Ci sarà un periodo di adattamento, ma penso che sia quello che dobbiamo vedere”, ha detto.

Ma era chiaro che non avrebbe aperto i rubinetti dell’immigrazione per colmare queste lacune, spostando la responsabilità sulle aziende di aumentare i salari e attirare più lavoratori.

La carenza di lavoratori post-Brexit e la pandemia di COVID-19 hanno provocato il caos in alcuni settori dell’economia, interrompendo le consegne di carburante e medicinali e lasciando il paese. Più di 100.000 suini rischiano la macellazione A causa della carenza di lavoratori del tempio.

Il presidente del partito conservatore Oliver Dowden ha affermato che il governo sta adottando misure per assumere più autisti di camion in generale e che il governo ha iniziato a formare il personale per le autocisterne militari per iniziare a consegnare carburante lunedì.

“Ci assicureremo che le persone ricevano i tacchini per Natale, e so che per il segretario all’Ambiente George Eustice, è in cima alla sua lista”, ha detto a Sky News.

Piuttosto che il reset che Johnson aveva sperato di presiedere nella città di Manchester, nel nord dell’Inghilterra, la conferenza sembra essere stata messa in ombra dalle crisi della catena di approvvigionamento e dalle critiche al ritiro da parte del governo di un aumento dei benefici statali per le famiglie a basso reddito. .

Johnson potrebbe anche essere criticato per aver infranto la posizione conservatrice di partito a bassa tassazione dopo averla sollevata per aiutare i settori dell’assistenza sanitaria e sociale.

READ  Maria Kolesnikova, leader della protesta in Bielorussia, condannata a 11 anni di carcere

“Naturalmente non vogliamo aumentare le tasse, ma quello che non faremo è essere irresponsabili nelle finanze pubbliche”, ha detto. “Se posso evitarlo, non voglio aumentare di nuovo le tasse, ovviamente no”.

Segnalazione aggiuntiva di Paul Sandel; Montaggio di Christina Fincher e Hugh Lawson

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.