diciembre 2, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Negli ultimi quattro decenni, l’HIV/AIDS ha ucciso almeno 700.000 americani. Il COVID-19 ha ucciso di più in due anni.

Un visitatore si siede su una panchina per vedere l’opera dell’artista Susan Brennan Furstenberg «In America: Remember», un’installazione artistica temporanea composta da bandiere bianche che commemorano gli americani morti di COVID-19, al National Mall, a Washington, sabato 2 ottobre , 2021. AP Photo / Jose Luis Magana

  • Negli Stati Uniti, dal 1981, più di 700.000 persone sono morte a causa di malattie legate all’HIV.

  • Le terapie antiretrovirali hanno ridotto significativamente le infezioni e i decessi correlati all’HIV.

  • Sia il COVID-19 che l’HIV/AIDS hanno colpito in modo sproporzionato le comunità minoritarie.

Il COVID-19 ha ucciso quasi 750.000 americani negli ultimi due anni, superando ufficialmente il numero di vite perse a causa dell’HIV/AIDS negli ultimi quattro decenni, diventando l’epidemia più letale del paese.

incidente Dati della Kaiser Family Foundation senza scopo di lucro Ha scoperto che più di 700.000 persone sono morte a causa di malattie legate all’HIV da quando è emersa negli Stati Uniti nel 1981. Negli anni ’90 sono state sviluppate terapie antiretrovirali altamente efficaci, trasformando l’HIV/AIDS dalla principale causa di morte nei giovani adulti a cronica, condizione gestibile Secondo la rivista scientifica peer-reviewed «AIDS».

Oggi le terapie antiretrovirali come la profilassi pre-esposizione (PrEP) sono ampiamente accettate grazie alla loro significativa riduzione delle infezioni e dei decessi correlati all’HIV.

«Lo sviluppo rapido e graduale della terapia antiretrovirale non solo ha dimostrato di salvare milioni di vite, ma è stato determinante nell’esporre le disuguaglianze nell’accesso ai servizi sanitari tra i paesi ricchi e poveri del mondo», hanno scritto i ricercatori sul Guardian. Rivista scientifica sull’AIDS.

Sebbene i tassi di trasmissione e mortalità varino, gli esiti negativi sia del COVID-19 che dell’HIV/AIDS sono sostenuti in modo sproporzionato dalle comunità minoritarie.

READ  Falso allarme alieno: i segnali radio "extraterrestri" sono segnali umani | Notizie dall'Australia

Gli individui neri e latini rappresentano ancora grandi proporzioni di nuove infezioni da HIV pur rappresentando piccole porzioni della popolazione totale. Gli uomini gay, bisessuali e transgender di tutte le razze ed etnie continuano a essere colpiti in modo grave e sproporzionato dalla pandemia, Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

allo stesso modo, CDC انات dati Mostra che i neri, i latinoamericani, gli asiatici e i nativi americani sono a maggior rischio di infezione da COVID-19, ospedalizzazione e morte.

Tuttavia, le prospettive per i decessi legati al COVID-19 sono molto più fosche di quelle legate all’HIV/AIDS.

Il numero di infezioni da HIV annuali è diminuito costantemente negli ultimi anni, con un calo di oltre due terzi da quando l’epidemia ha raggiunto il picco a metà degli anni ’80, Secondo HIV.gov. un Rapporto CDC 2019 Ha scoperto che quasi 1 milione di americani di età superiore ai 13 anni ha l’HIV e più della metà sono soppressi viralmente o non rilevabili.

Ciò significa che con i farmaci quotidiani, le persone con infezione da HIV possono rimanere in buona salute e praticamente nessun rischio di trasmettere il virus sessualmente ai loro partner, riducendo in definitiva il numero di decessi.

Nel 2019 ci sono stati un totale di 15.815 decessi tra adulti e adolescenti con HIV negli Stati Uniti, Secondo HIV.gov.

Al contrario, negli Stati Uniti si registrano ancora decine di migliaia di nuove infezioni da COVID-19 ogni giorno. La media giornaliera dei decessi è ancora superiore a 1.000 al 29 ottobre, Secondo i dati del New York Times.

Leggi l’articolo originale su interessato al commercio