enero 24, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Morto a 90′ l’arcivescovo Desmond Tutu, leader sudafricano anti-apartheid

arcivescovo Desmond Tutu, che ha contribuito a guidare il movimento che si è concluso Il regime brutale della minoranza bianca al potere in SudafricaLo ha confermato domenica il presidente del Paese, morto all’età di 90 anni.

«La morte dell’arcivescovo emerito Desmond Tutu è l’ennesimo atto di lutto nell’addio della nostra nazione a una generazione di illustri sudafricani che hanno ereditato il nostro Sudafrica liberato», il presidente Cyril Ramaphosa Ha detto in una dichiarazione all’inizio di domenica.

«Desmond Tutu era un patriota senza pari; un leader pragmatico e di principio che ha dato significato all’intuizione biblica che la fede senza le opere è morta».

Considerata la bussola morale del paese, Tutu ha coniato la frase «nazione arcobaleno» per descrivere la società multietnica del Sudafrica.Trevor Samson/AFP – Getty Images

Tutu è diventato famoso grazie al suo lavoro di attivista per i diritti umani. Nel 1984 è stato insignito del Premio Nobel per la pace per la sua lotta instancabile e non violenta contro l’apartheid in Sud Africa, e in seguito ha svolto un ruolo importante nella caduta dell’apartheid.

A Toto è stato diagnosticato un cancro alla prostata alla fine degli anni ’90 ed è stato ricoverato più volte negli ultimi anni per infezioni associate al suo trattamento.

«Alla fine, è morto pacificamente all’Oasis Friel Care Center di Cape Town questa mattina, all’età di 90 anni», ha detto il dottor Ramvela Mamphili in una dichiarazione a nome della famiglia Tutu.

Non sono stati forniti dettagli sulla causa della morte.

Il sacerdote anglicano ha usato il pulpito per predicare e galvanizzare l’opinione pubblica contro l’ingiustizia affrontata dalla maggioranza nera in Sud Africa.

READ  Montagna. Vulcano Nyiragongo: 92 terremoti e terremoti sono stati registrati nelle ultime 24 ore

Tutu è stato il primo vescovo nero di Johannesburg e in seguito il primo arcivescovo nero di Cape Town, ed è stato un attivista schietto per la giustizia razziale e i diritti dei gay non solo in Sudafrica ma in tutto il mondo.

Nel 1990, dopo 27 anni di carcere, Nelson Mandela trascorse la sua prima notte di libertà nella residenza di Tutu a Cape Town.

Dopo la caduta dell’apartheid e Mandela alla guida del paese come primo presidente nero, Tutu ha guidato una Commissione per la verità e la riconciliazione che ha esposto le terribili verità del governo bianco.

«I suoi contributi alla lotta contro l’ingiustizia, sia a livello locale che globale, sono pari solo alla profondità del suo pensiero sulla creazione di un futuro liberatorio per le società umane», ha affermato la Nelson Mandela Foundation in una dichiarazione dopo la morte di Tutu.

Mandela ha chiesto a Tutu di presiedere la commissione istituita per ascoltare, registrare e, in alcuni casi, concedere l’amnistia agli autori di violazioni dei diritti umani durante il regime dell’apartheid.Walter DHLADHLA/AFP/Getty Images

Gli onori sono arrivati ​​da tutto il mondo.

L’ex presidente Barack Obama ha dichiarato in una dichiarazione che Tutu «è stato un mentore, un amico e una bussola morale per me e per molti altri. Spirito cosmopolita, il vescovo Tutu era radicato nella lotta per la liberazione e la giustizia nel suo paese, ma si preoccupava anche dell’ingiustizia». ovunque.»

«Non ha mai perso il suo malvagio senso dell’umorismo e la sua volontà di trovare umanità nei suoi avversari, e Michelle e io ci mancherà molto», ha detto Obama.

READ  L'ex membro della Knesset Yehuda Glick è stato arrestato con l'accusa di aver tentato di contrabbandare palestinesi

Il Dalai Lama, il leader spirituale del Tibet in esilio, ha affermato che «l’amicizia e il legame spirituale tra di noi sono qualcosa che amiamo». Ha aggiunto che Tutu «era un vero filantropo e un impegnato sostenitore dei diritti umani».

Schietto e vivace, Tutu non ha esitato nella sua lotta per un Sudafrica più equo e ha continuato a ritenere responsabili i nuovi leader democratici del paese.

Nei suoi ultimi anni, si lamentò che il suo sogno di una «Nazione Arcobaleno» non si fosse ancora avverato.

Totò si è in gran parte ritirato dalla vita pubblica nel 2010, ma non ha mai smesso di dire la sua con arguzia e determinazione.

È morto insieme alla moglie di 66 anni, Leah, e ai loro quattro figli.

La sua morte arriva poco più di un mese dopo la sua scomparsa FW de Klerk, l’ultimo capo del regime di apartheid nel Paese.

Eric Ortize Reuters e Agenzia di stampa Ha contribuito.