diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Morto a 66 anni Peter Scolari, attore di ‘Newhart’ e Bosom Buddies

Pietro ScolariBosom Buddies, che è diventato una celebrità nell’illustre ma cancellato film «Bosom Buddies» al fianco di Tom Hanks, è morto venerdì mattina all’età di 66 anni di cancro, dopo due anni di malattia.

La sua morte è stata confermata dalla sua manager Elaine Lupin Sanitsky alla Wright Entertainment.

Scolari è stato un attore prolifico, sia in televisione che a Broadway. Ha vinto un Emmy nel 2016 per il ruolo di Tad Horvath in Girls, il padre di Hannah (Lena Dunham). Dal 1987 al 1989, è stato nominato tre volte come attore non protagonista agli Emmy per il suo ruolo nell’amata commedia di Bob Newhart «Newhart» sulla CBS.

Venerdì, Newhart ha rilasciato una dichiarazione a Varie: «Ho saputo che Peter era malato, ma la sua morte è stata comunque un grande shock. Siamo amici e colleghi da oltre 40 anni. Giulia [Duffy] E Peter, come coppia vuota (Michael e Stephanie), è stata una parte essenziale del successo di Newhart. Nella vita, era una persona meravigliosa ed è stato un piacere lavorare insieme. Ci mancherà molto perché è morto prematuramente all’età di 66 anni».

Sebbene fosse malato, Scolari ha lavorato fino a poco tempo, co-protagonista nella seconda stagione appena conclusa di «Evil», in cui interpretava il vescovo Thomas Marx.

L’attore è apparso diverse volte a Broadway, incluso in Hairspray, » volpe volpe «Wicked «,» Magic/Bird «- e con Hanks in ‘Lucky Guy’ nel 2013.

«Bosom Buddies» è andato in onda solo per due stagioni su ABC, ma ha avuto inizio nella carriera di Hanks e Scolari. Nello show, Henry (Scolari) e Kip (Hanks) – due giovani professionisti di New York che lavorano per un’agenzia pubblicitaria – adottano personaggi drag per trasferirsi in un alloggio economico per sole donne, il Susan B. Anthony Hotel. Rappresentano anche i fratelli di Buffy (Hanks) e Hildegard (Scolari), per rendere la loro vita un po’ più facile, e per poter flirtare con le donne che vivono anche loro nell’albergo.

READ  Lo show Netflix di Arcane League Of Legends ottiene il teaser della seconda stagione

Il Kip di Hanks era sarcastico e divertente, e Henry di Scolari era carino e teso, una combinazione perfetta, se non per uno spettacolo di lunga data, dell’amicizia tra gli attori. Prima di apparire a Broadway con Hanks in «Lucky Guy», Scolari è apparso anche nel debutto alla regia di Hanks, nel 1996 «That Thing You Do!»

Mentre Hanks ha lasciato «Bosom Buddies» come protagonista, Scolari è diventato un attore per il personaggio. Ha recitato nell’adattamento televisivo congiunto di «Tesoro, mi sono ristretto i ragazzi» dal 1997 al 2000, è apparso come un commissario di polizia corrotto in Gotham della Fox e nel 2016 ha recitato nel film televisivo di Madoff su HBO come Peter Madoff.

La vittoria dell’Emmy 2016 di Scolari è stata solo una coincidenza. Non era tra i candidati originali per l’attore ospite quell’anno, ma dopo aver stabilito che «Veep’s» di Peter McNicol era tecnicamente non idoneo per la nomination perché era apparso in troppi episodi per essere considerato nella categoria, Scolari è stato aggiunto alla scrutinio.

La vittoria è stata particolarmente bella, come ha sottolineato Scolari dietro le quinte, gli inevitabili alti e bassi della carriera dell’attore.

«Sono stato in questo per 42 anni», ha detto. «Lo volevo davvero.» Allo stesso tempo, ha affermato che anche la vittoria dopo quattro nomination precedenti è stata modesta.

«La cosa peggiore per un attore è comprare il proprio clamore», ha continuato dopo la vittoria. «Lunedì compirò 61 anni. Voglio celebrare le benedizioni che mi sono state date come essere umano».

Robert e Michelle King, i creatori di «Evil», hanno rilasciato una dichiarazione sul divertimento di lavorare con Scolari.

READ  Rob Zombie condivide un primo sguardo al cast della prossima commedia The Munsters

«Peter era amato sul nostro set dal cast, dalla troupe e dagli sceneggiatori non solo perché era un uomo e un attore donatore, ma perché ha preso quello che altrimenti sarebbe stato un ruolo da ragazzo etero e lo ha trasformato in un piacere comico». . «Ha sempre trovato modi diversi di dire cose o trovare strane pause nel mezzo delle frasi. Puoi vederlo disegnare battute per ridere. Guardare i suoi quotidiani è sempre stato emozionante perché hai visto il suo mestiere in azione. Ha lavorato con noi fino al 27 aprile, ed è stato fantastico in ogni episodio. Ci mancherà così tanto».

Scolari lascia sua moglie Tracy Shane e i figli Nicholas, Joseph, Keaton e Kali.

Nella biografia di Scolari il suo manager ha fornito, secondo Shane, «l’unica cosa che può eguagliare il suo amore per la sua famiglia e la sua passione per la recitazione è il suo amore per il servizio agli altri».

Cynthia Littleton ha contribuito a questo rapporto.