noviembre 30, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Morgan Stanley dice, attenzione alle azioni cinesi

Morgan Stanley esorta gli investitori a essere cauti sui titoli cinesi, visti i recenti sviluppi nel paese Repressione normativa delle società Internet Internet.

La banca d’investimento ha ribadito la sua richiesta di declassare le azioni cinesi sotto l’indice MSCI China allo stesso peso, il che significa che dovrebbero funzionare alla pari con altre azioni in altri mercati emergenti. Questa chiamata è stata fatta per la prima volta nel gennaio di quest’anno.

Le azioni di MSCI China includono sia azioni A quotate sulla terraferma sia azioni estere quotate a Hong Kong.

Jonathan Garner, chief Asia expert e strategist azionario dei mercati emergenti presso Morgan Stanley, ha spiegato perché la banca ha ripetuto la chiamata. «Quello che stiamo vedendo, penso, è che la legge antitrust si sta dimostrando molto più profonda e più duratura di quanto pensassimo», ha detto in un’intervista a «Squawk Box Asia» della CNBC martedì.

Preoccupazioni normative

Le preoccupazioni per il controllo normativo sulle società tecnologiche cinesi stanno crescendo di nuovo, quindi La Cina ha annunciato una revisione della sicurezza informatica Dall’app per l’equitazione Didi All’inizio di luglio.

Le autorità hanno ordinato agli app store di rimuovere l’app di download di Didi, pochi giorni dopo che la società cinese ha lanciato la sua offerta pubblica iniziale nei regolatori statunitensi, sostenendo anche che Didi ha raccolto illegalmente i dati personali degli utenti.

Da allora, la Cina ha aperto una revisione della sicurezza informatica Altre tre società cinesi quotate negli Stati Uniti

Maggiori informazioni sulla Cina da CNBC Pro

Garner ha anche fatto riferimento a Il «nuovo focus» della Cina sulla sicurezza dei dati data.

Pechino ha recentemente avviato un nuovo fronte di battaglia nella gestione dell’utilizzo e della raccolta dei dati. Il Data Security Act approvato a giugno ha stabilito le regole su come tutte le aziende raccolgono, archiviano, elaborano e trasmettono i dati. La legge entrerà in vigore a settembre.

Cosa significa questo per le azioni «A»?

In una nota della scorsa settimana, Morgan Stanley ha affermato di preferire le azioni A cinesi quotate nel continente rispetto a quelle quotate a Hong Kong, alla luce dell’annuncio della scorsa settimana di una maggiore supervisione normativa delle società cinesi quotate all’estero.

L’annuncio normativo ha anche affermato che Pechino inasprirà le restrizioni sulle «attività illegali» nel mercato azionario, compreso l’insider trading e le frodi finanziarie. Morgan Stanley ha osservato che ciò sarebbe vantaggioso per le azioni A poiché indica che la Cina vuole migliorare la qualità dei suoi mercati interni.

«Non è probabile che tutte le società saranno colpite allo stesso modo. Riteniamo che le società cinesi in alcuni settori sensibili, ad esempio le società tecnologiche ricche di dati e quelle che operano in regioni in cui la proprietà straniera è limitata, cercheranno probabilmente più quotazioni onshore e / o Hong Kong piuttosto che negli Stati Uniti.»

Il mistero incombe

Tuttavia, Morgan Stanley ha affermato che la «forza trainante del background più profondo» che spinge le aziende a tornare a casa per essere quotate dipenderà in ultima analisi da come progrediranno le relazioni tra Stati Uniti e Cina.

La banca ha avvertito che ci sarà ancora più incertezza.

«Gli investitori hanno assistito a più tornate di inasprimento normativo per il settore… dalla fine dell’anno scorso. Riteniamo che sarà più negativo se la portata dell’inasprimento normativo continuerà ad espandersi e alla fine si trasformerà in una preoccupazione più ampia per le azioni cinesi in generale», ha ha scritto.

READ  T-Mobile è stato violato di nuovo, ma non sai ancora cosa è stato violato