octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Monica Lewinsky ’15 Minutes of Shame’: 5 cose sulla cultura della cancellazione esplorate nel documento

Negli ultimi anni, cancella cultura Domina i titoli.

molti, tra cui Stelle di Hollywood, È stato oggetto di un intenso controllo pubblico su una varietà di argomenti o azioni, a volte con la conseguente “cancellazione” di una persona, il che significa che le loro vite professionali e personali sono impantanate in una maggiore pubblicità negativa.

15 minuti di vergognaUn nuovo documentario su HBO Max, prodotto da un dirigente Monica Lewinsky che si definisce “pazienza zero” per la calunnia pubblica. Il documento esamina la cultura dell’abolizione, la scienza dietro di essa, le sue origini storiche e altro ancora.

Ecco uno sguardo ai cinque punti di vista esplorati sull’abolizione della cultura e dell’umiliazione pubblica da parte del film:

Monica Lewinsky afferma che la cultura della cancellazione è diventata “troppo ampia”

Attenzione: il video qui sotto contiene un linguaggio grafico.

La sua storia risale a secoli fa

La dottoressa Tiffany Watt Smith, storica della cultura presso la Queen Mary University di Londra, ha parlato dei primi giorni dell’umiliazione pubblica, spiegando che le società precedenti spesso richiedevano alle persone di unirsi e seguire regole come non accumulare risorse.

“Questo tipo di società punisce rapidamente e severamente chiunque cerchi di prendersi più della propria giusta quota, chiunque pensi di non dover rispettare le regole”, ha spiegato. Le società nel corso dei secoli hanno avuto questo strano processo di rituali di umiliazione pubblica.

Monica Lewinsky ricorda da Lucidare lo scandalo Clinton:

L’anonimato può esacerbare i sentimenti di vergogna

Spesso, quando le persone cancellano, lo fanno una folla di sconosciuti, come sempre accade con le celebrità.

READ  È morto a 72 anni Ricky Lee Reynolds, chitarrista dei Black Oak Arkansas

A quanto pare, il suo anonimato rende più facile per i critici lanciare l’attacco.

“Quando qualcuno è solo un nome sullo schermo con parte del suo testo e forse uno sconosciuto che non hai mai incontrato prima, non sono sufficienti informazioni perché il nostro cervello umano percepisca pienamente come un essere umano”, ha spiegato la dott.ssa Helen Wing. , neuroscienziato e psicologo, che studia l’elaborazione delle emozioni.

“Uno dei modi rapidi in cui il nostro cervello comprende gli stati mentali degli altri è guardando i volti e il linguaggio del corpo delle persone. Il nostro cervello elabora queste informazioni molto, molto rapidamente”. “Se non abbiamo accesso a queste informazioni online, è difficile per noi anche solo pensare a cosa potrebbe pensare o provare quella persona”.

Il CEO Monica Lewinsky ha prodotto e narrato “15 Minutes of Shame”
(HBO massimo)

Il termine “abolizione della cultura” risale ai primi anni ’90

Mentre il termine “cultura dell’abolizione” può sembrare un termine relativamente nuovo, la scrittrice e giornalista culturale online Aja Romano ha rivelato che deriva dalla cultura pop degli anni ’90.

Nel film del 1991 “New Jack City”, Wesley Snipes ha usato la frase “Annulla quello, ne comprerò un altro” mentre rompeva con una donna.

Romano fa quindi riferimento a un episodio di “Love and Hip Hop” del dicembre 2014 in cui un uomo dice a una donna che è “cancellata” dopo che lei rivela di avere una figlia.

“Sono andato da lì”, ha detto il giornalista. “La gente ha iniziato a usarlo all’inizio con umorismo, e poi più o meno [caught on]. “

Monica Levinsky parla dell’abolizione della cultura nel trailer ufficiale di ’15 Minutes of Shame’: ‘I Was Sick Zero’

READ  Il regista di Spider-Man No Way Home risponde al trailer di "leak"

Gli umani rilasciano dopamina quando vedono qualcuno che viene chiamato fuori

“Ci sono studi che mostrano che la dopamina viene rilasciata quando vediamo un criminale che viene punito”, ha detto Smith. “Penso che sia possibile inseguire quel colpo che otteniamo quando vediamo qualcuno che pensavamo fosse sbagliato, e ne otteniamo le conseguenze”.

Smith è un’esperta di schadenfreude, “la felicità che provi nel vedere la sfortuna di qualcun altro”, come dice lei.

Lo storico ha poi ricordato uno studio olandese condotto su tifosi di calcio in cui si esaminavano i volti dei tifosi che guardavano una squadra tifosa di segnare un gol, oltre ai video degli errori della squadra avversaria.

In quei video [of the rivals missing]Smith ha spiegato, è stato allora che hanno sorriso più ampiamente e più rapidamente. “Non era vedere la propria squadra segnare un gol, era vedere i propri avversari sbagliare un gol”.

Ora sta trasmettendo

“15 Minutes of Shame” è ora in onda su HBO Max.
(HBO massimo)

Gli algoritmi dei social media possono promuovere contenuti negativi

L’etico della tecnologia Tristan Harris ha ricordato uno studio della New York University che ha scoperto che “per ogni parola eticamente offensiva” – come “atroce”, “stigma” e “abominio” – aggiunta a un tweet su Twitter, il “tasso di retweet” di quel post è aumentato .del 13%.

CLICCA QUI PER L’APP FOX NEWS

I tweet con il più alto coinvolgimento sono promossi da algoritmi su piattaforme di social media e sono redditizi, secondo Harris.

Safia Noble, professoressa e autrice dell’Università della California, a Los Angeles, ha fatto eco a tali sentimenti, spiegando che gli algoritmi dei social media non sono “neutri e obiettivi” ma si concentrano sull'”attirare gli occhi sul materiale sulle loro piattaforme”.

READ  La nipote del creatore della DC Comics adora Robin intersessuale

Clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter di intrattenimento

Harris ha spiegato che più di questi bulbi oculari generano più denaro per le piattaforme di social media, il che significa che promuoveranno i clic.