octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Molti indiani non possono dimostrare che i loro cari sono morti di Covid. Questo potrebbe essere un problema

Ma gli ospedali della città indiana di Varanasi hanno esaurito lo spazio, l’ossigeno, le medicine, i test, tutto.

“Ci hanno detto che ovunque era brutto e che le persone giacevano sui pavimenti degli ospedali e che non c’erano affatto letti”, ha detto il 33enne.

In teoria, il software dovrebbe aiutare persone come Srivastava. Ma gli esperti ritengono che il numero reale dei morti potrebbe essere molte volte la cifra ufficiale di 450.000 – e le famiglie di alcune vittime potrebbero finire per perdere il risarcimento perché o non hanno un certificato di morte o la causa della morte non è elencata come segue. COVID-19.

Il governo indiano ha promesso di non negare alcun risarcimento alle famiglie “solo sul campo” perché il certificato di morte non menziona il Covid-19.

Ma giorni dopo l’annuncio del piano di compensazione, le regole non sono ancora chiare e questo sta causando stress a molti indiani che stanno lottando per sfamare le proprie famiglie dopo aver perso il capofamiglia durante una delle peggiori epidemie di Covid al mondo.

Innumerevoli morti

A prima vista, i criteri di compensazione sono relativamente semplici.

Le famiglie possono ricevere un risarcimento se una persona cara muore entro 30 giorni dalla diagnosi di Covid-19, indipendentemente dal fatto che la morte sia avvenuta in ospedale o a casa, secondo le linee guida. approvato dalla Corte Suprema lunedì. Sono eleggibili anche se un membro della famiglia muore durante il ricovero in ospedale da Covid-19, anche se il decesso è avvenuto più di 30 giorni dopo la diagnosi.

Per essere considerato un caso di Covid, il deceduto deve essere stato diagnosticato con un test Covid positivo o essere stato “determinato clinicamente” da un medico. Per richiedere il risarcimento, il parente più prossimo deve fornire un certificato di morte attestante che Covid-19 è stata la causa della morte.

Ma per molti in India, queste linee guida sono un grosso problema.

Anche prima della pandemia, l’India era Riduci al minimo i suoi morti.
L’infrastruttura sanitaria pubblica nei paesi sottofinanziati significa questo solo in tempi normali 86% dei decessi A livello nazionale sono registrati nei sistemi di governo. E solo il 22% di tutti i decessi registrati ha ricevuto una causa ufficiale di morte, attestata da un medico, secondo lo specialista di medicina di comunità Dr. Hemant Schwad.

Questo problema è stato esacerbato durante il Covid, poiché gli studi hanno indicato che milioni di persone come la madre di Srivastava non sono incluse nel bilancio delle vittime.

A luglio, il Centro per lo sviluppo globale con sede negli Stati Uniti ha stimato che durante la pandemia l’India avrebbe potuto avere tra 3,4 e 4,9 milioni di morti in più rispetto agli anni precedenti, il che significa che il bilancio ufficiale di Covid-19 del governo potrebbe essere molte volte inferiore alla realtà.

Le cifre mostrano che il governo indiano non ha riportato il numero di morti a causa della pandemia, un’affermazione che il governo ha negato.

Mentre il Covid travolge l'India, gli esperti affermano che casi e decessi non vengono segnalati

Anche se le vittime hanno un certificato di morte, molte non elencano il Covid-19 come causa esplicita perché non sono state formalmente diagnosticate, ha affermato Jyot Geet, capo di SBS con sede a Delhi, che ha condotto cremazioni gratuite durante la seconda ondata. .

READ  Mio fratello dice che la morte del leader antivaccini poteva essere evitata

Invece, i certificati di morte di molte delle vittime di Covid “dicono che sono morte per insufficienza polmonare, malattie respiratorie e arresto cardiaco”.

Le linee guida affermano che le famiglie possono richiedere la modifica della causa di morte sul certificato di morte e sottolineano che a nessuna famiglia verrà negato il risarcimento “solo sul campo” il cui certificato di morte Covid-19 non è menzionato.

Un comitato a livello di contea esaminerà la loro domanda ed esaminerà le cartelle cliniche del membro deceduto e, se concordano sul fatto che Covid sia stata la causa della morte, emetterà un nuovo certificato di morte che lo dichiari, secondo le linee guida.

Tuttavia, non sono stati forniti ulteriori dettagli sui criteri che la commissione utilizzerebbe per misurare la causa della morte con mesi di anticipo e quali prove dovrebbero fornire le famiglie.

“Questo è molto complicato”, ha detto Pranai Kotastin, vicedirettore del think-tank Takashila con sede in India, aggiungendo che se il governo fosse deciso ad aiutare le persone piuttosto che a guardare i soldi, il piano potrebbe avvantaggiare le famiglie.

La CNN ha contattato il Ministero della Salute indiano per un commento.

fiocco rosso

Dopo che il marito di Pooja Sharma è morto di Covid-19 ad aprile, si è sentita impotente e sola, non avendo idea di come provvedere alle loro due giovani figlie.

Suo marito, un negoziante, era il capofamiglia per la famiglia. Ma quando le sue condizioni sono peggiorate, le ha chiesto di prendersi cura dei suoi figli.

“Non sapevo come farlo”, ha detto la madre di 33 anni che vive nella regione della capitale indiana di Delhi. “Non sono andato a scuola e non so cosa posso fare per guadagnare soldi”.

READ  I nordcoreani sono preoccupati per Kim Jong-un "magro", hanno detto i media statali.

Sharma afferma che il certificato di morte di suo marito indica il Covid come la causa, ma potrebbe ancora affrontare una battaglia in salita. il programma Promesse Le famiglie otterranno il loro risarcimento entro 30 giorni dall’accertamento della loro idoneità, anche se le precedenti iniziative del governo – prima e durante la pandemia – sono state afflitte da lunghi ritardi e burocrazia frustrante.

“Le comunità svantaggiate o povere sono le più colpite, in primo luogo dal Covid e in secondo luogo dal sistema”, ha affermato Jett, presidente della Fondazione SBS. Ha aggiunto che a causa dei bassi livelli di alfabetizzazione ha un “compito arduo” per le famiglie superare le complicazioni nel sistema, che include la raccolta di documenti appropriati, la compilazione di moduli, la comunicazione con i funzionari locali e la fornitura di informazioni mediche.

Pooja Sharma e i suoi figli a casa davanti a una foto del suo defunto marito, morto di Covid-19 ad aprile a Delhi, in India.
Nazione Ultimo censimento 2011 Ha rilevato che il 73% degli indiani è alfabetizzato e il numero è inferiore per le donne nelle aree rurali, dove poco più del 50% sa leggere e scrivere.

Anche Kotasthane, direttore del think tank, è preoccupato per la capacità delle persone di accedere ai pagamenti. “Il costo per ottenere un risarcimento non dovrebbe essere superiore al risarcimento stesso”, ha affermato.

Sharma ha già affrontato la burocrazia per il programma di sussidi statali per cui ha fatto domanda a giugno.

“Ho compilato tutti i documenti con l’aiuto di altri”, ha detto. “Sono andata negli uffici governativi ogni giorno”. “Non ho sentito niente da loro. Non credo che i soldi arriveranno mai.”

Anche se farà domanda per il nuovo programma di compensazione, ha affermato di non essere sicura di ricevere alcun pagamento e, in entrambi i casi, non è sufficiente per compensare la sua perdita.

“Non so nemmeno se otterrò quella somma di denaro”, ha aggiunto Sharma. 50.000 rupie non mi restituiranno mio marito. La mia vita non sarà mai più la stessa”.

Troppo poco e troppo tardi

Molti condividono la delusione di Sharma, ritenendo che il compenso offerto sia troppo poco e troppo tardi.

La seconda ondata ha effettivamente scioccato un’intera nazione, esponendo le gaffe del governo e seminando profonda rabbia tra un pubblico che si è sentito in gran parte abbandonato dai suoi leader.

READ  I talebani dichiarano "amnistia" e invitano le donne a unirsi al governo afghano

Diversi fattori hanno giocato nella gravità della seconda ondata. Il governo è stato lento nell’agire e non è stato preparato in anticipo, il che ha comportato una disabilità medica Mancanza di rifornimento nei momenti più disperati. Il sistema medico è crollato: al culmine dell’ondata, più di 4.000 persone morivano ogni giorno, molte per le strade e gli ospedali ambulatoriali riempiti in precedenza.

La seconda ondata di Covid in India colpisce come uno tsunami mentre gli ospedali si ritirano sotto peso

La carenza ha portato anche a un boom del mercato nero, che ha eroso le bombole di ossigeno e i medicinali. Senza alcun aiuto da parte del governo, molte famiglie non hanno avuto altra scelta che svuotare i propri risparmi e prendere in prestito denaro per acquistare oggetti costosi, sperando di salvare i propri cari.

Simran Kaur, fondatore di Pins and Needles, un’organizzazione senza scopo di lucro che sostiene le vedove di Covid a Delhi, ha affermato che alcune donne si trovano ad affrontare debiti mentre si prendono cura di diversi bambini piccoli da sole e senza un capofamiglia.

“Sono già indebitati perché da un giorno all’altro sono passati dal guadagnare uno stipendio mensile tramite i loro mariti a non guadagnare nulla”, ha detto.

“Un pagamento una tantum da parte del governo non risolverà tutto. Non istruirà i suoi figli, non pagherà l’affitto o metterà il cibo in tavola. Sulla carta può sembrare buono, ma non è abbastanza”.

Il risarcimento potrebbe essere in grado di aiutare le famiglie più povere dell’India. Srivastava, che ha perso la madre, ha affermato che per la maggior parte delle famiglie, specialmente quelle che hanno perso diversi membri a causa del Covid, “50.000 rupie non faranno nulla”.

Dalla seconda ondata, lui e sua sorella – che si erano ammalati di Covid mentre cercavano di salvare la madre – si sono ripresi dall’infezione. Ha detto che c’erano cicatrici ancora più profonde, così come la rabbia verso il governo che “non aveva fatto quasi nulla per prepararsi al Covid”, ma che “non c’era altra scelta che riprendersi dalla tragedia”.

“In India, le persone accettano il destino e dicono che è stato Dio a farlo, si consolano e vanno avanti”, ha aggiunto. “Abbiamo l’abitudine di sopportare le tragedie. Ma è il governo che deve fare uno sforzo”.