enero 26, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Ministro di Singapore sui vantaggi aziendali per le aziende e gli investitori

Dal risparmio sui costi all’aumento dell’accesso al mercato, ci saranno chiari vantaggi per le imprese di Singapore con l’entrata in vigore del più grande accordo commerciale del mondo, ha affermato martedì il ministro del Commercio della città statale.

Il partenariato economico globale regionale, o RCEP, è un mega accordo commerciale È firmato da 15 paesi, che insieme coprono circa un terzo della popolazione mondiale e costituiscono il 30% dell’economia globale. Include la Cina, ma esclude gli Stati Uniti ed è entrato in vigore il 1° gennaio.

RCEP è un accordo importante che migliorerà la cooperazione e l’integrazione commerciale all’interno della regione, ha dichiarato alla CNBC Jan Kim Young, ministro del Commercio e dell’Industria di Singapore.Squawk Box Asia. «

«Per le aziende, penso che possano aspettarsi molti vantaggi. Per cominciare, in termini di tariffe, le aziende possono godere Fino al 92% in termini di riduzione tariffaria«Ciò consentirà di risparmiare sui costi per le aziende, oltre a facilitare l’accesso ai mercati», ha affermato Gan.

L’accordo commerciale è stato firmato dai dieci Stati membri dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico e da cinque dei suoi maggiori partner commerciali: Cina, Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda. Questi paesi costituiscono un mercato di 2,2 miliardi di persone e 26,2 trilioni di dollari di produzione globale.

C’è molto lavoro da fare, non si tratta solo della firma e dell’entrata in vigore dell’accordo.

Gan Kim Young

Ministro del Commercio e dell’Industria di Singapore

Il ministro del Commercio ha affermato che l’accordo consentirà una maggiore trasparenza e faciliterà le esportazioni di servizi in settori quali i servizi professionali, i servizi informatici e aziendali, nonché la logistica e la distribuzione. Ha aggiunto che anche gli investitori possono beneficiare di una maggiore certezza sui propri investimenti.

READ  Cipro fa appello al Consiglio di sicurezza dell'ONU su Varosha; La Turchia sta sfidando

«RCEP è anche un segnale importante per il resto del mondo che gli Stati membri considerano l’integrazione e la cooperazione come un modo importante per continuare a sostenere la crescita economica nella regione, quindi credono in un sistema commerciale multilaterale basato su regole», ha affermato Gann.

Cosa significa RCEP per Singapore

Essendo una delle economie più dipendenti dal commercio al mondo, Singapore ha una serie di accordi commerciali multilaterali e bilaterali diversi dall’RCEP, come l’Accordo di libero scambio dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico.

La città-stato fa anche parte della Comprehensive and Progressive Trans-Pacific Partnership, un enorme patto commerciale di 11 nazioni che è stato formato nel 2018 dopo che gli Stati Uniti si sono ritirati dalla Trans-Pacific Partnership un anno fa.

Secondo Gan, gestire più piattaforme di trading con obiettivi leggermente diversi e giudizi diversi può presentare sfide per le aziende.

«Le aziende devono capire meglio l’accordo a cui si applicano e penso che [government agencies] Saranno lì per aiutare a spiegare cosa significano questi accordi per le aziende, per aiutarle a sfruttare i vantaggi di questi accordi».

Cosa significa per l’Asia?

L’RCEP apre la strada agli Stati membri per discutere i modi per rendere più resilienti le catene di approvvigionamento in Asia e nel Pacifico, ha affermato il ministro, aggiungendo che l’accordo semplifica i processi doganali e lo sdoganamento delle spedizioni, tra le altre disposizioni.

«Facilita notevolmente la logistica e la distribuzione, nonché la flessibilità della catena di approvvigionamento», ha affermato. «Per garantire che la catena di approvvigionamento rimanga resiliente, lo farà [have to] Basta sovrascrivere il documento in RCEP. Richiederà che i principali attori si uniscano per cercare soluzioni”.

Gru a cavalletto e container impilati al terminal Tanjung Pajar di Singapore domenica 7 novembre 2021.

Huying minerale | Bloomberg | Getty Images

Le catene di approvvigionamento globali sono state interrotte nel 2020 dalla pandemia di coronavirus, chiudendo le industrie in tutto il mondo. Nell’ultimo anno, con la graduale revoca dei blocchi in molte parti del mondo, ciò ha portato a un forte aumento della domanda.

Questo ha portato a Caos per produttori e distributori di merci che non erano in grado di produrre o fornire tanto quanto lo erano prima della pandemia. Una serie di ragioni hanno contribuito a ciò, come la mancanza di manodopera e la scarsità di ingredienti chiave e materie prime.

Con la nuova variante Covid Omicron che si sta rapidamente diffondendo in tutto il mondo, aumenta il rischio di ulteriori interruzioni delle catene di approvvigionamento se i paesi sono costretti a chiudere nuovamente. Tuttavia, gli studi hanno dimostrato che ricovero a Persone con Omicron Potrebbe essere inferiore rispetto alla variante delta più letale.