octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Mike Brown, l’astronomo che spinge il Pianeta Nove, è l’uomo che ha contribuito a ridurre l’ordine di Plutone

È una delle cose più eccitanti nell’intero campo dell’astronomia: la scoperta di un nuovo pianeta.

Ma l’impulso di riconoscere un particolare oggetto – un’orbita apparente molte volte più grande della Terra e che sembra orbitare per la lunghezza del sistema solare esterno – come un pianeta principale è complicato dalla storia di una singola Terra.

Il mondo che difende l’etichetta A il nuovo Planet Nine, l’astronomo del Caltech Mike Brown, è lo stesso pianeta che ha ottenuto Vecchio Il nono pianeta, Plutone, è stato omesso dalla lista che gli insegnanti insegnano e gli studenti tengono.

Molti degli astronomi di Brown non sono entusiasti.

Per essere chiari, la maggior parte degli scienziati con cui ha parlato The Daily Beast ha affermato di amare Brown, rispettare il suo lavoro e sostenere i suoi sforzi per aggiungere almeno un nuovo pianeta all’elenco esistente. Non sono d’accordo solo con ciò che ha fatto Plutone nel 2006. Fortemente.

“Si sbaglia su Plutone”, ha detto al Daily Beast lo scienziato planetario Alan Stern, investigatore principale della missione New Horizons della NASA, che ha inviato una sonda attraverso Plutone nel 2015.

Alan Stern, investigatore principale della missione New Horizons della NASA, che ha inviato una sonda oltre Plutone nel 2015, afferma che Brown ha “completamente torto” sul pianeta declassato.

NASA/Joel Kosky/Getty Images

Quindici anni fa, gli scienziati si sono in gran parte opposti alla rimozione di Plutone dalla lista e molto più tardi l’hanno ignorata. Ora stanno mettendo in discussione molte delle ipotesi che circondano la campagna di Brown per un nuovo nono membro del Planet Earth Club.

Dopotutto, per loro, non c’era niente di sbagliato nell’Antico Nono Pianeta. Il potenziale nuovo pianeta di Brown dovrebbe essere almeno il numero 10, se non 50 o 500. Cosa più importante, hanno avvertito che l’interferenza burocratica arbitraria con le definizioni scientifiche rischia di causare danni significativi.

La rissa con Plutone “ha davvero creato un divario tra scienziati e pubblico e invia l’orribile messaggio – specialmente in questo periodo – che la scienza viene fatta per ordine sulla base dell’autorità”, Mark Sykes, direttore del Planetary Science Institute in Arizona, ha detto al Daily Beast.

L’attuale controversia ha le sue radici in una scoperta 91 anni fa, quando gli astronomi dell’Osservatorio Lowell in Arizona hanno erroneamente intravisto per la prima volta l’oggetto che alla fine hanno chiamato Plutone. Era molto lontano (3 miliardi di miglia circa), molto piccolo (meno di un quinto del diametro della Terra) e coperto di oscurità.

Era considerato, indiscutibilmente a quel tempo, un pianeta. Dopotutto, era abbastanza rotondo e liscio, il che significa che aveva abbastanza gravità per modellarsi, molto lentamente nel corso di miliardi di anni. Ha ovviamente una geologia complessa. Ciò corrisponde alla definizione di “pianeta” che il matematico italiano Galileo Galilei ha ideato quasi 500 anni fa e su cui quasi tutti gli astronomi erano d’accordo nel 1930, e su cui concordano ancora oggi.

Con la scoperta di Plutone, il sistema solare aveva ufficialmente nove pianeti: i pianeti interni abbastanza piccoli Mercurio, Venere, Terra e Marte, e dall’altra parte della fascia degli asteroidi, i pianeti esterni più grandi Giove, Saturno, Urano e Nettuno.

Tardivo e distante, Plutone si nasconde nell’oscurità della fascia di Kuiper, un anello di comete, asteroidi e ghiaccio così vasto e così lontano dal Sole da rimanere per lo più un mistero.

Plutone è stato ripreso in un composto di quattro immagini prese dal New Horizons Long Range Reconnaissance Imager nel luglio 2015.

Reuters

La formazione è rimasta la stessa per i successivi 76 anni. Poi, nel 2005, Brown e il suo team hanno scoperto un altro oggetto nella fascia di Kuiper, molto più grande di Plutone. Questo oggetto, che è diventato noto come “Eris”, è stato inizialmente descritto dalla NASA come il decimo pianeta del sistema solare.

“Dopo aver scoperto Eris e aver realizzato che Eris è più grande di Plutone, devi fare qualcosa”, Brown Raccontare BBC a luglio. Ha giustamente messo in dubbio l’esistenza di più oggetti simili a pianeti nella fascia di Kuiper e ha fatto appello all’Unione Astronomica Internazionale con sede a Parigi, la principale associazione di astronomi e altri scienziati planetari, per riconsiderare la definizione di “pianeta” al fine di prevenire il elenco accettato dall’aumento di decine o più—Brown ampliato su Quel tempo descritto “sciocco.”

Nell’agosto 2006, un piccolo gruppo all’interno dell’Unione Astronomica Internazionale ha sorpreso il resto dell’IAU e il mondo in generale quando hanno votato alla fine di una conferenza di una settimana a Praga su una dichiarazione frettolosamente redatta che rifiutava lo status di Plutone come pianeta completo .

Howl Rank e profilo scientifico. La nuova definizione di ‘pianeta’ adottata dall’Unione Astronomica Internazionale, tutto per togliere Plutone dalla lista e mantenere Eris, chiedi che un oggetto rotondo ruoti intorno al nostro sole e Inoltre Ha usato la sua gravità per liberare lo spazio intorno a lui da asteroidi e altri piccoli oggetti.

Era, nella mente di molti astronomi, strana definizione. In primo luogo, ha escluso la Terra durante i suoi primi eoni caotici. È anche la più lontana dalle migliaia di stelle orbitanti confermate di “esopianeti” oltre alla nostra. (Catherine Cesarsky, che divenne presidente dell’IAU pochi giorni dopo che Plutone fu cancellato e trascorse anni difendere la decisione, non ha risposto a una richiesta di commento.)

Stern ha affermato che l’IAU vuole mantenere breve l’elenco ufficiale dei pianeti nel nostro sistema solare in modo che gli insegnanti non abbiano problemi a insegnare l’elenco e che sarà più facile da memorizzare per gli studenti, un motivo che considera “fortemente discutibile”.

“Abbiamo otto stati negli Stati Uniti, quindi gli scolari non devono memorizzare tutti i 50 stati?” Chiesto. “Limitiamo il numero di specie?”

Come risultato del rapido voto, Plutone è diventato un pianeta invece di un pianeta, come ha fatto Eris. E i brontolii nella più ampia comunità scientifica continuano ancora oggi.

“Penso che il declassamento di Plutone da parte dell’Unione Astronomica Internazionale sia stato discutibile”, ha detto al Daily Beast Steve Maran, un ex astrofisico della NASA.

Ma Brown ha accettato la mossa. “Plutone non sarebbe stato chiamato un pianeta se fosse stato scoperto oggi”, ha detto nel 2010 mentre promuoveva il suo libro. Come hai ucciso Plutone e perché è successo?.

La nuova definizione di “pianeta” ha dato a Brown la libertà di valutare oggetti distanti come Eris senza dover discutere sul loro pianeta.

“Penso che Plutone come esempio di un grande corpo nella fascia di Kuiper sia più interessante di Plutone come un pianeta molto strano sul bordo esterno del sistema solare, diverso da qualsiasi altra cosa”, Brown Dillo a Space.com nel 2010.

Brown ha recentemente dichiarato al Daily Beast di non aver cambiato idea su Plutone. Ha insistito che la rabbia si fosse placata. “Alcune voci continuano a dichiarare che Plutone dovrebbe rimanere un pianeta, ma la maggior parte degli altri è andata avanti”, ha detto.

Brown si è decisamente trasferito altrove Qualcosa Orbita lungo la fascia di Kuiper che si ritiene sia più meritevole di uno status planetario rispetto a Plutone.

Lavorando al fianco del collega astronomo del Caltech Konstantin Batygin, Brown ha seguito gli asteroidi e altri residenti del bordo oscuro esterno del nostro sistema solare. Lui e Batygin notarono che alcuni di loro sembravano radunarsi intorno a un punto particolare nello spazio a 100 miliardi di miglia dalla Terra.

Non c’è un pianeta visibile – potrebbe essere troppo lontano e troppo scuro – ma il raggruppamento di oggetti più piccoli e luminosi potrebbe indicare la gravità di un pianeta invisibile. “Ci sono prove interessanti per questo”, ha detto Batygin a The Daily Beast. “Ma la ricerca non finirà finché non avremo una foto a portata di mano”.

L’astronomo del Caltech Mike Brown informa i media sulla possibilità del Pianeta Nove.

AFP via Getty

Se Brown e Batygin possono finalmente dare un’occhiata più da vicino a tutto ciò che potrebbe essere là fuori – forse usando il James Webb Space Telescope che sarà presto lanciato – è probabile che saranno in grado di discutere l’Unione Astronomica Internazionale e altri astronomi autorità per ammettere un nuovo rifiuto 9. Brown e Batygin Sintesi del sondaggio iniziale È stato accettato per la pubblicazione in astronomico rivista.

Brown si è detto fiducioso che la scoperta sarebbe un pianeta indiscusso. “Sarà sei volte più massiccio della Terra e il quinto pianeta più grande del nostro sistema solare”, ha spiegato.

Molti scienziati concordano con Brown sul fatto che la sua scoperta potrebbe essere un pianeta, anche secondo la nuova rigida definizione dell’IAU. La loro lamentela è che molto Qualcosa nella fascia di Kuiper richiede anche un nome, proprio come Plutone.

Gli astronomi non hanno davvero accettato la ridefinizione di “pianeta” della IAU del 2006. Philip Metzger, il fisico dell’Università della Florida centrale che ha esaminato la letteratura scientifica per anni dopo che Plutone è stato cancellato dalla lista, ha scoperto che quasi tutti gli scienziati hanno semplicemente scelto di ignorare la dichiarazione dell’IAU.

Ma il cambiamento è già stato registrato presso il grande pubblico. Gli autori di libri di testo e le scuole in particolare hanno preso spunto dall’IAU e hanno eliminato Plutone dai loro testi e lezioni sulla formazione del sistema solare.

Mentre Brown sembrava sperare che la rimozione di Plutone dalla lista lo avrebbe liberato per esplorare la complessità del sistema solare, ironicamente ha avuto l’effetto di semplificare. Concetto pubblico di spazio. Questa attenzione ristretta è arrivata in un momento in cui nuove scoperte, che si accumulano ogni mese e anno, stanno comparendo sempre di più uno sconosciuto e l’universo è occupato.

“Grazie all’Unione Astronomica Internazionale, il pubblico è isolato dall’eccitazione del caos esterno!” ha detto Sykes. “Sistema solare schifoso di pianeti!”

La spinta di Brown a creare un nuovo nono pianeta sottolinea questo fatto. La percezione semplicistica dello spazio che ha spinto il declassamento di Plutone è un po’ una fantasia forzata e, a molti scienziati, sembra poco plausibile giorno dopo giorno.

READ  L'elicottero della NASA per Marte sopravvive all'anomalia in volo