septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

“Mi sbagliavo”: infermiere arrabbiate raccontano il rimorso dei pazienti non vaccinati sul letto di morte

La stragrande maggioranza dei pazienti critici COVID-19 al Beilinson Medical Center di Petah Tikva non è vaccinata. Per gli infermieri Meri Shim-Ad e Mason Replica, è doloroso assistere alla tragedia spesso evitabile mentre i pazienti avvizziscono sotto il virus.

Le due infermiere hanno parlato a Canale 12 nelle interviste trasmesse sabato, raccontando i rimpianti di chi ha scelto di non farsi vaccinare e le proprie frustrazioni nel trattare con una popolazione che sembra rifiutarsi di prendere sul serio la pandemia in corso.

“Non so se le persone sappiano che aspetto ha una persona quando è come un pesce fuor d’acqua. Nel tentativo di descrivere la sofferenza dei pazienti affetti da coronavirus grave, i loro occhi si gonfiano dalle orbite mentre cercano di ottenere più ossigeno. , ma l’ossigeno non entra,” disse Shim-Ad.

“Perdo una media di due pazienti a turno… si svegliano per andare in bagno sentendosi pronti per tornare a casa e improvvisamente i loro polmoni stanno collassando e non hanno aria”, ha detto.

La maggior parte di loro non è vaccinata.

“Ho molta frustrazione perché so per certo che se fossero stati vaccinati non sarebbero arrivati ​​a un tale stato”, ha detto un imitatore, parlando delle sue interazioni con un paziente non vaccinato che ora soffre di insufficienza d’organo.

L’infermiera Mason è un imitatore del Petah Tikva Beilinson Medical Center (Screencapture/Channel 12)

“Prego per lui, continuiamo a dargli tutto ciò che abbiamo, ma ora c’è un modo per impedirlo. Mi fa male che le persone non ne approfittino”, ha detto.

READ  SpaceX lancia la sua prima missione privata con equipaggio nello spazio

È un’opinione condivisa da Shim-Ad, che ha affermato che la loro frustrazione non influisce sul trattamento che ricevono le persone non vaccinate.

“Ogni volta che vedo una donna della mia età che ha bisogno di ossigeno, il mio cuore è con lei, indipendentemente dal vaccino”, ha detto.

Ha raccontato come un altro paziente la pregò di non lasciarlo solo mentre si avvicinava la fine.

Abbiamo faticato a salvarlo per qualche giorno, ma alla fine si è reso conto che il suo tempo era scaduto. Mi afferrò e mi tirò vicino e disse: Non lasciarmi solo.

“Per molto tempo”, ha detto, “gli ho accarezzato la fronte e ho detto più e più volte: ‘Non sei solo, io sono con te, va tutto bene.’” “L’ho ripetuto finché non ha chiuso gli occhi. “

Infermiera Meri Shim-Ad del Petah Tikva Beilinson Medical Center (schermata/Canale 12)

Dopo un periodo in cui i nuovi casi giornalieri sono scesi meno del doppio a una sola cifra, Israele ha affrontato una ripresa delle infezioni da giugno che ha visto i tassi di infezione salire ai livelli più alti da mesi.

Secondo gli ultimi dati del ministero della Salute, da venerdì sera sono ricoverate 984 persone contagiate dal virus Corona, di cui 597 in gravi condizioni e 96 in ventilazione.

Il ministero ha segnalato 4.876 casi confermati venerdì dalla mezzanotte, con casi attivi a 63.559. Ci sono state 978.212 infezioni verificate e 6.759 decessi per COVID nel paese dall’inizio della pandemia.

Il tasso di test positivo di venerdì è stato del 5,43 percento.

Le cifre hanno anche mostrato che 5.885.726 persone in Israele hanno ricevuto almeno una dose del vaccino e 5.438.868 hanno ricevuto due iniezioni. 1.322.827 israeliani hanno ricevuto una dose di richiamo.

READ  Uno studio ha scoperto che i dinosauri stavano già lottando prima che un asteroide colpisse, destinato all'estinzione

Le infermiere hanno affermato che molte persone gravemente malate non sono state vaccinate e spesso esprimono profondo rammarico.

“Una donna è venuta da noi dopo il parto. Lei e suo marito non erano vaccinati. Ha detto che si sentiva come se l’avessimo presa. [by anti-vaxxers]. abbiamo avuto. “Hanno guardato tutti questi video e pensavano davvero di fare la cosa giusta”, ha detto Shim-Ad.

Gli infermieri monitorano i pazienti nel reparto di coronavirus presso il Beilinson Medical Center di Petah Tikva (schermata/Canale 12)

“Vediamo una grande differenza tra i vaccinati e i non vaccinati. Proprio questa mattina un uomo di 49 anni, lucido, indipendente, che lavora; sposato e padre di due figli. Un uomo sano e forte – ha preso la sua decisione personale di non vaccinare e oggi il suo corpo lo ha tradito”, ha detto copycat.

“Non riesce più a respirare. Non può più parlare con noi. Due minuti prima che gli venisse messo il ventilatore, abbiamo fatto una breve chiacchierata per ottenere la sua approvazione. Ha detto che ho sbagliato. Lo capisce, ma io” Ho paura che sia troppo tardi.”

Crisi climatica e giornalismo responsabile

In qualità di corrispondente ambientale per The Times of Israel, cerco di trasmettere i fatti e la scienza alla base del cambiamento climatico e del degrado ambientale, di spiegare – e criticare – le politiche ufficiali che influenzano il nostro futuro e di descrivere le tecnologie israeliane che possono far parte della soluzione .

Sono appassionato del mondo naturale e sono scoraggiato dalla triste mancanza di consapevolezza delle questioni ambientali che mostra la maggior parte del pubblico e dei politici in Israele.

READ  Guarda il paracadute ExoMars diffuso da 18 miglia in su

Sono orgoglioso di fare la mia parte per informare adeguatamente i lettori di Times of Israel su questo argomento vitale, che può influenzare il cambiamento delle politiche e che può effettivamente accadere.

Il tuo supporto attraverso l’adesione a La comunità di Times of IsraelPossiamo continuare il nostro importante lavoro. Vuoi entrare a far parte della nostra community oggi?

Grazie,

Sue Surkisgiornalista ambientale

Unisciti alla community di Times of Israel

Unisciti alla nostra community

sei già un membro? Accedi per non vederlo più

sei serio lo apprezziamo!

Ecco perché veniamo a lavorare ogni giorno – per fornire ai lettori più esigenti come te una copertura imperdibile di Israele e del mondo ebraico.

Finora abbiamo una richiesta. A differenza di altre testate giornalistiche, non abbiamo messo in atto un paywall. Ma poiché il giornalismo che facciamo è costoso, invitiamo i lettori che The Times of Israel è diventato importante per aiutare a sostenere il nostro lavoro unendosi La comunità di Times of Israel.

Per soli $ 6 al mese, puoi aiutare a sostenere il nostro giornalismo di qualità mentre ti godi The Times of Israel Annunci gratuiti, così come l’accesso a contenuti esclusivi disponibili solo per i membri della comunità di Times of Israel.

Unisciti alla nostra community

Unisciti alla nostra community

sei già un membro? Accedi per non vederlo più