octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Mentre il presidente tunisino consolida il governo individuale, cresce l’opposizione

Il Cairo – negli ultimi due mesi, Il presidente tunisino Kais Saied Ha ottenuto un ampio sostegno popolare per picchi di potere sempre crescenti, culminati in una recente dichiarazione che avrebbe governato il paese principalmente per decreto. Ma ora sta cominciando ad affrontare una crescente opposizione, che si aggiunge all’incertezza sulla più grave crisi politica della Tunisia negli ultimi dieci anni, mentre la sua economia è diretta al collasso.

Le critiche sono arrivate sia da forti oppositori che da ex alleati, dai partiti politici e dai media, e anche da alcuni degli stessi sostenitori che hanno applaudito nelle strade quando Said ha congelato il parlamento, ha licenziato il primo ministro e ha preso il potere il 25 luglio. Domenica, almeno 2.000 manifestanti nella capitale, Tunisi, hanno invitato il signor Said a porre fine a quello che hanno definito un “golpe”, la prima grande manifestazione contro le sue azioni in due mesi.

Una dichiarazione congiunta di quattro partiti politici, tra cui uno che in precedenza era vicino al presidente, ha affermato che Said si sta muovendo verso la dittatura e lo ha invitato a porre fine alle sue “misure straordinarie” che aveva promesso erano temporanee.

“Riteniamo che il presidente abbia perso la sua legittimità violando la costituzione”, ha detto venerdì in una dichiarazione il potente sindacato generale del paese, UGTT, avvertendo Saeed di non concentrare troppo potere nelle sue mani senza dialogo.

Mr. Said ha lanciato la democrazia del paese nordafricano, l’unico paese che ne è uscito Proteste della primavera araba colui il quale È iniziato in Tunisia E spazzato l’area un decennio fa, per dubbio sempre più profondo.

READ  Singapore afferma che l'Associazione delle nazioni del sud-est asiatico non è efficace come spera in Myanmar

A luglio ha detto che le sue azioni erano risposte temporanee Per le emergenze economiche e sanitarie in Tunisia. Ma da allora il presidente ha rafforzato la sua presa sul potere, ignorando le pressioni internazionali e interne per ripristinare il parlamento.

Mercoledì, l’ufficio del signor Said ha annunciato che avrebbe istituito un sistema in base al quale il paese sarebbe stato principalmente governato per decreto, aggirando la costituzione. Ha detto che assumerà il potere di emanare “testi legislativi” per decreto e scegliere il governo, anche se la costituzione rende il parlamento responsabile dell’emanazione delle leggi e autorizza il primo ministro a nominare il governo.

Per quanto riguarda la costituzione, che i tunisini hanno adottato nel 2014 dopo anni di minuziose consultazioni e negoziati, la dichiarazione ha semplicemente affermato che tutte le disposizioni costituzionali in conflitto con i nuovi poteri di Said non sono più in vigore. Rimangono solo il preambolo del documento ei primi due capitoli che trattano dei principi guida, dei diritti e delle libertà della Tunisia.

L’ufficio del signor Said ha detto che sarebbe stato responsabile della stesura delle riforme politiche e degli emendamenti costituzionali con l’aiuto di un comitato che avrebbe nominato.

Questa clausola in particolare ha suscitato la preoccupazione dell’Unione generale del lavoro tunisino, che faceva parte di un quartetto di gruppi che erano Ha ricevuto il premio Nobel per la pace 2015 Per aver guidato un dibattito nazionale che ha aiutato la neonata democrazia tunisina a sopravvivere Crisi politica nel 2013.

La dichiarazione del sindacato, venerdì, recitava: “La modifica della costituzione e della legge elettorale è una questione che riguarda tutte le componenti della società”. Ha invitato il signor Saeed a impegnarsi in colloqui piuttosto che monopolizzare il potere di cambiare la costituzione.

READ  David Roche spiega perché possedere titoli tecnologici cinesi è "troppo rischioso"

“Non c’è soluzione all’attuale crisi ma consultazione, partenariato e dialogo sulla base dei principi nazionali e della sovranità e del servizio della Tunisia”, ha aggiunto il sindacato.

L’annuncio dell’ufficio del presidente mercoledì ha detto che i legislatori perderanno i loro stipendi e benefici, nonché la loro immunità dall’azione penale, che il signor Saeed ha già revocato. Le autorità tunisine hanno arrestato cinque deputati negli ultimi due mesi, inclusi critici del presidente, anche se uno di loro, Yassin Ayari, è stato rilasciato la scorsa settimana.

Altri obiettivi includevano uomini d’affari e giudici, alcuni dei quali sono stati sottoposti a arresti domiciliari, divieti di viaggio e congelamento dei beni.

In un primo momento, molti tunisini erano entusiasti di apprendere delle misure straordinarie adottate dal sig. Said. Ripongono le loro speranze nel salvare la Tunisia economia affondataDopo aver riformato la politica caotica del paese e aver affrontato la corruzione endemica su un presidente che considerano incorruttibile, hanno respinto gli avvertimenti degli avversari politici di Said e dei suoi critici che le sue azioni minano la dittatura.

Ma il signor Saeed non è riuscito a tracciare una tabella di marcia tanto attesa per cambiare il corso del paese e ha sollevato l’allarme rifiutandosi di impegnarsi con gruppi civici o altri politici per determinare una via da seguire.

Dopo due mesi senza risultati, il risentimento – o almeno l’impazienza – per le azioni del signor Said ha cominciato a marcire. Un piccolo raduno di manifestanti è uscito per manifestare contro di lui all’inizio di questo mese. Migliaia di altri hanno manifestato domenica a Tunisi.

“L’imperatore Qais, il primo della sua linea”, ha scritto su Facebook la giornalista tunisina Sarah Gerira poco dopo l’annuncio che il signor Qais avrebbe assunto maggiori poteri.

READ  Il presidente russo Vladimir Putin parla di energia e geopolitica

Ma la vera prova della popolarità di Said sarà se riuscirà ad affrontare la miseria economica che ha gettato la Tunisia nello scompiglio in primo luogo. Con un alto tasso di disoccupazione, un peggioramento del tenore di vita e una povertà diffusa che spingono ogni anno migliaia di tunisini a rischiare di emigrare attraverso il Mediterraneo verso l’Europa, il Paese non ha chiare prospettive di miglioramento.

Il signor Said ha interrotto i negoziati con il Fondo monetario internazionale sul salvataggio senza spiegare i suoi piani economici, sebbene abbia guadagnato popolarità tra alcuni tunisini con proposte per costringere ricchi uomini d’affari accusati di corruzione a finanziare progetti di sviluppo nelle aree povere.

“Il muro verso il quale Qais si sta precipitando e su cui potrebbe schizzare è l’economia”, ha affermato Monica Marks, professoressa di politica mediorientale alla New York University Abu Dhabi che studia la Tunisia. “Le aspettative sono molto alte e ha qualcosa a che fare con questo”, ha aggiunto.

“Inevitabilmente, ci sarà un enorme divario tra le aspettative populiste, che sono più alte che mai, e la realtà di ciò che Kais può effettivamente offrire”.

Massinissa Ben Lakhil ha contribuito alla copertura da Tunisi.