octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Mentre i conducenti vagano per le strade, “Come Parigi in disordine”

Parigi – Nel pomeriggio, Rivoli Street era così: i ciclisti attraversano i semafori rossi in due direzioni. I ciclisti delle consegne si concentrano sui loro telefoni cellulari. Gli scooter elettrici vibrano lungo le corsie. Pedoni e pedoni tesi stanno scattando come se fossero in un videogioco.

Sarah Family, una ventenne residente nel Marais, si è preparata per il tumulto. Ha guardato a sinistra, poi a destra, poi a sinistra e ancora a destra prima di avventurarsi in un sentiero, solo per irrompere nello sprint frenetico quando due ciclisti sono arrivati ​​a pochi centimetri dal suo pascolo.

“È un casino!” gridò la signora Famry, agitando i pugni davanti a uno sciame di biciclette che aveva invaso le auto di Rue de Rivoli da quando era stata riconfigurata a più corsie Autostrada per ciclisti l’anno scorso. “I politici vogliono fare di Parigi una città ciclistica, ma nessuno segue nessuna regola”, ha detto. “Il solo fatto di attraversare la strada diventa troppo rischioso!”

Il caos infuria in Rue de Rivoli – un’importante arteria stradale che va dalla Bastiglia, attraverso il Louvre a Place de la Concorde – per le strade di Parigi mentre le autorità perseguono l’ambizioso obiettivo di rendere la città la capitale europea del ciclismo entro il 2024.

Il sindaco Ann Hidalgo, di campagna elettorale Per la presidenza francese, stava affinando le sue credenziali come candidata socialista rispettosa dell’ambiente. Ha conquistato fan e nemici allo stesso modo attraverso un programma audace per trasformare la Grande Parigi in un leader mondiale Città ecosostenibileE la bonifica di vaste aree della città dalle auto ai parchi, ai pedoni e Stile Copenaghen Rivoluzione della bicicletta.

Ha reso le autostrade lungo la Senna senza auto e l’anno scorso, durante i blocchi del coronavirus, ha supervisionato la costruzione di oltre 100 miglia di nuove piste ciclabili. Ha intenzione di limitare le auto Nel 2022 nel cuore della città, lungo metà della Rive Droite e attraverso Boulevard Saint-Germain.

Ma con il successo arrivarono i maggiori dolori della crescita.

“È come se Parigi fosse in disordine”, ha detto Jean-Conrad Le Maitre, un ex banchiere che di recente passeggiava lungo Rue Rivoli. “Dobbiamo ridurre l’inquinamento e migliorare l’ambiente”, ha affermato. “Ma ognuno fa quello che vuole. Non ci sono polizia, nessuna multa, nessun addestramento, nessun rispetto”.

Al municipio, i responsabili della trasformazione hanno riconosciuto la necessità di soluzioni alle tensioni latenti, e agli incidenti e persino alle morti che sono risultate da tutti per le strade. La rabbia per l’uso sconsiderato di una bicicletta elettrica, in particolare, è scoppiata dopo che una donna di 31 anni è stata uccisa quest’estate in un incidente traumatico lungo la Senna.

“Siamo nel bel mezzo di una nuova era in cui biciclette e pedoni sono al centro della politica contro il cambiamento climatico”, David BilliardVicesindaco di Parigi per i trasporti e responsabile della trasformazione. “Ma è solo di recente che le persone hanno iniziato a usare le biciclette in massa e ci vorrà del tempo per adattarsi”.

Il signor Belliard spera che i parigini saranno persuasi a rispettare le leggi, in parte aggiungendo più polizia alla multa di 135 euro ($ 158) per i ciclisti in rivolta e educando gli scolari sulla sicurezza della bicicletta. Gli scooter elettrici sono stati limitati a 10 chilometri all’ora (poco più di 6 miglia all’ora) nelle aree congestionate e potrebbero essere vietati entro la fine del 2022 se l’uso pericoloso non si interrompe.

La città sta anche pianificando colloqui con società di consegna come Uber Eats, le cui società di consegna sono pagate per consegna e sono tra i maggiori trasgressori quando si tratta di violare le regole del traffico. “Il loro modello economico è parte del problema”, ha affermato Billard.

Forse la sfida più grande, però, è che Parigi non ha una cultura ciclistica consolidata.

READ  Ahi: volo extra lungo della British Airways per Hong Kong

Un radicato senso di “libertà” francese è evidente nelle strade in ogni momento, con parigini giovani e meno giovani che passano quasi in ogni occasione. Sembra che abbiano portato quello spirito libero sulle loro bici.

“In Danimarca, che ha una cultura ciclistica vecchia di decenni, la mentalità è: ‘Non andare se il semaforo è rosso'”, ha detto Christine Melchoir, una danese che vive a Parigi da 30 anni e va in bicicletta ogni giorno. per i parigini, la mentalità è: “Fallo!”

Gli urbanisti affermano che una migliore infrastruttura ciclabile può aiutare a domare i cattivi comportamenti.

Copenhagen – il modello a cui Parigi aspira – ha un efficiente layout di piste ciclabili che consente a biciclette, pedoni e auto di coesistere all’interno di una gerarchia spaziale. Ai cittadini viene insegnato fin da piccoli a seguire le regole della strada.

A Parigi, parti della rete ciclabile cittadina di 1.000 chilometri (circa 620 miglia) possono indirizzare i ciclisti in interazioni pericolose con auto, pedoni e altri ciclisti. Nella Bastiglia, un’ex grande rotatoria parzialmente riservata alle auto, le piste ciclabili si intrecciano nel traffico. I ciclisti che rispettano la segnaletica possono impiegare fino a quattro minuti per attraversare.

Mikael Colville Andersen, un designer urbano con sede a Copenaghen che consiglia le città sull’integrazione delle biciclette nel trasporto urbano.

“Ma le infrastrutture sono come gli spaghetti”, ha detto. “È caotico, non si connette e non c’è una rete coerente. Se riesco a farlo bene, eliminerò molta confusione”.

Il signor Belliard, vicesindaco, ha affermato che Parigi svelerà presto uno schema per migliorare le infrastrutture. Ma al momento i disordini continuano. Un pomeriggio recente, otto ciclisti insieme hanno acceso un semaforo rosso su Boulevard de Sebastopol, un’importante arteria nord-sud. I pedoni prudenti si sono ridotti fino a quando qualcuno ha osato provare ad attraversare, causando un accumulo ravvicinato.

Tornati in Rue de Rivoli, i ciclisti sterzano per evitare i pedoni che giocano a polli con le biciclette in arrivo. “Noto!” Un ciclista in giacca di sicurezza rossa e occhiali ha urlato a tre donne che attraversavano davanti a un semaforo rosso, quasi schiantandosi sotto la pioggia.

READ  La tempesta tropicale Fred approda nella Repubblica Dominicana e potrebbe colpire la Florida alla fine di questa settimana

I ciclisti affermano che Parigi non ha fatto abbastanza per rendere la bicicletta sicura. Gli incidenti in bicicletta sono aumentati del 35% l’anno scorso, rispetto al 2019. Paris en Selle, un’organizzazione ciclistica, ha organizzato proteste per la sicurezza stradale dopo che diversi ciclisti sono stati uccisi in uno scontro con automobilisti, tra cui, più recentemente, un bambino di 6 anni. Un bambino di due anni sta viaggiando con la sua auto. Il padre che è stato ucciso vicino al Louvre quando un camion si è ribaltato dentro di loro.

Un piccolo ma crescente numero di ciclisti afferma di essere troppo nervoso per continuare a pedalare.

“Temo di avere una cotta”, ha detto Paul Michael Kasabel, 44 anni, supervisore alla Maison de Danmark, un istituto culturale danese.

In una domenica recente, Ingrid Goratowicz ha dovuto parlare in sicurezza con sua figlia Saskia attraverso le piste ciclabili vicino alla stazione della metropolitana di St Paul mentre trasportava le sue due giovani figlie a distanza di sicurezza dalla strada.

“Fai attenzione, ci sono biciclette che arrivano da sinistra e da destra”, ha detto la signora Goratowicz, che vive a Parigi da 14 anni. È sempre più riluttante a permettere ai suoi figli di andare a scuola a piedi per paura dei cavalieri spericolati. “Ce n’è un altro in arrivo. Bene, ora puoi andare!”

“Da un punto di vista ambientale, non vogliamo vedere la città tornare alle auto”, ha detto Juratowicz. “Ma non è sicuro. È come se biciclette e pedoni non sapessero come andare d’accordo”.

Non sono le bici, sono i ciclisti”, ha detto Saskia, 12 anni. “Pensano che le regole valgano per tutti tranne che per loro”.