agosto 3, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’uscita dell’Australia dalla pandemia di Covid-19 ti farà urlare di rabbia o di gioia?

Come il professor Stuart Torville, virologo del Kirby Institute, ABC ha detto, la variante delta è più contagiosa e non quasi fatale.

“Guardando al follow-up di 28 giorni dopo l’infezione, il tasso di mortalità per le varianti originali era dell’1,9% di mortalità”, ha affermato. “Finora, la variante delta mostra un tasso di mortalità dello 0,3 percento”.

Nel tempo, c’è più spazio per la fiducia. Peter Collignon, medico e professore di microbiologia all’Australian National University, con cui parlo molto della pandemia, questa settimana mi ha ricordato che l’Australia sta meglio ora rispetto a un anno fa perché, sebbene il lancio del vaccino sia stato lento, più di Ne sono già stati dati 7. Milioni di visite.

Ha notato che le persone con i tassi di vaccinazione più alti erano più a rischio: gli australiani di età superiore ai 70 anni.

Nei prossimi tre mesi, se più forniture di vaccini arriveranno in Australia come previsto, la probabilità di morte e ospedalizzazione continuerà a diminuire poiché più persone saranno protette dai vaccini. E poi, come ha annunciato oggi il presidente del Consiglio, a tutti verrà offerto un vaccino, e la vita comincerà a tornare a qualcosa di “normale”. Potremmo ancora dover fare un test Covid prima di viaggiare all’estero, ma almeno lo faremo.

È tutto troppo lento? Si. Questo è esasperante? Certo, e di più se stai attento. Persone come il signor Collignon e il signor Holden, ad esempio, hanno avvertito per mesi che questo inverno sarà negativo se il lancio del vaccino non sarà veloce. E avevano ragione.

Ma allo stesso tempo, finalmente, c’è un punto finale incombente: Horizon, come l’hanno chiamato i funzionari del governo. E per sigillare quella rabbia con desiderio e speranza.

READ  L'Iran afferma che gli Stati Uniti devono garantire che non si ritirino nuovamente dall'accordo nucleare