agosto 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Unione Europea vuole il quadro per un regime di sanzioni libanese entro la fine di luglio

PARIGI (Reuters) – L’Unione europea ha dichiarato lunedì di voler concordare entro la fine di luglio il quadro giuridico per un regime di sanzioni nei confronti dei leader libanesi, ma ha avvertito che la misura non sarà attuata immediatamente.

L’Unione europea, guidata dalla Francia, sta cercando di aumentare la pressione sui politici libanesi in conflitto dopo 11 mesi di crisi che hanno lasciato il Libano di fronte al collasso finanziario, all’iperinflazione, alle interruzioni di corrente e alla carenza di carburante e cibo.

La mossa fa parte di un più ampio sforzo internazionale per forzare un governo stabile in grado di attuare riforme cruciali in quasi un anno di caos politico e collasso economico sulla scia di un’esplosione che ha devastato il porto di Beirut.

“Posso dire che l’obiettivo è completarlo entro la fine del mese. Non sto parlando di implementare il sistema, ma solo di costruire il sistema su una solida base giuridica”, ha detto Josep Borrell, capo della politica estera dell’Unione europea. giornalisti. a Bruxelles.

Quasi un anno dopo l’esplosione del 4 agosto, che ha ucciso più di 200 persone, ferito migliaia e devastato vaste aree della capitale, il Libano è ancora a capo di un governo di transizione.

“Il Libano è in una situazione autodistruttiva da diversi mesi”, ha detto ai giornalisti a Bruxelles il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian. “Ora c’è una grande emergenza per i residenti in difficoltà”.

L’UE deve prima mettere in atto un regime di sanzioni che possa poi assoggettare le persone a divieti di viaggio e congelamento dei beni, sebbene possa anche decidere di non designare nessuno immediatamente.

READ  Bennett per annunciare la sua adesione all'opposizione per formare un nuovo governo israeliano per estromettere Netanyahu

Le Drian ha affermato che ora c’è consenso tra le 27 nazioni del blocco su un sistema.

Secondo una nota diplomatica vista da Reuters, i criteri delle sanzioni dell’UE come i divieti di viaggio e il congelamento dei beni per i politici libanesi potrebbero includere corruzione, ostruzione agli sforzi di formazione del governo, irregolarità finanziarie e violazioni dei diritti umani. Leggi di più

(Segnalazione di Richard Love e John Irish); Scritto da Michelle Rose e John Irish; Montaggio di Hugh Lawson e Margarita Choi

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.