octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’ospedale riferisce che l’effetto raggelante del COVID-19 grave è più comune di quanto si pensasse

pazienti con COVID-19 Secondo una ricerca emergente, è molto probabile che le persone ricoverate nell’unità di terapia intensiva sperimentino un delirio insolitamente persistente.

Delirio è un termine medico usato per descrivere il pensiero confuso e la diminuzione della consapevolezza dell’ambiente circostante – uno stato mentale non comune per i pazienti ospedalizzati.

A quanto pare, i casi gravi di COVID-19 sono sufficienti per innescare qualcosa di simile. In effetti, le indagini preliminari hanno indicato che si è verificato il delirio Fino all’80% di pazienti in terapia intensiva con COVID-19, probabilmente a causa della perdita di ossigeno nel cervello o di un’infiammazione diffusa.

Ora, una nuova analisi di pazienti critici con COVID-19 in un ospedale del Michigan ha trovato più prove che il delirio è un sintomo molto comune della malattia, che può rallentare il recupero di un paziente se non trattato.

Utilizzando le cartelle cliniche e i sondaggi sulle dimissioni di 148 pazienti esaminati nell’unità di terapia intensiva tra marzo e maggio 2020, i ricercatori hanno scoperto che oltre il 70% del gruppo aveva sperimentato un disturbo prolungato delle proprie capacità mentali.

Nella maggior parte dei casi, il delirio dura diversi giorni. Ma quasi un terzo dei partecipanti ha lasciato l’ospedale senza mostrare di essersi completamente ripreso dal delirio.

Di coloro che sono stati dimessi dall’ospedale con segni di deterioramento cognitivo, quasi la metà ha avuto bisogno di cure infermieristiche qualificate per ottenere assistenza domiciliare. La loro costante confusione ha ridotto la loro capacità di prendersi cura di se stessi, secondo i sondaggi telefonici di follow-up condotti tra il primo e il secondo mese della dimissione dall’ospedale.

READ  Un tubo di dinosauro fossilizzato rivela un tesoro di 230 milioni di anni

“Questi risultati sono coerenti con i dati precedenti che dimostrano una maggiore incidenza di delirio nei pazienti critici con COVID-19”, hanno affermato gli autori. dedurre.

Inoltre, la durata media del delirio (10 giorni) è relativamente lunga rispetto ad altre popolazioni in condizioni critiche.

Non è ancora chiaro se queste gravi disabilità siano causate da SARS-CoV-2 virus stesso, che sembra causare un numero insolito di sintomi neurologici che possono durare per sei mesi o più, o se è un segno di una malattia grave su scala più ampia.

In generale, il deterioramento cognitivo si riscontra in circa il 20% dei pazienti nelle strutture di assistenza per acuti, quindi è prevedibile in una certa misura. ma la corrente pandemia Sembra che questo numero sia almeno triplicato.

Mentre il meccanismo alla base del delirio COVID-19 rimane un mistero, i ricercatori del Michigan affermano che è chiaro che i pazienti in terapia intensiva infettati dal coronavirus Corona virus Soffrono di un “significativo onere neuropsichiatrico” durante la degenza ospedaliera e dopo la dimissione.

“Nel complesso, questo studio evidenzia un’altra ragione per cui la vaccinazione e la prevenzione delle malattie gravi sono così importanti”, Lui dice L’anestesista Phillip Vlisides del Michigan Medicine.

“Ci possono essere complicazioni neurologiche a lungo termine di cui probabilmente non parliamo tanto quanto dovremmo”.

All’inizio dell’epidemia, ad esempio, lo screening dei pazienti per i sintomi del delirio non era raro.

Anche quando è stato osservato il delirio, sono stati introdotti raramente regimi di esercizio e altre nuove strategie per migliorare le prestazioni cognitive, come il tempo faccia a faccia con la famiglia o la respirazione, forse perché al momento non erano prontamente disponibili dispositivi di protezione.

READ  Questa stella che esplode emerge dalla Via Lattea

Il possibile risultato è che molti pazienti con casi gravi di COVID-19 sono stati dimessi dall’ospedale con gravi disturbi cognitivi, che non sono stati adeguatamente trattati.

Questo è un grosso problema. Il delirium è generalmente associato a ospedalizzazione prolungata e al recupero dalla malattia.

Nel nuovo studio del Michigan, ad esempio, i pazienti con delirio avevano soggiorni più lunghi in ospedale e nell’unità di terapia intensiva. Hanno anche trascorso più tempo facendo affidamento sulla ventilazione meccanica.

“Qualsiasi modo creativo in cui possiamo implementare i protocolli di prevenzione del delirio è probabile che sia più vantaggioso”, Lui dice Felicide.

“Ciò include una comunicazione costante con i membri della famiglia, portando foto e oggetti da casa e visite video se la famiglia non può visitare in sicurezza”.

A quanto pare, quei pazienti che sono sproporzionatamente suscettibili alle forme gravi di COVID-19, come quelli delle comunità di minoranze etniche e razziali, hanno anche maggiori probabilità di sviluppare delirio mentre sono in ospedale.

In effetti, i ricercatori del Michigan hanno scoperto che metà dei pazienti nel gruppo delirio erano afroamericani, un riflesso sorprendente delle persistenti disparità nell’assistenza sanitaria negli Stati Uniti.

Saranno necessarie ulteriori ricerche nelle strutture per acuti e tra gruppi più grandi e diversificati prima di poter dire con certezza chi è più a rischio di sviluppare delirio al momento del ricovero in ospedale con COVID-19.

Mentre lo studio nel Michigan ha scoperto che le pazienti di sesso femminile hanno maggiori probabilità di cadere nel gruppo del delirio, altri studi preliminari indicano che i pazienti di sesso maschile nell’unità di terapia intensiva hanno maggiori probabilità di avere un deterioramento cognitivo.

READ  Lo studio rileva che i vaccini Pfizer e Moderna possono fornire protezione da COVID per anni, poiché l'Australia lotta per contenere la variante delta

Se si scopre che il delirio è davvero un’esperienza comune per le persone con grave COVID-19, dobbiamo iniziare a riconoscere e trattare i sintomi il prima possibile. Altrimenti, può essere molto difficile per i pazienti malati di COVID-19 rimettersi in piedi.

Lo studio è stato pubblicato su BMJ è aperto.