noviembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Lo studio rileva che la nebbia del cervello nei pazienti COVID-19 può persistere per mesi, anche in coloro che non sono stati ricoverati in ospedale

Un cartello ricorda ai frequentatori del festival di monitorare se stessi per possibili sintomi del coronavirus all’ingresso del Princess of Wales Theatre il primo giorno del Toronto International Film Festival 2021, il 9 settembre, a Toronto (Chris Pizzello, Invision, The Associated Premere)

Tempo di lettura stimato: 3-4 minuti

ATLANTA – Il deterioramento cognitivo – descritto come nebbia del cervello – può durare per mesi in COVID-19 pazienti, anche per alcuni che non sono stati ricoverati in ospedale, secondo un nuovo studio.

ricerca, Pubblicato venerdì in JAMA Network Open, ha scoperto che quasi un quarto dei pazienti COVID-19 nel registro del Mount Sinai Health System ha avuto qualche problema con la memoria – e sebbene i pazienti ospedalizzati avessero maggiori probabilità di sviluppare questa nebbia cerebrale dopo aver contratto il coronavirus, alcuni pazienti ambulatoriali avevano anche disturbi cognitivi.

«In questo studio, abbiamo riscontrato una frequenza relativamente alta di deterioramento cognitivo diversi mesi dopo che i pazienti avevano contratto il COVID-19. Disturbi del funzionamento esecutivo, velocità di elaborazione, fluidità di categoria, codifica della memoria e richiamo erano prevalenti tra i pazienti ospedalizzati», Jacqueline Becker, colleghi. all’Icahn College of Medicine al Mount Sinai di New York, ha scritto nello studio.

«Questo modello è coerente con i primi rapporti che descrivono la sindrome displastica post-COVID-19 e ha implicazioni significative per gli esiti occupazionali, psicologici e funzionali», hanno scritto i ricercatori. Ricerca separata, pubblicata ad aprile in The Lancet Journal of Psychiatry, ha scoperto che fino a una persona su tre infetta da COVID-19 sviluppa salute mentale a lungo termine o sintomi neurologici.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie includono difficoltà a pensare o concentrarsi – a volte indicato come «nebbia del cervello» – nella sua lista di Condizioni post COVID.

Il CDC osserva sul suo sito Web che «sebbene la maggior parte delle persone con COVID-19 migliori entro poche settimane dalla malattia, alcune persone sviluppano casi post-COVID». «I casi post-COVID sono una vasta gamma di problemi di salute nuovi, ricorrenti o persistenti che le persone possono sperimentare quattro o più settimane dopo la loro prima infezione con il virus che causa il COVID-19».

Il nuovo studio ha incluso dati, da aprile 2020 a maggio 2021, su 740 pazienti COVID-19 senza storia di demenza. L’età media dei pazienti era di 49 anni. È stata valutata la prestazione cognitiva di ciascun paziente e i ricercatori hanno analizzato la frequenza del deterioramento cognitivo tra i pazienti.

Di tutti i pazienti, i ricercatori hanno scoperto che il 15% mostrava una ridotta fluidità vocale nel parlare. il 16% fa parte di un insieme di abilità mentali chiamate funzione esecutiva; il 18% ha mostrato un deficit nella velocità di elaborazione cognitiva; 20% nella loro capacità di elaborare categorie o elenchi; 23% nel recupero della memoria e il 24% nella codifica della memoria, tra gli altri inconvenienti.

I ricercatori hanno notato che i pazienti ospedalizzati avevano maggiori probabilità di avere problemi di attenzione, funzionamento esecutivo, scioltezza in classe e memoria.

Ad esempio, quando si tratta di recupero della memoria, i ricercatori hanno scoperto che il 39% dei pazienti ospedalizzati aveva una compromissione in quell’area rispetto al 12% dei pazienti ambulatoriali. Quando si tratta di codificare la memoria, i dati hanno mostrato che il 37% dei pazienti ricoverati aveva una compromissione rispetto al 16% dei pazienti ambulatoriali.

Gli autori hanno notato il potenziale di bias del campione perché i pazienti sono venuti al Mount Sinai Health System perché erano sintomatici.

«L’associazione di COVID-19 con il funzionamento esecutivo solleva questioni chiave riguardo al trattamento a lungo termine dei pazienti», hanno scritto i ricercatori. «Sono necessari studi futuri per identificare i fattori di rischio e i meccanismi alla base del deterioramento cognitivo, nonché le opzioni di riabilitazione».

Storie correlate

Altre storie che potrebbero interessarti

READ  La NASA rinvia il lancio di SpaceX Crew-3 alla Stazione Spaziale Internazionale