enero 26, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Lo strano caso della mappa e la scomparsa di un ministro taiwanese all’American Democracy Summit

WASHINGTON, 12 dicembre (Reuters) – Un video di un ministro taiwanese durante il Summit sulla democrazia del presidente degli Stati Uniti Joe Biden la scorsa settimana è stato tagliato dopo che ha mostrato una mappa nella sua presentazione di Taiwan in un colore diverso dalla Cina, che afferma che l’isola ne fa parte. .

Fonti che hanno familiarità con la questione hanno riferito a Reuters che una presentazione presentata dal ministro del Digitale taiwanese Audrey Tang venerdì ha suscitato il panico tra i funzionari statunitensi dopo che la mappa è apparsa nel suo video per circa un minuto.

Le fonti, che hanno chiesto l’anonimato per la delicatezza della questione, hanno detto Feed video Lo spettacolo di Tang è stato tagliato durante una tavola rotonda e sostituito con solo l’audio – per ordine della Casa Bianca.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

La Casa Bianca era preoccupata che la distinzione tra Taiwan e la Cina su una mappa in una conferenza ospitata dagli Stati Uniti – alla quale Taiwan era stata invitata a mostrare sostegno in un momento in cui è sotto forte pressione da Pechino – potesse essere vista come un disaccordo. Le fonti hanno affermato che la politica di «una Cina» di Washington, che evita di prendere posizione sul fatto che Taiwan faccia parte della Cina.

Il Dipartimento di Stato ha affermato che la «confusione» sulla condivisione dello schermo ha portato alla caduta del video di Tang, definendolo un «errore assoluto».

«Apprezziamo la partecipazione del ministro Tang, che ha dimostrato l’esperienza globale di Taiwan su questioni di governance trasparente, diritti umani e lotta alla disinformazione», ha detto un portavoce del ministero.

READ  La moglie del figlio di un miliardario è stata trasferita in una prigione del Belize dopo essere stata accusata della morte di un anziano poliziotto

La presentazione di Tang includeva una mappa a colori della ONG sudafricana Civicus, che classifica il mondo in base all’apertura ai diritti civili.

È stata mostrata la maggior parte dell’Asia, con Taiwan verde, che la rende l’unica entità regionale descritta come «aperta», mentre tutte le altre entità, inclusi molti alleati e partner statunitensi, sono state classificate come «chiuse» e «represse». ostruito’ o ‘ristretto’.

Cina, Laos, Vietnam e Corea del Nord sono colorati di rosso e descritti come «chiusi».

Quando il moderatore è tornato da Tang pochi minuti dopo, non c’era nessun video di lei, solo audio e uno screenshot che diceva: «Ministro Audrey Tang Taiwan». Il disclaimer sullo schermo in seguito ha dichiarato: «Tutte le opinioni espresse dagli individui in questo pannello sono quelle dell’individuo e non riflettono necessariamente le opinioni del governo degli Stati Uniti».

Una delle fonti ha detto a Reuters che la mappa ha innescato una rapida raffica di e-mail tra i funzionari statunitensi e il Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca ha chiamato con rabbia il Dipartimento di Stato, che sembra mostrare Taiwan come un paese distinto.

Washington si è lamentata con il governo di Taiwan, che a sua volta era arrabbiato per il taglio del video di Tang.

La fonte ha descritto la mossa degli Stati Uniti come una reazione eccessiva perché la mappa non riguardava intrinsecamente i confini nazionali, ma il Consiglio di sicurezza nazionale era anche arrabbiato per il fatto che la diapositiva non fosse apparsa nelle versioni «beta» della presentazione prima del vertice, sollevando dubbi sul fatto che erano messaggi intenzionali da Tang e Taiwan.

«Hanno soffocato», ha detto la fonte della reazione della Casa Bianca.

Una seconda fonte direttamente coinvolta nel vertice ha affermato che l’operatore della cabina video ha agito secondo le istruzioni della Casa Bianca. «Si tratta chiaramente di preoccupazioni politiche», ha detto la fonte, aggiungendo: «Questa è stata una reazione interna completamente esagerata».

READ  La Russia apre un nuovo procedimento penale contro i principali alleati di Navalny

Le fonti hanno ritenuto che questo passaggio durante una sessione di discussione su «affrontare la tirannia digitale» contraddica la missione del vertice di promuovere la democrazia di fronte alle sfide della Cina e di altri. Hanno anche affermato che potrebbe indicare che il sostegno dell’amministrazione a Taiwan non è stato «solido» come ha ripetutamente affermato.

Un portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale ha affermato che il resoconto di Reuters sull’incidente è «impreciso».

«La Casa Bianca non ha mai ordinato che le trasmissioni video del segretario Tang venissero interrotte», ha detto il portavoce in una e-mail, accusandolo della confusione sulla condivisione dello schermo e aggiungendo che il video completo può essere visualizzato sulla pagina web del vertice.

Alla domanda se pensava che il governo degli Stati Uniti avesse tagliato il video a causa del lapsus, Tang ha detto a Reuters in una e-mail: «No, non credo che questo abbia nulla a che fare con la mappa Cevicus nelle mie diapositive o con gli alleati degli Stati Uniti in Asia per quella materia. .»

Il ministero degli Esteri di Taiwan ha accusato «problemi tecnici».

In seguito ha detto che l’offerta di Tang è stata fatta in anticipo e non è stata mostrata all’ultimo minuto.

«Taiwan e gli Stati Uniti hanno preso pieno contatto su questa questione tecnica e le due parti godono di una forte fiducia reciproca e di relazioni solide e amichevoli», ha aggiunto.

La questione arriva in un momento particolarmente delicato per le relazioni tra Stati Uniti e Taiwan, con alcuni critici dell’amministrazione Biden ed esperti di politica estera che chiedono più manifestazioni pubbliche di sostegno all’isola, inclusa la fine della sua politica di lunga data di «ambiguità strategica». se gli Stati Uniti lo avrebbero difeso militarmente.

READ  Netanyahu ha lottato per rimanere al potere lo scorso fine settimana come primo ministro israeliano

Gli esperti di Taiwan hanno affermato di non considerare la codifica a colori della mappa come una violazione delle linee guida non ufficiali degli Stati Uniti, che vietano l’uso di simboli palesi di sovranità, come la bandiera di Taiwan.

«Ovviamente, non si tratta della distinzione tra sovranità, ma del grado di espressione democratica», ha affermato Douglas Ball, l’ex ambasciatore non ufficiale degli Stati Uniti a Taiwan.

sotto Linee guida del governo degli Stati Uniti A partire dal 2020, le mappe del governo degli Stati Uniti che mostrano la sovranità per colore richiedono che a Taiwan venga mostrato lo stesso colore della Cina, sebbene si possano fare eccezioni «quando il contesto richiede che Taiwan sia specificamente identificato».

Bonnie Glaser del German Marshall Fund degli Stati Uniti ha affermato che le linee guida non si applicheranno a una mappa del governo non statunitense, «ma gli Stati Uniti probabilmente vorranno evitare di sembrare a favore di Taiwan che non fa parte della Cina».

«Mi sembra che all’inizio sia stata presa la decisione che Taiwan può/dovrebbe essere inclusa al vertice della democrazia, ma solo in modo coerente con la politica statunitense».

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Simon Lewis a Washington e Ben Blanchard a Taipei. Montaggio di Daniel Wallis e Diane Craft

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.