enero 22, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Lo afferma il pannello delle Nazioni Unite. Incontra la donna che ha aiutato un Paese a prendere una decisione storica per esercitare il proprio diritto a vivere in mare

Il dottor Youssef Wahid e sua moglie Manal Wahid hanno cucinato la cena in un campo profughi a Duisburg, in Germania. Il percorso verso la morte quando migliaia di persone lasciano i loro paesi d’origine a causa di guerre, genocidi, persecuzioni politiche e religiose.

«Nessuno è intervenuto dopo che abbiamo chiamato dal mare. Non ci hanno salvato, quindi meno persone vengono in Europa, quindi altri immigrati hanno più paura di venire «, dice.

“Dobbiamo essere una lezione per gli altri rifugiati a non venire in Europa. Non c’è altro motivo per questo «, ha affermato il dott. Wahid.

Lui e sua moglie Sands si sono capovolti nel 2013 su una barca che trasportava più di 400 immigrati con i loro 4 figli piccoli. Più di 200 persone sono morte da quando l’Italia o Malta non sono intervenute dopo ripetute telefonate rigorose da parte dei migranti in mare. Un altro esempio di catastrofe umanitaria ha intensificato il dibattito in Europa su come affrontare le traversate in traghetto tra le nazioni. Un evento che uccide migliaia di immigrati in mare e nel caos politico a causa di una burocrazia e di una regolamentazione lente e spesso inefficaci.

Dott. Secondo il documento, Wahid e la sua famiglia erano originari della Siria Amnesty International Nel 2019, la Siria è stata classificata come uno dei principali paesi di rifugiati. I wahidi sono curdi-siriani, la più grande minoranza etnica della Siria, e le politiche discriminatorie della Siria contro le minoranze etniche hanno costretto i siriani a fuggire dal paese. Poi la madre di Wahid lo chiamò

Era in Russia dopo aver completato i suoi studi di medicina, sostenendo che l’Interpol lo stava cercando. «Sono stato perquisito dall’Interpol perché ero un attivista e ho parlato con le persone di non aver paura della loro identità curda, era un problema», ha detto Wahid.

Per alleviare le tensioni in Siria e consentire al popolo curdo di lavorare, il partito curdo ha chiesto al governo libico il permesso per gli attivisti curdi certamente formati, che non possono più lavorare in Siria o in Russia, di poter lavorare negli ospedali della Libia. . »

Nel 2011, il governo di Gheddafi si è concluso con la sua morte a causa della rivoluzione libica, e lì è iniziato un movimento. «La gente ha iniziato a protestare e la pentola ha cominciato a bollire anche lì. Abbiamo formato un gruppo lì per porre fine alla disuguaglianza. Anche il popolo curdo voleva la nostra indipendenza lì. Quando abbiamo tenuto i nostri incontri di gruppo, dopo uno o due incontri, alcuni estremisti islamici si sono infiltrati e loro gruppo Volevano andare in una direzione diversa, ma sono stato rimosso da questo gruppo perché non avevo l’ambizione in cui credevo «, spiega Wahid.

«Quando abbiamo lasciato il gruppo, abbiamo appreso che questi estremisti islamici appartenevano all’Isis. Alcuni dei miei colleghi sono stati uccisi, decapitati, alcuni sono scomparsi e sono stato minacciato che avrei lasciato la Libia o sarei stato ucciso. L’ISIS crede che il popolo curdo non sia musulmano, ed è a causa delle frequenti conversioni dei curdi che l’ISIS non è un vero musulmano, quindi non potrà mai essere fondamentalista”, spiega Wahid.

Circa 40 medici hanno dichiarato di aver deciso di fuggire al mare con le loro famiglie. Wahid spiega: “Mentre stavamo lasciando la Libia via mare, i libici hanno abbattuto la nostra barca e la barca ha cominciato ad affondare vicino all’Italia. 268 persone sono morte su quella nave, comprese le nostre 4 figlie. Il dottor Wahid è emotivo e sua moglie piange per quello che è successo nel 2013.

L’anno scorso, con una decisione senza precedenti, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha fatto un torto a un particolare paese, nel qual caso l’Italia ha permesso che 200 migranti morissero in mare per non aver rispettato il dovere di uno stato nelle operazioni di ricerca e soccorso in mare. . L’Italia è stata accusata di «non aver risposto immediatamente» all’operazione di salvataggio del Paese dopo che la nave è stata abbattuta «da una barca battente bandiera berbera in acque internazionali» a 70 miglia a sud dell’isola italiana di Lampedusa. , Ha detto una giuria di 18 esperti.

Uno dei membri dell’UNHCR del gruppo Hélène Tigroudja, ha contribuito a prendere la storica decisione di riconoscere l’incapacità dell’Italia di difendere il «diritto alla vita» in mare.

«La decisione del Consiglio per i diritti umani è importante perché è la prima decisione presa a livello internazionale. Pertanto, l’ente per i diritti umani sta esercitando il suo diritto a vivere in mare e questa è la prima volta che l’impegno di uno stato in un’area di ricerca e soccorso è stato meticolosamente perseverato», ha affermato Dikrutza.

I due stati coinvolti nell’annegamento di oltre 200 migranti nel 2013 hanno impiegato 7 anni, compresa l’Italia e Malta. “Ci sono voluti 7 anni per le famiglie delle vittime e dei morti. Ci sono voluti 7 anni per prendere questa decisione. 7 anni perché i richiedenti devono completare i rimedi domiciliari prima di poter presentare una richiesta alla Commissione per i diritti umani. Ma i rimedi casalinghi non funzionano «, spiega Dikrutja. «Questa decisione è un passo importante per essere accettabile», afferma.

Ma non tutti i fatti sono stati ancora compresi. “Non è chiaro cosa sia successo nel 2013 e perché le autorità italiane non siano intervenute immediatamente. Le vittime e le loro famiglie vogliono la verità e la luce del sole.

L’avvocato italiano per i diritti umani Andrea Sacuzzi rappresenta alcune delle famiglie rimaste sia a Malta che in Italia con lo stesso appello: «L’Italia di solito interviene, ma questa volta ritarda il recupero».

“Queste decisioni hanno lo scopo di migliorare la situazione mettendo in chiaro che gli stati non possono essere ritenuti responsabili per qualcosa che è successo oltre i loro confini. Questa decisione significa che qualsiasi scappatoia nel termine diritti umani deve essere evitata «, ha spiegato Sakkusi.

L’indifferenza nei confronti dei rifugiati e il trattamento disumano delle persone che lasciano le proprie case per avere una possibilità di vita dignitosa non è certo una novità, e perché è importante questa decisione senza precedenti dell’UNHCR?Dal punto di vista giuridico, non ci sono risultati soddisfacenti. è un momento importante per dire ai Paesi che le persone hanno diritti e diritti umani, anche quando sono in mare, e che hanno il diritto di vivere non solo quando sbarcano, ma anche in mare», ha detto Dikrutza.

«Il governo italiano ha l’obbligo di processare le persone per la morte dei profughi, se necessario e opportuno».

Dott. Youssef Wahid e sua moglie Manal Wahid sono ora rifugiati a Duisburg, in Germania, dove vivono in un campo profughi «brutto». Sono completamente dipendenti dallo stato e non sono in grado di lavorare come facevano nel loro paese d’origine, la Siria e la Russia, dove il dottor Wahid ha studiato epidemiologia. Nonostante la loro educazione e il loro talento, vivono nascosti da molti anni.

READ  Gli immigrati afghani combattono i talebani