septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’italoamericano Colombo Club di Auckland compie 101 anni

Auckland – Nel 1919, un gruppo di 22 giovani dell’area piemontese dell’Italia nordoccidentale si riunì la sera in una casa nel nord di Auckland per bere alcolici e bere carte e posare. Piccoli incontri simili hanno avuto luogo in altre case della famiglia Bymande della zona.

Negli anni ’20, l’energia entusiasta degli uomini aveva sopraffatto i loro ospiti. “Così li abbiamo cacciati dalle nostre case e abbiamo detto loro di suonare da qualche altra parte”, una delle anziane, Lucia Puppion, descrisse a suo nipote molti anni dopo. Altrove diventerà il Colombo Club, un secolo dopo – o 101 anni dopo, per la precisione – e si afferma con orgoglio come “il più grande club italo-americano a ovest del Mississippi”. Situato al 5321 Clarmont Ave, il club ospita almeno una mezza dozzina di eventi comunitari ogni mese e serve regolarmente cene multicore a 500 persone.

Nick Nicora, presidente del Colombo Club di Auckland, parla con il suo padrino, Tara Cody, prima di lanciare una delle cene mensili del club il 15 luglio. L’anno scorso cadeva il centenario del club italoamericano a causa dell’epidemia di Covit-19. Dal 12 agosto a settembre, il Colombo Club ospita una mezza dozzina di eventi “Cento Annie Pio Uno”. (Doug Duran – Fotografo dipendente)

C’è una grande sala da ballo sopra la sala da pranzo. Ha una sala club, una sala riunioni, un’aula scolastica, uffici e una grande cucina. In una stanza di storia, c’erano un tempo due corti di posa, contenenti documenti storici, fotografie, opere d’arte e altre mostre, tra cui il libro recentemente completato, “100 anni di St. Annie – Colombo Club”, del nipote Rich Papion. Uno dei 22 soci fondatori del club e il suo immediato past presidente.

“Gran parte del successo del club potrebbe essere dovuto alla sua missione fondamentale di mantenere vivo il patrimonio culturale italiano”, ha detto il presidente del club Nick Nicora nelle sue congratulazioni ufficiali per la prossima serie di festival annuali. “Il Colombo Club sarà sempre un centro culturale italiano, un luogo dove vivere il vero senso del nostro patrimonio italiano”.

Il centenario dello scorso anno è caduto nel bel mezzo dell’epidemia di COVID-19, quindi se continua dal 12 agosto a settembre, il Colombo Club ospita una mezza dozzina di eventi “Cento Annie by Uno” (“100 anni più uno”), membri -solo serata esibizione e ballo il 21 agosto e soci E ospiti cena e ballo compreso il 28 agosto.

Rich Puppyon, storico del Colombo Club e l’immediato past presidente e nipote di uno dei suoi 22 soci fondatori, parla con Ray Mycardi di Pleasanton durante una delle quattro cene mensili del club il 15 luglio ad Auckland. (Doug Duran – Fotografo dipendente)

I principali spettatori del club nel corso degli anni hanno incluso diverse stelle dello sport italo-americano, tra cui l’ex campione mondiale dei pesi massimi Rocky Marciano; Joe DiMaggio, fannullone dei New York Yankees; Altri grandi del baseball della major league come Cookie Lavaceto e Billy Martin; E il San Francisco 49ers Football Hall of Fame Leo Nomelini.

READ  Italexid: l'Italia 'domina sempre più' gli euroscettici - Alle persone piacciono i diritti | Mondo | Notizia

Lo sport è uno dei momenti salienti dell’ora di cocktail al club. Durante una cena pre-padre-figlia il 15 luglio, Billy Castell, un membro di 58 anni dei Los Angeles Dodgers e di altre squadre che ha servito come scout per più di 30 anni ed ex presidente del club, ha finalmente descritto come il il miglior Ricky Henderson di tutti i tempi è diventato l’Atleta di Oakland piuttosto che un Dodger.

Fatte salve le sue basi, la storia andò così: nella primavera del 1976, durante una partita del liceo al Bushrod Park di Auckland, Henderson fece le sue prime due uscite con i Dodgers e Ace Scouts. Uno scout di alto livello che è partito per l’aeroporto – i Dodgers l’hanno fatto per l’incrocio. L’esploratore di A è rimasto. Nei suoi successivi due ad-bat, Castell descrisse Henderson come “colpire due fuoricampo e correre come un inferno”. “Un esploratore ha fatto tutto quello che stava cercando?”

Quest’anno ricorre il 70° anniversario dell’attuale sede del club, inaugurato nel dicembre 1951, dopo che il fiorente club era cresciuto fino a superare la sua pietra miliare originale, 4915 Broadway. L’edificio è stato infine demolito per far posto a Baxter in un appartamento di Broadway aperto nel 2018.

Tuttavia, il luogo di incontro originale dei 22 giovani – che alla fine fondarono il club Colombo – è ancora nella casa al 2037 di Pleasant Valley Away, uno dei soci fondatori del club, Magiorino Lovison. È vicino all’ex Cava Bilger, dove lavoravano alcuni dei soci originari, guadagnando circa 2 dollari al giorno, e al centro di un’area un tempo con una grande popolazione italiana. Oggi una parte del sito è occupata da un centro commerciale ancorato a Safeway.

I piatti di pasta sono pronti per essere portati in tavola il 15 luglio durante una delle quattro cene mensili del Colombo Club ad Auckland. (Doug Duran – Fotografo dipendente)

“Questa parte di Auckland una volta era Little Italy”, ha detto il membro del consiglio del club Joe Guerrero. “Bymondes, Genovese e un po’ di Toscano erano qui. Calabras era a West Oakland.”

READ  Amanda Knox afferma che "Stillwater" sta realizzando un profitto nella sua vita

Un altro monumento duraturo alla regione Piemonte d’Italia (“Pimont” in italiano) è il nome della città più vicina, Piemonte.

“Fino al 1951, tutte le riunioni si tenevano a Bymondis”, ha detto Papillon. Sebbene alcuni linguisti la considerino una lingua separata, Bymondis è oggi considerata dal governo italiano la lingua italiana. “Man mano che (il club) cresceva, l’hanno aperto a chiunque provenisse dall’Italia”.