Secondo i dati diffusi dall’Associazione Nazionale Energie Rinnovabili ANIE Rinnovabili, a fine giugno 2021 l’Italia aveva installato 50.442 sistemi di accumulo collegati a generatori di energia rinnovabile. Questi sistemi di accumulo hanno una capacità combinata di 251,9 MW e una capacità massima di stoccaggio di 404,9 MW. Ciò si confronta con la capacità di stoccaggio distribuita di 115,9 MW / 186,3 MW a fine dicembre 2019 e 189,5 MW / 295,6 MW a fine 2020.

La nuova capacità installata per i primi sei mesi di quest’anno è di 59,9 MW / 106,58 MW, che rappresenta il periodo di sei mesi più forte mai registrato nel paese per l’implementazione dello storage. In confronto, la capacità di stoccaggio di nuova distribuzione per l’intero anno 2020 è di 73,7 MW / 106,5 MW.

Secondo i nuovi dati, la maggior parte dei dispositivi si basa su tecnologie agli ioni di litio con una capacità totale di 48.904 246,0 MW / 319,5 MW, con lo stock rimanente rappresentato da batterie al piombo e altre tecnologie.

Viene utilizzata la maggior parte dei sistemi di accumulo nell’area lombarda: 14.379 unità con una capacità combinata di 62,9 MW / 107,2 MW.

La Regione ha attivato uno schema di sconti pluriennali per gli impianti di risparmio residenziali e commerciali in abbinamento al fotovoltaico ea settembre ha stanziato ulteriori 20 milioni di euro a titolo di abbuono.

READ  Relazioni USA-Italia e unità atlantica

La regione Veneto ha la seconda capacità di stoccaggio di 38,6 MW / 67,6 MW, supportando l’implementazione di stoccaggio distribuito attraverso un piano temporaneo.

Questo contenuto è protetto da copyright e non può essere riutilizzato. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: [email protected].