octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Italia presenta il quadro della riforma fiscale promessa all’Unione Europea

Giuseppe Fonde

Roma Il governo italiano ha detto martedì che presenterà un disegno di legge che trascende le tensioni politiche della coalizione del primo ministro Mario Tragi e getta le basi per una più ampia riforma fiscale promessa all’Unione europea.

Il disegno di legge, che mira ad aumentare l’occupazione tra i giovani e le donne, alleggerirà il sistema, combatterà l’evasione ed eliminerà molte “micro-tasse”, secondo una bozza vista da Reuters.

Tuttavia, la scadenza è lunga. Una volta approvato dal Parlamento, deve essere attuato entro 18 mesi, afferma il progetto.

Il disegno di legge era stato inizialmente promesso a fine luglio nell’ambito del Piano di risanamento e recessione di Roma (PNRR)

“La riforma fiscale è uno degli aspetti chiave PNRR Miriamo a stimolare le debolezze strutturali del Paese e la ripresa come parte integrante con l’aiuto dei fondi dell’UE ”, afferma un documento del governo con il disegno di legge.

L’argomento principale del governo è una proposta avanzata dal Tesoro per rinnovare il valore imponibile degli immobili, che spesso è inferiore ai valori reali di mercato.

Questa modifica è stata consigliata all’Italia dalla Commissione Europea.

Tuttavia, il conservatore Forza Italia della lega di destra e Silvio Berlusconi, legislatori dei maggiori partiti di coalizione, temevano che avrebbe imposto più alloggi a molti contribuenti.

Per superare la loro opposizione, la bozza afferma che il governo non cambierà gli attuali valori immobiliari tassabili prima del 2026.

Tuttavia, martedì la Lega è apparsa ancora insoddisfatta, con i suoi ministri che non hanno partecipato all’inizio di una riunione di gabinetto chiamata ad approvare il disegno di legge, hanno detto fonti.

READ  Questa non è la tua nonna della squadra di calcio italiana

Secondo la bozza, l’Italia prevede di adeguare le aliquote fiscali per gli investimenti finanziari con l’imposta sul reddito delle società a medio termine.

L’aliquota d’imposta sugli investimenti finanziari diversi dai titoli di Stato è attualmente superiore all’imposta sul reddito d’impresa (Iris).

L’ultimo bilancio del governo, presentato il mese scorso, potrebbe costare l’1,2% del PIL o ulteriori 22 22 miliardi (25,52 miliardi di dollari) l’anno prossimo.

Una gran parte di questo importo sarà utilizzata per finanziare i tagli fiscali nella riforma fiscale, hanno affermato fonti del governo.

(1$ = 0,8622 euro)